Hélène Grimaud in concerto

Il 3 aprile, ore 20.30, all'Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia), Roma

0
233
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Mat Hennek

Ancora la Natura protagonista nella musica e nella vita della pianista francese Hélène Grimaud che, dopo l’interesse per la salvaguardia dei lupi (nel 1999 ha fondato a South Salem, vicino New York, il Wolf Conservation Center), rivolge ora lo sguardo alla magia dell’acqua.

Water è il titolo dell’ultimo disco e anche quello del concerto per la Stagione di Musica da Camera dell’Accademia di Santa Cecilia (Sala Santa Cecilia – lunedì 3 aprile ore 20,30), una esplorazione in una dimensione quasi onirica nella quale la pianista invita a una profonda riflessione su una risorsa preziosa del nostro pianeta, attraverso la personalissima scelta di otto grandi compositori. «Sono pezzi che ho amato molto sin da bambina ma che stranamente non avevo mai suonato» afferma la Grimaud, «l’acqua è stata una fonte di ispirazione per molti compositori, ho cercato di indagare questo rapporto». In programma Wasserklavier di Luciano Berio, Rain Tree Sketch II di Toru Takemitzu, Cathédrale engloutie di Claude Debussy, Almeria di Isaac Albéniz, Barcarolle n. 5 di Gabriel Fauré, Les jeux d’eau à la Villa d’Este di Franz Liszt, In the mists 1 diLeoš Janáček, Jeux d’eau di Maurice Ravel. A concludere la serata la Sonata per pianoforte n. 2 di Johannes Brahms, testimonianza del primo periodo creativo del compositore, coincidente con l’inizio della sua amicizia con Robert e Clara Schumann.

——

Hélène Grimaud

Potrebbe essere definita una donna del Rinascimento per i nostri tempi. Hélène Grimaud non è solo un artista profondamente appassionata e impegnata, le cui realizzazioni musicali svolgono un ruolo centrale nella sua vita. E’ una donna con diversi talenti che si estendono ben al di là dello strumento che suona, con espressione poetica e controllo tecnico senza pari. L’artista francese si è affermata come ambientalista, impegnata nella protezione della fauna selvatica, come attivista dei diritti umani e come scrittrice.

Grimaud è nata nel 1969 a Aix-en-Provence, dove ha iniziato gli studi di pianoforte al Conservatorio con Jacqueline Courtin e successivamente con Pierre Barbizet a Marsiglia. È stata ammessa al Conservatorio di Parigi a soli 13 anni e ha vinto il primo premio in pianoforte tre anni più tardi. Ha continuato a studiare con György Sándor e Leon Fleisher fino a quando, nel 1987 debutta in recital a Tokyo. Lo stesso anno Daniel Barenboim la invita ad esibirsi con l’Orchestre de Paris.

Questo ha segnato il lancio della carriera musicale di Grimaud, evidenziato da concerti con molte delle principali orchestre del mondo e molti direttori celebri. Le sue registrazioni sono state lodate dalla critica e hanno ottenuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il Cannes Classical Recording of the Year, Choc du Monde de la Musique, Diapason d’or, Grand Prix du disque, Record Academy Prize (Tokyo), Midem Premio Classic e la Echo Award.

Tra il suo debutto nel 1995 con i Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado e la sua prima esibizione con la New York Philharmonic con Kurt Masur nel 1999 – solo due dei molti traguardi musicali – Hélène Grimaud ha fatto un tutto diverso tipo di debutto: nello Stato di New York ha istituito il Wolf Conservation Center.

Il suo amore per la specie in via di estinzione è nato da un incontro casuale con un lupo nel nord della Florida, che ha portato alla sua determinazione di aprire un centro di educazione ambientale. “È appagante essere coinvolti nella conservazione diretta e di essere in grado di mettere gli animali nel loro ambiente” ha commentato.

Ma l’impegno di Hélène Grimaud non finisce qui: è anche membro di Musicians for Human Rights, una rete mondiale di musicisti e persone che lavorano nel campo della musica per promuovere una cultura dei diritti umani e di cambiamento sociale.

Per la maggior parte delle persone, organizzare e gestire una organizzazione ambientale o una intensa carriera di musicista sarebbe sufficiente realizzazione. Eppure, incredibilmente, Hélène Grimaud ha anche trovato il tempo di dedicarsi alla scrittura. Il suo primo libro, Variations Sauvages, è stato pubblicato in francese nel 2003 e successivamente tradotto in inglese, italiano, giapponese, olandese e tedesco. Il suo secondo libro, Particulières Leçons, che è in parte romanzo  e in parte autobiografia, esce nel 2005. Nel 2013 ha pubblicato Retour à Salem, ancora un romanzo semi-autobiografico.

Nonostante la sua dedizione a queste molteplici passioni, è attraverso la musica che Grimaud comunica più profondamente le emozioni al pubblico, colto nei vari tour in tutto il mondo. Nel corso di questa stagione, Hélène si esibisce con il suo nuovo programma di recital ispirato all’acqua negli Stati Uniti, Svizzera, Germania, Austria, Italia, Regno Unito e Francia. I suoi impegni orchestrali comprendono il suo ritorno alla Filarmonica di Berlino con Valery Gergiev, l’Orchestre National de Lyon con Leonard Slatkin e l’Orchestra Filarmonica di Rotterdam, con Yannick Nézet-Séguin.

Nel settembre del 2013 la Deutsche Grammophon ha pubblicato i due concerti per pianoforte di Brahms; il primo concerto con Andris Nelsons e la Bavarian Radio Symphony Orchestra e il secondo con la Filarmonica di Vienna. Quando ha suonato Brahms in tour nel sud-est asiatico, The Straits Times di Singapore ha scritto: “La sua interpretazione è stata caratterizzata da tempi rigorosi e da consistenza del tocco, e senza soluzione di continuità nell’interazione tra pianoforte e orchestra.”

Hélène Grimaud è anche una appassionata musicista da camera che si esibisce spesso nei più prestigiosi festival ed eventi culturali, con una vasta gamma di collaboratori musicali tra cui Sol Gabetta, Thomas Quasthoff, Rolando Villazón, Jan Vogler, Truls Mørk, Clemens Hagen e i fratelli Capuçon.

Artista Deutsche Grammophon in esclusiva dal 2002, ha pubblicato Duo, con Sol Gabetta, che ha vinto l’ECHO Award 2013 per “la registrazione da camera dell’anno”. Il repertorio del disco è nato come una ricreazione ispirata di un concerto dato al 2011 al Gastaad Festival e che la Berner Zeitung ha descritto all’epoca come “mozzafiato”, mentre BBC Music Magazine ha scritto che “nel grande primo movimento della Sonata di Brahms Hélène Grimaud produce un contesto di profondità quasi orchestrale su cui Gabetta proietta la sua linea raffinata”.

Tra i dischi precedenti vi sono i Concerti per pianoforte n. 19 e n. 23 di Mozart, nel 2010 Risonanze, con musiche di Mozart, Berg, Liszt e Bartók. Ha poi suonato e diretto Bach con la Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, e un disco di Beethoven con Staatskapelle Dresden e Vladimir Jurowski, Reflection e Credo (entrambi con opere legate tematicamente), un disco di Sonate di Chopin e Rachmaninov, un CD con il Concerto n. 3 di Bartók con la London Symphony Orchestra diretta da Pierre Boulez e un DVD con il Secondo Concerto per pianoforte di Rachmaninov con la Lucerne Festival Orchestra, sotto la direzione di Claudio Abbado.

Hélène Grimaud è senza dubbio un’artista poliedrica. La sua profonda dedizione alla sua carriera musicale, sia in esibizioni e registrazioni, si riflette e ed è reciprocamente amplificato dalla profondità del suo impegno ambientale e letterario.

——

Stagione da Camera

Sala Santa Cecilia – 3 aprile ore 20,30

Hélène Grimaud pianoforte

Berio Wasserklavier

Takemitsu Rain Tree Sketch II

Fauré Barcarolle n. 5

Ravel Jeux d’eaux

Albeniz Almeria

Liszt Les jeux d’eau à la Villa d’Este

Janáček In the mists 1

Debussy La cathédrale engloutie

Brahms Sonata per pianoforte n. 2

——

Biglietti da 18 a 38 euro

I biglietti possono essere acquistati anche presso:

Botteghino Auditorium Parco della Musica

Viale Pietro De Coubertin Infoline: tel. 068082058

Prevendita telefonica con carta di credito:

Call Center TicketOne Tel. 892.101

LEAVE A REPLY