“Frida Kahlo, un nastro intorno alla bomba” di Francesca Cassottana

Andato in scena alla Casa Dani&Swing B&B, Torino

0
170
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Franco Rodi

Nell’intima e coinvolgente location Casa Dani&Swing B&B, precisamente in una delle sue stanze, siete invitati a partecipare alla performance che vi porterà a conoscere la vita della pittrice Frida Kahlo. Frida vi racconterà la sua storia, interagirà con il pubblico e si porrà delle domande sulla sua esistenza. La performance sarà accompagnata da musiche originali suonate dal vivo che esalteranno e creeranno l’atmosfera a supporto del racconto. Il tutto come se fosse una chiacchierata, in un ambiente accogliente e molto ravvicinato.” Presentava così l’invito di questo dinamico e vivace Bed&Breakfast ad uno spettacolo da appartamento risultato davvero particolare. Siamo in una zona molto interessante di Torino, praticamente centrale anche se il verde tutto attorno è molto esteso. È una parte di Torino che ha subito una notevole trasformazione architettonica ed è praticamente irriconoscibile rispetto a pochi anni fa. Piazza Statuto e Via Garibaldi, come il Cimitero con annesso il suo grande parco sono a portata di modesti camminatori. Ed è stata una bella serata, sopratutto per chi non è abituato a spazi piccoli ma, proprio per questo, ricchi di emotività e di possibilità espressive. L’appuntamento era per le 21 e 30 al primo piano di un palazzo in mezzo ad altri. Qui la proprietaria Dani, insieme al suo fantastico cane Swing (da cui il nome del B&B), accoglievano gli spettatori e li posizionava nella sala adibita allo spettacolo. Eravamo gomito a gomito, la maggior parte seduti su tappeti e gli altri su sgabelli. Ci siamo praticamente conosciuti tutti perché eravamo circa una ventina, ed anche qui, come quasi dovunque quando si tratta di eventi culturali, la presenza femminile era preponderante, rispetto alla modesta rappresentanza maschile. Lo spettacolo è un viaggio che parte dall’infanzia per arrivare alla morte di Frida Kahlo. “FRIDA KAHLO, UN NASTRO INTORNO ALLA BOMBA” è un testo di Francesca Cassottana. La chitarra di Ilaria e la voce e la presenza fisica di Francesca ci danno una testimonianza profonda di ciò che è stata la vita durissima ma anche ricca di questa incredibile pittrice messicana. Entriamo nel profondo delle sensazioni e delle scelte che hanno segnato la sua vita. Comprendiamo con una parte del nostro corpo, che non è la testa, perché lei amasse così tanto la vita, nonostante le terribili condizioni fisiche si sia trovata a dover sopportare. Giravano anche due libri-diari con testimonianze esplicite e fotografie sulla sua esistenza ma il clima che sono riuscite a creare le due artiste andava oltre. Abbiamo visto ed assistito ai suoi momenti di rabbia, delusione, amore, speranza e disperazione come se davvero la stessa Frida Kahlo ce lo avesse raccontato, ed il fatto che entrambe siano rimaste sedute su una sedia, fianco a fianco, per tutta la durata dello spettacolo acuiva ancora di più questo racconto intimo con la stessa pittrice. Tra l’altro la somiglianza di Francesca Cassottana, aiutata da un leggero trucco sopratutto alle sopracciglia, con Frida era sorprendente. Al termine siamo andati a degustare cibo e bevande messicane naturalmente piccantissimi, (oltre a fantastici AMAREVOLI che una pasticceria della zona aveva regalato al B&B) ed a chiacchierare fra di noi, con le attrici e con la proprietaria. Insomma come fossimo amici di lunga data invitati in via informale a questa serata. Esiste anche una versione per teatri classici dello stesso spettacolo, anche se forse il dialogo intimo rimane, a mio avviso, il mezzo migliore per far passare queste emozioni.

———

Ilaria Lemmo nasce a Torino nel 1996. Dal 2008 al 2011 ha studiato musica classica al pianoforte con la prof.ssa Salvai Stefania. Ha iniziato a suonare la chitarra nel 2009 e dal 2010-2012 ha studiato blues/rock con Dario Berlucchi. Dal 2013 al 2015 ha studiato arti canore con Federica Guido. Nel 2014 ha scritto ed eseguito la colonna sonora per lo spettacolo teatrale “Avevamo Vent’anni”, pensato da Elvio Fassone, regia CRAB e ha iniziato ad accompagnare il coro di Federica Guido della scuola di musica Mileto di Pinerolo. Nel 2015 ha collaborato con l’attrice Francesca Cassottana per l’esecuzione della musica dello spettacolo “Frida Kahlo, un nastro intorno alla bomba”. Nel 2015-16 ha frequentato la scuola per musicoterapia e dal 2016 frequenta la scuola civica di Musica indirizzo Musica per l’immagine a Milano.

 

LEAVE A REPLY