Il resto è silenzio

0
295
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoShakespeare Shaker è la rassegna estiva, tra giugno e luglio, tra Firenze e Scandicci, che la Fondazione Teatro della Toscana dedica a Shakespeare nel 400° anniversario della sua morte.

Una riflessione su un teatro diverso, per non dire ‘nuovo’, che sia fortemente legato a comunità di spettatori.

Iniziata al Teatro della Pergola con Lear di Roberto Bacci (in scena ancora fino a mercoledì 15 giugno), la manifestazione continua al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci martedì 14 giugno, ore 21.15, ingresso libero, con Il resto è silenzio, dramma del potere in Shakespeare presentato dal Coordinamento Teatro come Differenza, che da anni lavora con i pazienti di Salute Mentale.

Info: www.teatrodellatoscana.it/#teatro-studio

————–

martedì 14 giugno, ore 21.15 | Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci

Coordinamento Teatro Come Differenza (Arbus – Arte in Corso – EsTeatro – Isole Comprese – Sfumature in Atto)

IL RESTO È SILENZIO

Il dramma del potere in Shakespeare

liberamente tratto da 5 opere di William Shakespeare

consulenza drammaturgica Giacomo Fanfani

luci Lorenzo Castagnoli

costumi Antonio Musa

musiche originali Tommaso Hagge

regia Coordinamento Teatro Come Differenza

in collaborazione con Servizio di Salute Mentale Adulti SOS-SMA 1-4, 2, 3, 5 Firenze e SOS-SMA 6 Campi Bisenzio

****

Cinque compagnie, sei registi, che lavorano da molti anni con il teatro nella Salute Mentale, si sono messi in gioco con il Coordinamento Teatro come Differenza, e dopo Borderline (2013), Reading (2014), Antologia del Nulla (2015, 2016), presentano oggi Il resto è silenzio – Il dramma del potere in Shakespeare. Ogni gruppo porta in scena l’estratto di un diverso dramma.

Arbus ha lavorato su Otello esplorando il tema del potere nelle relazioni Otello/Iago e Otello/Desdemona: potere che la mente dell’uomo ha sulla rappresentazione individuale della realtà e sulle conseguenze che questo può avere nelle relazioni affettive uomo/donna.

Arte in corso si è interrogato su Re Lear in cui si racconta la solitudine del potere determinata dalle sue stesse regole e dalle esigenze dinastiche della lotta alla successione.

EsTeatro contribuisce a questo ‘ritratto’ sul potere con la messa in scena di una rivisitazione originale tratta da Riccardo III dove si mette in risalto come la brama di potere possa arrivare a calpestare ogni etica e morale.

Su Amleto è invece incentrato il contributo di Isole Comprese. La vicenda del pallido principe che si sottrae a se stesso, vivendo le inquietudini del Castello di Elsinore nella propria mente, produce un corto circuito all’interno del teatro, tra fare ed essere.

Sfumature in Atto ha scelto, infine, di lavorare su La Tempesta, opera che in un certo senso apre e chiude tutto Il resto è silenzio, inquadrando le diverse interpretazioni del potere in una visione idealizzata della tempesta come potenza della natura che simboleggia la violenza degli uomini. A questo scenario assiste Prospero che, abbandonati i propri poteri magici, chiude lo spettacolo riflettendo sull’effimera illusione del potere stesso.

LEAVE A REPLY