Miseria&Nobiltà

0
278
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoproduzione ELSINOR CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE

dal testo di Eduardo Scarpetta

regia Michele Sinisi

scritto con Francesco M. Asselta

con Diletta Acquaviva, Stefano Braschi, Gianni D’addario, Gianluca delle Fontane, Giulia Eugeni, Francesca Gabucci, Ciro Masella, Stefania Medri Giuditta Mingucci, Donato Paternoster, Michele Sinisi

aiuto regia Roberta Rosignoli

scene Federico Biancalani

direzione tecnica Rossano Siragusano

costumi GdF Studio

———

Prove aperte

Lo spettacolo ha inizio molto prima dello spettacolo. Vorrei che il pubblico incontrasse i personaggi di Miseria&Nobiltà in carne e ossa, vorrei che li percepisse come reali e vivi sulla scena come di fatto sono: attori e attrici che salgono su un palco e danno vita ad uno spettacolo di cui fa parte anche lo spettatore per il solo fatto di esser presente a guardarli in quel momento. E’ per questo che ho scelto di lavorare a porte aperte, per creare uno spettacolo che non inizia né si esaurisce nello spazio e nel tempo di una serata a teatro ma che comincia molto prima, quando è il singolo osservatore a decidere di farlo iniziare. Perché Miseria & Nobiltà è un esperienza fatta prima ancora del sipario. (Michele Sinisi)

In occasione del debutto della nuova produzione firmata Elsinor, il Teatro Sala Fontana apre le sue porte a tutti coloro che vorranno assistere alle prove dello spettacolo. Regista e attori lavoreranno di fronte ad un pubblico curioso di conoscere come si costruisce uno spettacolo. Dal giorno 17 al giorno 25 novembre e dall’1 al 7 dicembre negli orari di prova stabiliti giornalmente dal regista. Per poter assistere alle prove non è necessaria la prenotazione, si consiglia tuttavia di chiamare il teatro per conoscere gli orari di convocazione della compagnia.

La storia di un povero squattrinato, Felice Sciosciammocca, che costretto a vivere di espedienti per rimediare a fatica un tozzo di pane, dà vita a una fitta tessitura di trovate dialogiche e di situazioni che rappresentano la summa dell’arte attoriale italiana e di quanto di meglio la storia del teatro (in particolare quella napoletana) abbia prodotto nel tenere il pubblico inchiodato alla sedia. Questo testo rappresenta la festa del teatro, quanto di più “Felice” un pubblico possa incontrare. Dalle platee Miseria&Nobiltà è poi migrato nel cinema, grazie al film di Mattioli, e nella tv creando veri e propri simboli e immagini vivide nelle memoria collettiva. Totò (il Sciosciammocca più celebre) che mette in tasca gli spaghetti è divenuto una sorta di tatuaggio, materia di imitazione in gruppi di persone davanti al bar nella vita di tutti giorni. Miseria &Nobiltà è un Mito, è un collante sociale la cui storia oggi è evocata da alcuni passaggi che tutti in Italia ricordano e sarebbero in grado di citare. “Vingenz m’è padre a me”, “lettera a lu compare nepote”, il momento degli spaghetti, Totò che fa il principe in casa di Semolone, sono le battute di un ritornello che la platea teatrale ripeterebbe all’unisono con la scena, come succede ad un concerto di musica pop. Non si tratta più di una storia ma di rito collettivo i cui paletti non sono più rappresentati dalla pedissequa evoluzione dialogica della storia, ma dal montaggio sulla scena di un linguaggio teatrale totalmente intonato alla complessità del contemporaneo che sta per strada, fuori dal teatro: Miseria & Nobiltà ritorna a quel testo del 1888 solo riscoprendosi rito nell’oggi con una straordinaria squadra di attori che s’impossessano della scena. Dice Sciosciammocca nell’ultimissima battura della storia “Torno nella miseria, però non mi lamento: mi basta di sapere che il pubblico è contento.”

Miseria & Nobiltà del mestiere del vivere recitando.

———

Michele Sinisi, classe 1976, è attore e regista teatrale, formatosi con registi del calibro di Valerio Binasco, Marco Baliani Carlo Quartucci, Ferruccio Marotti, Roberto Ruggeri e Claudio De Maglio.

Candidato Finalista nel 2014 e nel 2008 come miglior attore per il Premio Ubu, ha lavorato con registi come Andrea Baracco, Valerio Binasco, Leo Muscato, Veronica Cruciani, Carlo Bruni, Simona Gonella e Tonino Conte. Fonda nel 2001 la compagnia Teatro Minimo con Michele Santeramo e lavora sia su testi di drammaturgia contemporanea sia sui classici. Esordisce nel 1996 in “La bottega del caffè” di Carlo Goldoni al fianco di Ascanio Celestini. Regista e interprete di spettacoli come “Riccardo III” di W. Shakespeare, “L’arte della commedia” di E. De Filippo, “Le scarpe” e “Sequestro all’italiana” di M. Santeramo, “Amleto” di W. Shakespeare, firma le regie di “La prima cena” e “Il sogno degli artigiani” di M. Santeramo, “Agamennone” di Eschilo, “Macbeth” di W. Shakespeare e “Moby Dick” di H. Melville. È autore, oltre che interprete, di spettacoli come “Murgia (cartolina di un paesaggio lungo un quarto)” – spettacolo segnalato al Premio Scenario 2003 – “Li Mari Cunti”, “Ettore Carafa”, “Otello (o la gelosia di Jago)” e “Il Grande Inquisitore”.

Tra gli spettacoli in cui recita come attore si ricordano “Hamlet” di W. Shakespeare con la regia di Andrea Baracco, “Il guaritore” di M. Santeramo con la regia di Leo Muscato, “La palestra” di G. Scianna con la regia di Veronica Cruciani, “La rivincita” di M. Santeramo con la regia di Leo Muscato e “Terra Promessa” con la regia di Marco Baliani.

Per il cinema è interprete in “Francesco padre”, cortometraggio di Donatella Altieri, “Squadra antimafia”, “L’attacchino”, cortometraggio di Tiziano Laera, “L’altra”, cortometraggio di Sergio Recchia e “Il cielo della domenica”, cortometraggio di Ermes De Salvia, “L’oro rosso” e “Anyway” e “Be” di Cesare Fragnelli, “La casa delle donne”, lungometraggio di Mimmo Mongelli, “Pesci o puttane”, lungometraggio di Cesare Fragnelli, “Baal”,  lungometraggio di  Marcello Cava.

———

TEATRO SALA FONTANA – COME RAGGIUNGERCI

Via Boltraffio 21 – Milano


Tel. 0269015733 E-mail fontana.teatro@elsinor.net M3 M5 (ZARA) – TRAM (2 – 4 – 7 – 33) -
BUS (60 – 70 – 82 – 90 – 91 – 92) 


Parcheggio convenzionato – via Ugo Bassi 2


Accesso disabili – con accompagnamento

———

PREZZI

Intero – € 18,00


Ridotto – € 14,00 (Studenti universitari / convenzionati )


Ridotto – € 9,00 (Under 14 / over 65 ) Gruppi scuola – € 9,00

Speciale 31 dicembre 35 euro

———

PREVENDITE

www.teatrosalafontana.it – www.vivaticket.it

———

ORARI SPETTACOLI

Giovedì – sabato ore 20.30 domenica ore 18.00

———

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

prenotazioni telefoniche al numero 02 69015733 da lunedì a venerdì dalle ore 9.30 alle ore 18.00 via mail a fontana.teatro@elsinor.net

———

RITIRO BIGLIETTI

da lunedì a venerdì dalle 15:00 alle 18:00
la biglietteria apre due ore prima dell’inizio dello spettacolo Ritiro entro 45 minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

LEAVE A REPLY