ClassicheFORME – Festival Internazionale di Musica da Camera (2° edizione)

Dal 6 all'8 luglio al Teatro Ipogeo “Bacile”, Spongano (LE)

0
197
Condividi TeatriOnline sui Social Network

ClassicheFORMETre giornate di musica e bellezza nel cuore del Salento. Tre “fresche” serate d’arte musicale, per il pubblico degli appassionati ma anche per i “giovani” curiosi, grazie ad un programma variegato, adatto a qualsiasi formazione.

I riflettori del Teatro Ipogeo “Bacile” di Spongano (Le) dal 6 all’8 luglio si accenderanno nuovamente per accogliere la II edizione di “ClassicheFORME”, Festival Internazionale di Musica da Camera diretto dalla pianista Beatrice Rana. La venticinquenne salentina, indiscusso genio del pianoforte riconosciuto nel mondo, nominata dal Presidente Sergio MattarellaCavaliere della Repubblica Italiana per i particolari meriti, si prepara all’avvio di un’edizione ancora più ricca di contenuti e di concerti di raffinata qualità artistica, con serate a tema. “ClassicheFORME” 2018 si caratterizzerà per un omaggio all’America e in particolare a Leonard Bernstein, nel centenario dalla nascita, con il mezzosoprano Gabriella Sborgi e Beatrice Rana al pianoforte; poi Brahms, con un intero concerto dedicato al compositore tedesco, Schubert, e il Forellen Trio di Marcello Panni, Commissione di ClassicheFORME 2018. Non solo musica, anche una lettura teatralizzata, con gli attori dell’Accademia dei Filodrammatici di Milano, e la proiezione del film Virtuosity di Christopher Wilkinson. Infine, la Festa del Festival, con i Giovani del Locomotive Jazz. Tre giornate, sei appuntamenti, tra il teatro sotterraneo e l’atrio del Palazzo “Bacile”.

Gli artisti protagonisti dell’edizione 2018, che si esibiranno accanto a Beatrice Rana, sono tutti interpreti di consolidata fama e giovani virtuosi da tutto il mondo, che nel Salento si ritroveranno in una sorta di residenza artistica, ospitata negli ambienti adiacenti all’Ipogeo: Enrico Fagone contrabbassista (Svizzera), Solenne Païdassi violinista (Francia), Aylen Pritchin violinista (Russia), Eivind Holtsmark Ringstad violista (Norvegia) e Ludovica Rana violoncellista (Italia), ventiduenne vincitrice di numerosi concorsi e selezionata nel prestigioso Festival Kronberg Academy, nonché sorella di Beatrice Rana.

——-

Dettagli PROGRAMMA ClassicheFORME 2018

Il programma è veramente denso e rappresentativo dei giganti della musica classica.

6 luglio, Ipogeo – Tema: BRAHMS

Il concerto 6 luglio, alle ore 21, è interamente dedicato a Johannes Brahms: saranno proposti la monumentale Sonata per pianoforte e violoncello Op. 99 – dalla densa scrittura che rende l’impasto delle sonorità affine ad una tessitura orchestrale – e lo straordinario Quintetto Op. 34 in fa minore per pianoforte ed archi espressione massima delle tormentate passioni che albergavano, inquiete, nell’animo del compositore. Interpreti saranno, in prima parte le sorelle, Beatrice e Ludovica Rana e, in seconda parte gli altri artisti del Festival: la violinista francese Solenne Païdassi, il violinista russo Aylen Pritchin e il violista norvegese Eivind Holtsmark Ringstad.

Il concerto sarà realizzato nell’Ipogeo Bacile di Castiglione.

——-

7 luglio, Ipogeo – Tema: AMERICA

La giornata del 7 luglio prevede in agenda due eventi: alle ore 19 ci sarà la proiezione del film Virtuosity, di Christopher Wilkinson sulla 14a edizione del Concorso Internazionale Pianistico Van Cliburn in collaborazione con The Cliburn Foundation e Università del Salento. Seguirà una conversazione di Beatrice Rana con Luca Bandirali.

Alle ore 21 sarà celebrato un omaggio al grande Leonard Bernstein, nel centenario dalla nascita, con l’esecuzione di “I hate music!” e “La bonne cuisine” e altri brani di autori americani come Cage, Copland e Ives. Interpreti: il mezzosoprano Gabriella Sborgi e Beatrice Rana al pianoforte. La seconda parte, dedicata sempre all’America, proporrà invece il Quartetto No. 12 Op. 96 per archi “Americano” di A. Dvorak, straordinario capolavoro russo straripante di temi articolati in una struttura densa di timbri e di ritmi di grande suggestione. Interpreti il quartetto formato da Solenne Païdassi, Aylen Pritchin, Eivind Holtsmark Ringstad e Ludovica Rana.

I due eventi saranno realizzati nell’Ipogeo Bacile di Castiglione.

——-

8 luglio, Ipogeo e atrio del Palazzo – Tema: ACQUA

L’8 luglio si articolerà in tre appuntamenti: il primo, alle ore 19, “Le ombre dell’acqua”, una lettura teatralizzata a cura degli attori Marco Fragnelli e Caterina Filograno dell’Accademia dei Filodrammatici di Milano con la partecipazione solistica di Beatrice Rana, Ludovica Rana, Solenne Païdassi, Eivind Holtsmark Ringstad. Questo appuntamento si terrà nell’Ipogeo Bacile.

Alle ore 21, nell’Atrio del Palazzo, all’aperto, sarà eseguito il Forellen Trio di Marcello Panni, Commissione di ClassicheFORME 2018, e di Franz Schubert il Quintetto per pianoforte e archi “Forellen” D 667 in la maggiore, uno dei lavori cameristici più esaltati e popolari del musicista austriaco.

Interpreti Aylen Pritchin, Eivind Holtsmark Ringstad, Ludovica Rana, il contrabbassista Enrico Fagone e Beatrice Rana.

Alle ore 22,30, sempre nell’Atrio, la Festa del Festival con i Giovani del Locomotive Jazz Festival di Raffaele Casarano.

——-

I biglietti per i concerti delle ore 21, da 20 a 10 euro (ridotto Under25), sono disponibili su prenotazione inviando una email a info@classicheforme.com oppure telefonando al numero 393.1948557.
Gli eventi delle ore 19 e la “Festa Jazz del Festival” sono a ingresso gratuito sino ad esaurimento posti disponibili.

——- 

“ClassicheFORME vuole essere l’occasione per ascoltare i grandi nomi del panorama musicale internazionale e i talentuosi giovani che ne rappresentano l’avvenire – dice Beatrice Rana.  Il Festival è un itinerario incantevole che unisce la bellezza della grande musica allo splendore e al fascino della storia di antiche e nobili residenze come quella del Palazzo Bacile di Castiglione a Spongano: l’unicità del nostro territorio ci stimola a fare sempre di più e meglio attraverso la musica, perché è incommensurabile il beneficio che essa reca agli uomini e duraturo è il benessere che rende al territorio.

In genere molti sono i motivi che conducono all’idea di proporre un evento musicale. Il virtuoso territorio pugliese offre stimoli di varia natura per la realizzazione di quell’idea che si basa su due aspetti principali: uno è la considerazione del ruolo fondamentale che occupa la Musica nella vita interiore o ideale delle persone, l’altro è il riscontro materiale che essa genera in virtù del suo rilievo artistico – continua la venticinquenne Direttrice Artistica. Il Festival è solo alla sua seconda edizione ma, in questo breve periodo di tempo, è diventato punto di riferimento sul nostro territorio per tutti gli amanti della grande musica, di cui molti sono turisti provenienti da altre regioni italiane e nazioni estere”.

——-

Il Festival è organizzato dall’Associazione Musicale “Opera Prima” e, nella sua prima edizione ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica, come riconoscimento dell’alto valore che l’iniziativa ha sia nella cultura musicale che nel territorio in cui viene realizzata nonché per la capacità di valorizzare giovani talenti.

L’edizione 2018 si realizzerà anche grazie ai fondi della Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, nella persona di Loredana Capone, al Borletti Buitoni Trust.. Da quest’anno può vantare la collaborazione anche dell’Università del Salento e del Conservatorio Tito Schipa di Lecce. Tra gli sponsor anche Fondazione Puglia.

Media partner di grande rilievo è RAIRadio3 che già nella scorsa edizione ha trasmesso le 3 serate del Festival in un’apposita rubrica dedicata ai più rappresentativi Festival Italiani.

Altri partner sono FAZIOLI Pianoforti che fornirà lo strumento per l’occasione e il FAI – Sezione di Lecce.

Molto importante è il contributo di alcuni Sostenitori e Amici del Festival che, grazie alla spiccata sensibilità e amore verso la Musica hanno donato un contributo per la sua realizzazione.

Un particolare aspetto che connota ClassicheFORME come un polo di forte attrazione culturale e turistica è rappresentato dal fatto che i due maggiori Tour Operator nazionali del settore musicale, “Le note in Viaggio” di Roma e “Il Sipario Musicale” di Milano, abbiano dedicato al Festival i loro viaggi di luglio intitolando rispettivamente “Beatrice Rana e il Salento” e “Il Festival di Beatrice Rana”.

“Le operazioni culturali devono tenere conto di tanti frangenti per risultare veramente innovative in un territorio e noi ce la stiamo mettendo veramente tutta per dare a questa magnifica terra, un motivo in più per venire a visitarla” conclude Beatrice Rana.

——-

Durante il Festival sarà possibile acquistare il CD ClassicheFORME 2017 (prodotto da Opera Prima, registrazione e tecnico del suono Christian Ugenti), con i live dell’8 e 9 luglio scorsi.

——-

Info e prenotazioni:

info@classicheforme.it

Cell. 393 1948557

www.classicheforme.com

——-

ARTISTI ClassicheFORME 2018

Enrico Fagone contrabbassista (Svizzera)

Vincitore di importanti concorsi internazionali, come il Concorso Nazionale per giovani talenti di Contrabbasso “W. Benzi” di Alessandria e il Concorso Internazionale TIM.

In ambito cameristico, collabora con B. Belkin, D. Schwarzberg (per il Progetto Martha Argerich), Mischa Maisky, Katia e Marelle Labèque, S. Krilov, M. Fornaciari, D. Rossi, A. Lonquich, Cristofori Piano Quartet, Trio di Parma, M. Dalberto e Quartetto Modigliani. Ha registrato per le etichette discografiche EMI, Deutsche Grammophon e Warner ed è ambasciatore nel mondo del “Progetto Martha Argerich Presents.

——-

Solenne Païdassi violinista (Francia)

E’ la vincitrice del Concorso Internazionale Long-Thibaud 2010 e Révélation Classique de l’Adami 2012. Ha vinto numerosi premi in Francia e all’estero, Hannover 2009, Sion–Valais, Gyeongnam in Corea, Lysenko in Ucraina. Ha tenuto concerti presso la Tonhalle di Zurigo, Carnegie Hall di New York, Concertgebouw ad Amsterdam, Salle Gaveau a Parigi. Il suo album “Szymanowski-Stravinsky”, del 2014 per l’etichetta Aparté ha ricevuto un enorme successo di critica, tra cui CHOC della rivista CLASSICA e 5 stelle su DIAPASON. Suona un violino Gian Battista Guadagnini, concessole dalla Zilber-Vatelot Foundation di Parigi.

——-

Aylen Pritchin violinista (Russia)

Vincitore del concorso Long-Thibaud-Crespin 2014 e ha ottenuto anche il premio SACEM per il pezzo contemporaneo. si è esibito al Konzerthaus (Vienna), Concertgebouw (Amsterdam), Musikaliska (Stoccolma), Mozarteum (Salisburgo), Ciajkovskij Conservatory (Mosca), Théâtre des Champs-Élysées (Parigi). L’etichetta russa “Melodiya” ha pubblicato 3 CD di Aylen Pritchin: opere di violino di Čajkovskij, Stravinsky e Desyatnikov; piano trios di Shostakovich, Weinberg e Ravel (con Lukas Geniusas, pianoforte e Alexander Buzlov, violoncello) e le sonate per violino di Prokofiev registrate insieme a Yuri Favorin. 

——-

Beatrice Rana pianista (Italia)

Ospite delle serie concertistiche e dei festival internazionali più rinomati, tra cui la Tonhalle di Zurigo, la Konzerthaus ed il Musikverein di Vienna, il Festival di Verbier, la Wigmore Hall e la Royal Festival Hall di Londra, il Kennedy Center, la Konzerthaus di Berlino, la Philharmonie di Colonia, il Festival Pianistico Internazionale della Ruhr, il Théâtre des Champs-Elysées, il Festival de La Roque d’Anthéron, il Festival Enesco di Bucarest, il Festival Tongyeong in Sud Corea, la Società dei Concerti di Milano, il Lugano Festival e molti altri, è stata nominata New Generation Artist della BBC, ha vinto il Borletti-Buitoni Trust, il Premio Abbiati come solista dell’anno. Artista Warner ha registrato con l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, sotto la direzione di Antonio Pappano il 1° concerto di P. Čajkovskij e il 2° di S. prokofiev

Il suo cd delle Variazioni Goldberg di Bach è stato inserito dal New York Times tra le 25 migliori registrazioni di classica del 2017.

Nel 2017 è stata nominata dal Presidente Mattarella Cavaliere della Repubblica per motu proprio.

——-

Ludovica Rana violoncellista (Italia)

Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali tra cui la 30a Rassegna Nazionale d’Archi “Mario Benvenuti” di Vittorio Veneto e il 1° premio della Sezione Speciale del “Premio Francesco Geminiani”. Si è esibita presso numerose società concertistiche, tra le quali la Società dei Concerti di Milano, Fazioli Concert Hall, Accademia Filarmonica di Messina, Varignana Music Festival, I concerti del Quirinale, Festival Villa Solomei, Festival Classiche Forme.

Collabora regolarmente con la sorella Beatrice Rana, e ha suonato con vari musicisti tra cui Enrico Dindo, Pablo Ferràndez, Bruno Giuranna, Oleg Kaskiv, Marcello Panni, Massimo Quarta, Danilo Rossi, Alessandro Taverna. Suona un violoncello Claude – Augustin Miremont del 1870.

——-

Eivind Holtsmark Ringstad violista (Norvegia)

Vincitore del Borletti Buitoni Fellowship nel 2016 e dell’Eurovision Young Musician a Vienna, negli ultimi anni ha anche ricevuto il Premio Arve Tellefsen, il Memorial Prize di Øyvind Bergh, il Premio Karoline e il Premio Statoil. Come solista Eivind ha già suonato con orchestre come la Oslo Philharmonic e le NRK Orchestra. Ha debuttato con la Copenhagen Philharmonic e la Bergen Philharmonic Orchestra con il violinista Guro Kleven Hagen che esegue Sinfonia Concertante di Mozart. 

Ha suonato in formazioni cameristiche con Akiko Suwanai, Henning Kraggerud, Lars Anders Tomter, Tanja Tetzlaff, Itamar Golan, Håvard Gimse, Christian Ihle Hadland e Leif Ove Andsnes. 

——-

Gabriella Sborgi mezzosoprano (Italia)

Vince il Concorso Europeo As.Li.Co., “The Actor Singer Competition” della William Walton Foundation, e rappresenta l’Italia al Cardiff Singer of the World Competition.

Raffinata ed eclettica, nasce come interprete del teatro barocco, e del teatro musicale del Novecento; le vengono regolarmente affidate dai piu’ importanti teatri, prime esecuzioni di autori contemporanei quali Bacalov, Boccadoro, Colasanti, Corghi, D’Amico, Denisov e collabora con direttori quali Mehta, Chung, Benedetti Michelangeli, Bolton, Fasolis, con musicisti quali Argerich, Lucchesini, Ballista, Brunello, Filippini, Rossi e registi di rilievo come Abbado, Carsen, Curren, Dodin, Hermanis, Scaparro, Strehler. Ha inciso Towards Verklärte Nacht per Brilliant Classics, inedito di Lieder di Schoenberg, Brahms, Berg e Zemlinsky; Petite Messe Solennelle per Classic Voice e Brilliant Classics, i Canti della terra e del mare di Sicilia di Favara per Claris Audi, Otello di Verdi in DVD prodotto dal Maggio Musicale Fiorentino (direttore Zubin Mehta); Il Ciclo del Tempo di Giorgio Gaslini; i Lieder op. 91 di Brahms per Amadeus.

LEAVE A REPLY