La “Stagione Spaziale” del Teatro de LiNUTILE omaggia il genio di Stevie Wonder

0
281
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Inaugura all’insegna della musica la “Stagione Spaziale” del Teatro de LiNUTILE sabato 18 novembre, alle 21.00 in via Agordat a Padova. Otto spettacoli che vogliono ampliare il concetto classico di teatro “spaziando” dalla prosa alla musica in una Stagione che porta dentro di sé tematiche che vanno dalla storia antica a quella contemporanea, dai personaggi dell’Iliade a Maria Stuarda, fino a protagonisti della musica come Stevie Wonder. Senza dimenticare l’attualità di temi quali la riforma della Scuola o la guerra.

Federico Sacchi in “Wonderful Visions – #2 La Visione del Sogno | Il sogno di Martin Luther King secondo Stevie Wonder”

In cartellone sabato 18 novembre alle 21.00, “Wonderful Visions – #2 La Visione del Sogno | Il sogno di Martin Luther King secondo Stevie Wonder di e con Federico Sacchi, musicteller e autore di spettacoli dedicati a intrecci tra musica e vita partendo da artisti che hanno generato/ispirato rivoluzioni e movimenti culturali.

Con quattro album capolavoro, dai 21 ai 24 anni Stevie Wonder ha rivoluzionato per sempre il mondo della musica e il concetto di pop music, abbattendo per la prima volta la divisione fra il pubblico del soul e quello del rock. Wonder è diventato così il primo artista crossover della storia, amato in egual misura dai bianchi e dai neri.

Pochi sanno che il pezzo Happy Birthday e il tour dell’album Hotter Than July sono stati fondamentali nell’istituzione, del Martin Luther King Day, la festa nazionale americana che ricorda il giorno della nascita del leader dei diritti civili.

Come è possibile che un cantante pop abbia avuto la forza di cambiare le sorti di una battaglia combattuta senza successo per un decennio? La risposta va cercata nella sua vicenda umana e artistica e il lento processo che portò il tredicenne Little Stevie Wonder a diventare prima Stevie Wonder e poi Stevie, l’artista che come il Dr. King aveva una visione e un sogno: mettere in atto una pacifica rivoluzione capace di cambiare il Sistema dall’interno.

Federico Sacchi porterà il pubblico alla scoperta dell’universo sonoro e umano di Stevie Wonder, creando un vero e proprio “documentario dal vivo” attraverso esperienze d’ascolto, visuals e musica.

Lo spettacolo inaugura anche gli appuntamenti del “Premio LiNUTILE del Teatro”, realizzato con il patrocinio del Comune di Padova ed il contributo della Cassa di Risparmio del Veneto. È inoltre aperto agli aspiranti critici teatrali del network “Lettera 22 – Premio Giornalistico di Critica Teatrale”.

Biglietto intero: 12€
Biglietto ridotto: 10€ (Studiare a Padova Card, bambini fino ai 12 anni)

Informazioni e prenotazioni
tel. 049/2022907
info@teatrodelinutile.com
www.teatrodelinutile.com

Previous articleWunderkammer (12° edizione)
Next articleI ragazzi che si amano
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY