Diario di un killer sentimentale

0
264
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Luís Sepúlveda

regia e adattamento Filippo Rubino

cast artistico Filippo Rubino, Ivo de Palma, Diana Dell’Erba, Massimiliano Moriotti, Elena Savio, Hassane Krissane.

musiche originali Alessandro De Caro

scene The Shivers

luci Michele Di Erre

impianto sonoro Filippo Rubino e Dreams Comm.s

video Yuri Storasi

illustrazioni: Alessio Moroni e Alessio Furfaro

Una produzione Compagnia Teatrale Rubino

Durata: 70 minuti circa

————–
ERA UN PROFESSIONISTA IMPECCABILE… MA HA COMMESSO L’ERRORE PIU’ GRAVE… E GLI È COSTATO CARO!
A distanza d’anni da quello sconvolgente evento, si imbatte casualmente nel luogo dove tutto è cominciato. Qui comincia a ricordare, e a raccontare di come nel suo ultimo incarico ha perso l’affidabilità professionale… e l’unico amore della sua vita.
—————

IL ROMANZO:

Diario di un killer sentimentale è un romanzo breve di Luís Sepúlveda, del 1996, edito in Italia da Guanda. Il risvolto della copertina ci svela qualcosa della trama:

«Un professionista è sempre un professionista, ma la giornata era iniziata male: faceva un caldo infernale a Madrid e la sua amichetta francese l’aveva piantato come un cretino per qualcuno incontrato a Veracruz. La compagnia di una buona bottiglia di whisky e di una mulatta non gli aveva risollevato l’umore, quella ragazzina viziata dai fianchi sodi e dalla bocca rossa lo aveva proprio messo al tappeto. In fondo, dietro i modi da duro, lui era un killer sentimentale. Il tipo che doveva eliminare, uno con l’aria dell’idealista, non gli piaceva affatto, puzzava troppo di filantropia. I retroscena dell’incarico, però, lo incuriosivano stranamente. Chi voleva la sua morte? Quali peccati aveva commesso? Perché un filantropo appariva coinvolto in traffici di droga? Era sempre rischioso farsi troppe domande…».

«Con Diario di un killer sentimentale, L. Sepúlveda ci offre un piccolo capolavoro di romanzo noir, un thriller deliziosamente ironico che, dopo aver trascinato il lettore da Madrid a Istanbul, da Francoforte a Parigi, lo sorprende con uno strepitoso colpo di scena finale».

LO SPETTACOLO – Note di REGIA:

Un killer sentimentale è un ossimoro vivente, eppure l’autore riesce a renderlo non solo credibile, ma anche molto umano e accattivante. Fare di questo breve ma fulminante romanzo una versione teatrale appare come uno dei modi più naturali, e potenzialmente esaltanti, di fruire di quest’ opera, scritta in una prima persona così intima che conduce il pensiero immediatamente al monologo.

Ma la presenza di vari personaggi, nel testo, e di dialoghi serrati e pregnanti ci ha spinto in una direzione diversa da quella del classico spettacolo-monologo con un attore, una sedia e uno sfondo nero. Nel Diario di un killer sentimentale, di Luís Sepúlveda abbiamo previsto, effettivamente, un solo attore sul palco, ma gli altri personaggi e i loro dialoghi con il protagonista saranno comunque presenti sotto diverse forme. Tra gli artisti che hanno contribuito con la propria voce figura anche il nome del noto doppiatore Ivo De Palma.

NOTE di STILE:

La vera e propria fonte di ispirazione per la nostra versione teatrale, che è anche la cifra stilistica che intendiamo perseguire, risiede nel linguaggio in cui è scritto, che lo rende un’opera sempre attualissima. L’aspetto che più ha colpito l’ideatore, regista e interprete Filippo Rubino è stato proprio lo stile linguistico del romanzo, perfettamente ascrivibile al classico genere Noir, ma ancor più appartenente ai registri e alle caratteristiche di un altro gran successo del Noir: SIN CITY, capolavoro del fumetto di Frank Miller portato al cinema egregiamente da Robert Rodriguez. Pertanto, l’obiettivo principale è trasferire nello spettacolo teatrale questo immaginario pulp-noir proveniente da media diversi (testo di Sepúlveda con linguaggio alla Frank Miller, stile grafico del fumetto, regia ed interpretazioni del film).

Un grande contributo in questo proviene dalle collaborazioni avviate con gli artisti del fumetto Alessio Moroni e Alessio Furfaro, con gli scenografi e direttori delle luci Michele Di Erre e Andrea Gagliotta, e il videomaker Yuri Storasi.

 

DICONO del ROMANZO:

 
 

“Si fa apprezzare, più che per l’intreccio, per il modo in cui il carattere del protagonista viene tratteggiato per mezzo dei suoi stessi pensieri, per lo stile elegante, per l’ironia degna dei grandi scrittori americani.”

 
 

“Un romanzo breve raffinato e ben congegnato, un noir con un filo conduttore fatto di pura ironia: Diario di un killer sentimentale è uno dei romanzi meglio costruiti che Sepúlveda abbia mai generato. Una lettura sferzante, mordace e pungente che vi accompagnerà il tempo di una passeggiata al parco.”

 
 

“È un racconto che si lascia leggere tutto d’un fiato, lo stile è fulminante e coinvolgente.”

 
 

“Lucido, a tratti cinico e duro, riflette appieno lo sguardo tagliente sul mondo di chi, per professione, svolge quella di killer su commissione.”

 
———–
 
BIOGRAFIA di Filippo Rubino:

Torinese, 30 anni, laureato in Dams Multimediale con una tesi sull’attore nell’era digitale. Ha studiato recitazione a Roma, all’ Actor’s Center di Michael Margotta, dopo aver appreso le basi del mestiere alla Ods Dreams di Torino. Vive le sue prime esperienze recitative nel settore cinematografico indipendente, finché non scopre il teatro a Roma, dove avvia un percorso di studio ed approfondimento sui vari metodi recitativi e in particolare sul teatro contemporaneo, materia verso cui ha indirizzato i suoi studi universitari. Al suo ritorno a Torino partecipa come protagonista, nel 2011, alla sit-com per il web “Funny Toys”, mentre l’anno successivo ricopre il ruolo principale nello spettacolo “ICARO”, di Luca Atzori, andato in scena al Teatro Espace e al Festival Mad Pride. Oggi alterna la sua attività recitativa a quella di insegnante ed acting coach in lingua inglese avendo una conoscenza di livello bilingue ed alcune esperienze di recitazione in lingua. Ideatore, produttore, regista e interprete di Diario di un killer sentimentale, di Luís Sepúlveda, spettacolo in cui desidera sublimare quanto appreso nei suoi primi anni di formazione e carriera.

————-

Diario di un killer sentimentale

VENERDI’ 13 Novembre 2015, h. 21, al Teatro Cardinal Massaia (via Sospello 32, Torino).

Info e biglietti: prenotazioni@teatrocardinalmassaia.it o telefonare allo 011.257881.

Sito di riferimento: www.teatrocardinalmassaia.it

Sito dello spettacolo: www.diariokillersentimentale.wordpress.it (anche su Facebook)

 

 

 

LEAVE A REPLY