La cucina

Dal 2 al 20 maggio al Teatro Eliseo, Roma

0
163
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Bepi Caroli

Dopo il grande successo di critica e pubblico ottenuto alla sua prima nazionale, il 18 ottobre 2016 e per le successive settimane di permanenza sul palcoscenico della Corte, lo Stabile di Genova ripropone per la stagione 2017/18, La cucina di Arnold Wesker, spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Genova.

Il cast de La cucina è composto da ventiquattro attori (quasi tutti sotto i 30 anni) provenienti dalla Scuola di Recitazione dello Stabile, così come il regista Valerio Binasco, il quale, a proposito della commedia di Wesker annota: «La cucina è una commedia scritta per farvi vedere dei cuochi al lavoro e per mostravi quanto è duro e feroce il loro lavoro, eppure quanto è bello. Vedremo da vicino la violenza che nasce dalla convivenza forzata di persone straniere. Vedremo come l’Europa (ovvero il Mondo) del primo dopoguerra sia così simile al nostro tempo».

Siamo all’alba di una nuova giornata di lavoro in un grande ristorante, non nella sala da pranzo ma dietro la facciata, nelle cucine. Qui i protagonisti sono i cuochi, i camerieri, gli sguatteri, al lavoro in uno smisurato labirinto di fornelli, pentole, padelle e utensili. È qui, nell’attività frenetica, nel ritmo febbrile, fra litigi, pregiudizi ed equilibri difficili, che s’intrecciano le storie, le frustrazioni, le passioni, le gelosie del personale multietnico al lavoro. La cucina è il mondo intero, con i suoi tempi, le sue regole ed il suo cinico pragmatismo in cui tutti noi proviamo a sopravvivere. Per prepararci – prosegue Binasco – sia io che gli attori ci siamo intrufolati nelle cucine di alcuni grandi ristoranti, un mondo a parte che è stato straordinaria fonte di ispirazione. Wesker rappresenta la cucina come un mondo disumanizzante, perché il suo primo obiettivo era la denuncia sociale sulle condizioni di lavoro. Per lui, che voleva affermarsi come ‘poeta del popolo’, la cucina è un brutto posto, è la metafora della fabbrica. Io, invece, penso che non sia un brutto posto e che le persone che lavorano lì rappresentino – come in una miniatura – l’intera umanità. Per me la cucina è una metafora della vita sociale, ma è anche un posto dove si può vedere qualcosa di bello: il lavoro di squadra, l’impossibile insieme di uomini che lavorano in équipe… è un luogo di notevole bellezza. Involontaria, certo, ma pur sempre bellezza. Il nostro compito è quello di catturarla e per me il Teatro contiene di per sé un messaggio di pace, sempre.

Il londinese Arnold Wesker, scomparso nel 2016 all’età di 84 anni, è stato uno dei protagonisti del teatro inglese del secondo ‘900 ed uno degli autori più prolifici, tanto da riuscire a creare quarantaquattro testi per la scena in cinquant’anni di attività. Rappresentata per la prima volta nel 1957, quando il suo autore aveva solo venticinque anni, La cucina resta a tutt’oggi, la sua commedia più rappresentata.

——–

Durata: 2 atti – 2 ore escluso intervallo

TEATRO ELISEO

Da mercoledì 2 a domenica 20 maggio 2018

——–

Orario spettacoli:

martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00

Sabato 5 maggio doppio spettacolo ore 16.00 e ore 20.00

mercoledì e domenica ore 17.00

——–

Biglietteria tel. 06.83510216

Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sab 10.00 – 19.00, dom 10 – 16

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Biglietteria on-line www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234

——–

Prezzi da 20 € a 40 €

La cucina

di Arnold Wesker 

versione italiana di Alessandra Serra

Con

Massimo Cagnina | Andrea Di Casa | Elena Gigliotti

Elisabetta Mazzullo| Aldo Ottobrino | Nicola Pannelli | Franco Ravera

e con

Francesca Agostini | Emmanuele Aita | Lucio De Francesco

Giulio Della Monica | Alexander Perotto | Aleph Viola | Ivan Zerbinati

Antonio Bannò | Giuseppe De Domenico |Noemi Esposito | Giordana Faggiano |Isabella Giacobbe |Martina Limonta | Giulio Mezza | Duilio Paciello

Alessandro Pizzuto | Kabir Tavani

Scene Guido Fiorato

Costumi Sandra Cardini

Luci Pasquale Mari

Regista assistente Simone Luglio

Musiche Arturo Annecchino

Regia Valerio Binasco

Produzione Teatro Stabile di Genova

LEAVE A REPLY