Argonauti

Il 20 luglio, ore 21, a Reggio Emilia

0
107
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Un Argobus, moderna nave, porta a bordo pubblico, attori e musicisti e naviga attraverso i quartieri, approda nelle piazze, lungo le vie: un viaggio che nelle fermate coinvolge chi sta intorno. L’inedita proposta del Teatro dell’Orsa è risultata vincitrice del bando MigrArti 2017 del MiBACT.

«Molto più di uno spettacolo: è un’impresa che, ispirandosi al mito antico degli Argonauti, accompagna il pubblico in una “città-mondo” alla ricerca del vello d’oro della dignità di ogni persona»: Monica Morini e Bernardino Bonzani introducono Argonauti, performance itinerante che attraverserà la città di Reggio Emilia giovedì 20 luglio, con partenza dai Giardini Pubblici (Parco del Popolo) alle ore 21.

«Un Argobus, moderna nave con a bordo il pubblico accompagnato da attori e musicisti, italiani e giovani immigrati, approda nei luoghi dove più alte sono le tensioni di convivenza sociale» aggiunge Bernardino Bonzani «Porta narrazioni, racconti, performance, musica, dialoghi e saperi tra culture. Un viaggio che nelle fermate coinvolge chi sta intorno».

La performance itinerante Argonauti, ideata da Monica Morini, Bernardino Bonzani, Annamaria Gozzi, si avvale della collaborazione di Michele Ferri artista illustratore, Franco Tanzi scenografo, Gaetano Nenna e Luciano Bosi musicisti, Antonella Talamonti vocalista formatrice, insieme a Roots Evolution, Cooperativa Dimora d’Abramo, Laboratorio Argonauti, Associazione Maliana Badegna e con il sostegno del Comune di Reggio Emilia contributo Restate nei quartieri 2017. Lo spettacolo è la conclusione di un articolato, omonimo progetto, risultato vincitore del bando MigrArti 2017 del MiBACT, che si è sviluppato nei mesi scorsi attraverso un fitto calendario di spettacoli, incontri e laboratori.

Argonauti, ideato e diretto da Bernardino Bonzani e Monica Morini con la consulenza artistica di Gabriele Vacis, vede in scena un gruppo di giovani attori e narratori, immigrati di seconda generazione, migranti e rifugiati: «Sull’Argobus salirà una ciurma di attori, musicisti e spettatori. Ogni tappa sarà un approdo nelle piazze, nelle vie, occasione di incontro col pubblico, di relazione col presente e col passato: le radici, le antenate e gli antenati, i protagonisti di oggi, le contraddizioni, gli inciampi, le esperienze condivise, i desideri di futuro».

Nella performance è prevista la partecipazione attiva della cittadinanza in un rito festoso aperto a tutti: Argonauti, alla ricerca del vello d’oro della dignità.

Info: http://www.teatrodellorsa.com/

LEAVE A REPLY