Teatro 7 di Roma, la nuova stagione 2018/2019

Massimo Wertmuller, Rodolfo Laganà, Marco Zadra e Michele La Ginestra fra i protagonisti di una stagione all’insegna della comicità di qualità

0
736
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Teatro 7 Chi ha il coraggio di ridere è il padrone” del mondo scriveva Giacomo Leopardi scelto e citato nel nuovo claim della nuova stagione 2018/2019 del Teatro 7 di Roma che si conferma da oltre 20 anni come il punto di aggregazione degli amanti della comicità di qualità.

Anche il nuovo cartellone del teatro degli spazi di via Benevento con la direzione artistica di Michele La Ginestra è ricco di proposte all’insegna della comicità intelligente alternando, fra ritorni, testi classici o debutti proponendo una formula consolidata e amata dal pubblico, affezionato e numeroso, ma rinnovata. Umorismo, comicità e sensibilità non mancano nelle proposte di stagione che alternano volti noti, come Massimo Wertmuller, Rodolfo Laganà o Marco Zadra a nuove leve come emerge dalla spumeggiante e spassosa conferenza show di presentazione curata da Michele La Ginestra e Sergio Zecca.

Torna a grande richiesta, e per un mese di repliche (dal 20 novembre al 16 dicembre, Come Cristo comanda, lo spettacolo record di incassi, presenze e gradimento della scorsa stagione interpretato da Massimo Wertmuller e Michele La Ginestra, anche autore di una commedia diretta da Roberto Marafante che racconta con delicatezza e umorismo la storia di due uomini che hanno assistito alla crocifissione di Cristo.

È un teatro di piccole dimensioni, ma grande nel rapporto che instaura con il pubblico – ricorda Wertmuller e Come Cristo comanda trasmette un messaggio importante e se il messaggio di Cristo arriva e viene ribadito in una momento del genere assume ancora maggiore importanza”.

Wertmuller torna sul palco per chiudere la stagione (dal 30 aprile al 19 maggio) insieme a Rodolfo Laganà per Amici per la pelle scritto e diretto da Stefano Reali.

Uno degli appuntamenti più attesi della stagione racconta la storia di Tazio e Otello, due 50enni romani che nel 1944 sono riusciti a sfuggire all’occupazione nazista in una sorta di Grande Guerra italiana in un testo in cui si ride, ma senza rinunciare a un finale drammatico.

Si tratta di personaggi inventati che si innestano su una storia vera per raccontare l’atto di eroismo del più giovane martire della Resistenza morto a 12 anni – spiega Reali raccontando la genesi del testo – Quando i tedeschi se ne erano andati avevano minato il ponte sull’Aniene e il ragazzo ha voluto disturbarli. Ho voluto dare visibilità a questa storia immaginando due romani nell’atto di disturbo di questa azione per rendere omaggio a chi è diventato un eroe senza popolarità”.

E per il terzo anno di seguito, la stagione del Teatro 7 si apre presto puntando sulle abilità de I Bugiardini, attori, cantanti, compositori e ballerini, artisti che in B.L.U.E. (musical completamente improvvisato) improvvisano replica dopo replica lo spettacolo (dal 25 settembre al 30 settembre 2018) diverso sera dopo sera.

Si prosegue con la divertente storia di due becchini in Chi muore si rivede, divertente spaccato in cui si riflette fra la vita e morte con Francesco Stella e Giuliano Calandra con la supervisione di Nicola Pistoia (dal 2 al 7 ottobre), con Imparare ad amarsi, commedia romantica di Palmade e Robin interpretata da Pino Insegno e Alessia Navarro che racconta una storia d’amore in stile Ionesco (dal 9 al 21 ottobre).

Alessandro Frittella, Giancarlo Porcari e Tiko Rossi Vairo sono i protagonisti di Restiamo amici lo dici a tua sorella, commedia di Massimiliano Bruno e Sergio Zecca (ora alla regia) riproposto a distanza di tanti anni dal debutto per raccontare la fine diana storia d’amore, ma dal punto di vista prettamente maschile (dal 23 ottobre al 4 novembre).

In A cuore aperto, Patrizio Cigliano e Beatrice Fazi raccontano una commovente storia d’amore che attraversa un secolo di storia italiana e che tocca anche importanti eventi storici (dal 6 al 18 novembre), ma la Fazi impegnata con Federica Cifola, Beatrice Fazi e Giulia Ricciardi per Stremate – ultimo atto, capitolo finale della saga scritta dalla Ricciardi per raccontare “le stremate” in versione agée che fanno un bilancio della loro vita (dal 15 gennaio al 10 febbraio).

Il periodo di Natale (dal 18 dicembre al 13 gennaio) tornano in scena due protagonisti del Teatro 7: Marco Zadra e Sergio Zecca sono i protagonisti di Pigiama per sei di Marc Camoletti, un classico delle commedie degli equivoci fra vendette e colpi di scena inarrestabili riscritto da Zadra che torna alla Francia dopo Feydeau. Ancora equivoci nella scattata commedia inglese Se devi dire una bugia dilla grossa di Ray Cooney (dal 12 febbraio al 3 marzo) già insignita del prestigioso Premio Lawrence Olivier, fra cadaverina nascondere e gag esilaranti con Matteo Vacca, Marco Morandi, Maurizio Di Carmine.

Torna per il secondo anno di seguito (dal 2 al 18 aprile) Gabriele Pignotta, autore e interprete di Toilet, bizzarra commedia che mescola la realtà a un tocco surreale, mentre Michele La Ginestra è ancora autore (con Adriano Bennicelli) e regista di Ago, Bianca e… uno e basta, commedia che torna in scena dopo dieci anni per raccontare la storia d’amore fra due persone con la presenza di un terzo personaggio, il testosterone (dal 5 al 24 marzo). Spazio ai giovani con la Compagnia Diciannoveeventi giovani interpreti di Noi, i ragazzi dello zio di Berlino (dal 26 al 31 marzo) che offrono un ritratto poco edificante dell’Italia di oggi.

Fra uno spettacolo musicale con la band che suona dal vivo (fuori abbonamento) e i provini solitari per cercare attori giovani, nuovi volti da inserire negli spettacoli, il Teatro 7 conferma i suoi appuntamenti tradizionali.

Spazio alla ricca programmazione per bambini curata da Tiko Rossi Vairo con nove spettacoli in scena il sabato pomeriggio alle 17.30, fra inediti e riscritture (Le avventure del piccoli burattino, Romolo & Remo, Rapunzel, Alla ricerca di Babbo Natale, Il meraviglioso Mago di Oz, La scuola dei supereroi, Cattivissimi noi, le fatiche di Ercole, Il libro della giungla) e agli affollati Laboratori Teatrali diretti da Sergio Zecca che training fisico-sensoriale, azione teatrale, narrazione orale, improvvisazione destinati a un pubblico di ogni livello e di ogni età.

Si rinnova l’appuntamento con la solidarietà con lAssociazione Teatro 7 Solidarietà Onlus, con una serie di spettacoli messi a disposizione per sensibilizzare il pubblico e raccogliere fondi, anche in collaborazione con altre Onlus. Cartellone completo e informazioni su abbonamenti e orari disponibili su www.teatro7.it.

LEAVE A REPLY