Leonardo Savioli 100. SSS – Suono Studio Savioli dal 7 al 10 dicembre 2017

0
45
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Tempo Reale – Centro di Ricerca, Produzione e Didattica Musicale, in collaborazione con Fondazione Giovanni Michelucci e Regione Toscana, presenta SSS – Suono Studio Savioli, un intervento sonoro nello Studio di Leonardo Savioli al Galluzzo che conclude le celebrazioni del centenario dalla nascita del noto architetto toscano.

Da giovedì 7 a domenica 10 dicembre 2017 aprirà al pubblico presso lo studio del Galluzzo il progetto sonoro SSS – Suono Studio Savioli prodotto da Tempo Reale nell’ambito del programma di iniziative Leonardo SAVIOLI 1001917/2017 L’eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita.

Il progetto, nato da un’idea di Andrea Aleardi e Fancesco Giomi, e realizzato dalla sound designer Agnese Banti, rilegge e reinterpreta gli spazi di uno dei luoghi chiave della vita professionale e personale dell’architetto toscano. La sonorizzazione, infatti, trae ispirazione dalla poetica savioliana attraverso scritti, lezioni e opere, nello specifico lo spazio del suo studio come architettura vivente.

La presenza di Savioli riecheggia nello studio e si accompagna ai suoni di diapason e campane tibetane che ne ingrandiscono la percezione spaziale, ma la traccia delicata delle voci che lo hanno abitato, invita a riflettere sul profondo legame che vi era tra Leonardo e la moglie Flora Wiechmann, restituendo al visitatore l’idea di un luogo intimo, in cui gli animi creativi si fondevano in uno solo.

Per Savioli il segno architettonico è un gesto che genera forme e nuovi spazi, allo stesso modo in SSS il suono è un gesto che riempie la percezione visiva dei vuoti all’interno dello studio e permette di toccarli e viverli diversamente. Il suono infatti va a caratterizzare, connotare e riempire quei vuoti che lo stesso Savioli invitava i suoi studenti a interpretare come architettura in potenza, da comporre con segni su ordinate e ascisse, e su più livelli.

Come dice la compositrice Agnese Banti: “Entrare nello studio di Savioli al Galluzzo è stato come vivere un’esperienza sinestetica in cui i dettagli architettonici e le finiture materiche mi suggerivano suoni metallici, freddi. Ma toccare gli sportelli degli armadi a muro, con il loro grigio argenteo opaco, e realizzare che in realtà fossero pannelli di legno verniciato, mi ha trasmesso tutto il calore di uno spazio intimo, personale, raccolto e affacciato sul paesaggio toscano”.

Solo un nuovo sguardo, quello sonoro di Tempo Reale, ci poteva offrire nuovi percorsi percettivi per esplorare lo studio ed il mondo di Leonardo Savioli, dove luce, spazio, materiali, suoni, presenze e assenze filtrano la poetica dell’architetto, che con le sue opere ci ha aperto nuovi sguardi.”

Andrea Aleardi, Responsabile attività culturali Fondazione Giovanni Michelucci

SSS – SUONO STUDIO SAVIOLI

La sonorizzazione dello studio per un’esperienza percettiva dello spazio architettonico

Dal 7 al 10 dicembre 2017,dalle ore 14:00 alle 17:00 – Ingresso libero, a piccoli gruppi

Studio Savioli al Galluzzo – via delle Romite 12/A, Firenze

Iniziativa a cura di Tempo Reale, Fondazione Michelucci e Regiona Toscana

Ideazione: Andrea Aleardi e Francesco Giomi

Progetto sonoro: Agnese Banti

Allestimento tecnico: Francesco Perissi

Si ringrazia Massimo Becattini per i preziosi materiali audio della lezione di Leonardo Savioli del 9 febbraio 1971 messi a disposizione dal suo archivio.

Leonardo SAVIOLI 100 1917/2017 – L’eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita

Il programma di iniziative per l’autunno 2017, dedicato al centenario dalla nascita di Leonardo Savioli, uno dei più illustri architetti toscani del Novecento, è articolato in vari luoghi dell’area fiorentina e della Toscana coinvolgendo alcune tra le più importanti istituzioni ed è rivolto ad un vasto pubblico di cittadini, studenti, professionisti, università straniere, studiosi ed operatori alla scoperta delle sue opere, dei suoi progetti e del suo pensiero, come chiave di sensibilizzazione verso il patrimonio culturale toscano. Da un lato un patrimonio architettonico e del territorio innovativo e di grande valore storico-artistico dall’altro lato un patrimonio archivistico fatto di esperienze, saperi e sensibilità che ha formato diverse generazioni di architetti, a cominciare da quella delle utopie radicali degli anni Sessanta, sino alle nuove che scoprono oggi un universo di visioni artistiche e progettuali ancora attuale.

Un progetto di

Fondazione Giovanni Michelucci (coordinamento)

Regione Toscana

Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato

Archivio di Stato di Firenze

Fondazione Architetti Firenze

Tempo Reale Centro di ricerca, produzione e didattica musicale

con il contributo di

Città Metropolitana di Firenze

con il patrocinio di:

Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, Comune di Firenze – Museo Novecento, Fondazione Palazzo Strozzi, Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Architettura, AAA-Italia – Ass. nazionale Archivi di Architettura contemporanea, Do.Co.Mo.Mo. – Ass. italiana per la documentazione e la conservazione degli edifici e dei complessi urbani moderni.

LEAVE A REPLY