Il Principe Ranocchio, il musical

Torna a Dicembre nei teatri italiani

0
87
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Torna a Dicembre nei teatri italiani il musical “Il Principe Ranocchio” della Compagnia Bit, pronto di nuovo a far emozionare e divertire piccoli e grandi dopo il successo delle due passate stagioni e dell’Estate 2017.

Prima tappa del tour sarà il 26 dicembre al Teatro Toniolo di Mestre (VE).

A seguire, il 27 dicembre, il musical è atteso al Teatro Comunale di Bolzano.

Il favoloso cast de “Il Principe Ranocchio” sarà in scena il 6 gennaio al Teatro Civico di La Spezia e il 7 gennaio al Teatro Concordia di Venaria Reale (TO).

Chiudono il tour le tappe del 12 gennaio al Teatro Giuditta Pasta di Saronno (VA), del13 gennaio al Teatro Civico di Oleggio (NO) e del 24 marzo al Teatro Carbonetti di Broni (PV).

Tutti gli aggiornamenti sulle varie date del Tour e le informazioni sull’acquisto dei biglietti sono disponibili sul sito www.compagniabit.com www.ilprinciperanocchiomusical.com e sulla pagina facebook https://www.facebook.com/ilprinciperanocchiomusical/

——-

LO SPETTACOLO

Produzione interamente italiana con testi e musiche originali, candidata agli Oscar Italiani del Musical 2016, IL PRINCIPE RANOCCHIO fin dalla prima scena ci condurrà in un magico mondo coloratissimo, che ci farà commuovere, divertire ma anche riflettere sul valore della diversità.

Come nel celebre racconto dei fratelli Grimm incontreremo un principe trasformato in ranocchio dall’incantesimo di una perfida strega, una bellissima principessa, una palla d’oro e uno stagno…

IL PRINCIPE RANOCCHIO è un musical appassionante come una favola vera, ricco di straordinari effetti speciali, costumi e luci, per ricordarci che l’amore, alla fine, può vincere su tutto.

Nel riadattamento della fiaba in musical Melina Pellicano, regista e autrice del libretto, ha riscritto la storia dandole uno sviluppo più ampio e inserendo personaggi inediti non presenti nella fiaba originale. “Nel riscrivere la storia – dichiara Melina Pellicano – ho voluto dare una caratterizzazione particolare ai personaggi inventati, tanto da pensarli come dei caratteri da film d’animazione, con una forte personalità, caricaturali, ironici e con un tocco di follia che li rendesse meno umani e più eccentrici, come se fossero disegnati”.

E l’ironia è infatti uno degli elementi ricorrenti in questa produzione che cerca però di sottolineare con leggerezza un tema di importanza sociale quanto mai attuale: la diversità come valore e come ricchezza e non come qualcosa di cui avere timore.

La regista Melina Pellicano firma anche le coreografie mentre le musiche sono di Marco Caselle, Stefano Lori, e Gianluca Savia; le liriche sono di Marco Caselle.

I costumi sono di Marco Biesta (già costumista dei musical “Priscilla”, “Peter Pan”, “Dirty Dancing” “Newsies”), le scene sono disegnate e realizzate da Vanni Coppo e Renato Ostorero mentre gli effetti speciali sono curati di Alessandro Marrazzo. Il sound design è di Fulvio Fusaro, il light design di Lorenza Pasquale.

Il cast dei protagonisti è composto da: Marco Caselle nei panni del Principe FROG;

la Principessa LILIAN sarà interpretata dalle bravissime Noemi Garbo/Valeria Camici.

Umberto Scida sarà GERARD (Salvo Montalto nella replica dal 7 gennaio a Venaria) mentre Lucrezia Bianco sarà l’incredibile strega BASWELIA. Completano il cast Saulo Lucci nei panni del RE e Marianna Bonansone in quelli di SYBILLE. Corpo di Ballo della Compagnia Bit.

——-

LA PRODUZIONE

Lo spettacolo è realizzato dalla Compagnia BIT che vanta ad oggi più di 500 repliche delle proprie produzioni di musical e danza nei teatri di tutto il mondo. Oltre a Il Principe Ranocchio, ha messo in scena altri grandi successi come All that musical, La Fabbrica dei sogni, Wild West Show, Celebrities e Bit Motion. A dicembre 2017 debutterà la nuova produzione “A Christmas Carol” Musical.

A settembre 2016 ha inaugurato la sede torinese dell’Accademia Internazionale del Musical, con l’intento di creare un centro di eccellenza italiano nel genere e unire la formazione di performers nelle discipline del canto, della recitazione e della danza con la produzione di spettacoli.

LEAVE A REPLY