Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio sul palco del Teatro La Contrada

A Trieste un atteso ritorno

0
1108
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Valerio Faccini

A quasi due anni di distanza torna la coppia Debora Caprioglio e Gianfranco Jannuzzo al Teatro La Contrada di Trieste dopo il successo di È ricca, la sposo e la ammazzo dell’aprile 2015. Il duo vincente del teatro brillante italiano mette in scena l’opera di Pierre Chesnot “Alla faccia vostra che vede protagonisti un gruppo di opportunisti i quali traggono vantaggio dalla morte del ricco padrone di casa Stefano Crespi, un anziano scrittore di successo. In scena a Trieste dal 12 al 17 gennaio la Compagnia Molière / T.T.R. Il Teatro di Tato Russo si avvale della dinamica regia di Patrick Rossi Gastaldi, delle scene di Andrea Bianchi, delle luci di Mirko Oteri e dei costumi di Valentina De Meruli per dare vita ad uno spettacolo divertente e pieno di colpi di scena. Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio sono rispettivamente il genero e la giovane moglie del facoltoso scrittore, Antonella Piccolo l’amorevole governante, l’unica davvero afflitta dalla morte del suo datore di lavoro, Erika Puddu la figlia. La commedia inizia con l’accertamento del decesso di Stefano Crespi da parte del vicino di casa dottor Garrone, interpretato da Antonio Rampino, il quale, dopo la rituale visita stila il certificato di morte. Di qui in poi un avvicendarsi di personaggi che animano la scena ed un susseguirsi di sotterfugi, equivoci, intrighi che vedono protagonisti il titolare delle pompe funebri e il banchiere che deve togliere dai guai genero e figlia del defunto (Gianni Federico e Antonio Fulfaro). Molto piacevoli gli intermezzi musicali tra il primo e il secondo atto Soldi soldi soldi di G. Kramer e I soldi son la mia passion, lo spettacolo si chiude con un monologo, recitato egegiamente, da Gianfranco Jannuzzo sul denaro e sui suoi negativi aspetti. Dopo gli applausi il capocomico presenta uno per uno gli attori e mettendosi la mano sul cuore ringrazia il pubblico.

LEAVE A REPLY