Il rifiuto

Il 30 novembre, ore 21, al Teatro Cristallo, Bolzano

0
457

ILrifiuto20182019Stampa130x20Dopo il debutto avvenuto lo scorso giugno, teatroBlu ripropone lo spettacolo “Il rifiuto”, il risultato finale di un laboratorio che ha visto impegnati in prima fila cittadini e rifugiati che hanno voluto scommettere su di loro per trovare una nuova via di integrazione, quella artistica. Partendo da un classico di Shakespeare, Romeo e Giulietta, Nicola Benussi, il curatore del progetto nonché regista dello spettacolo ha voluto concretizzare sul palco il tema del rifiuto, così attuale e così familiare ai protagonisti di questo spettacolo. L’appuntamento è per venerdì 30 novembre alle ore 21 al Teatro Cristallo di Bolzano. La serata rientra nell’ambito della rassegna “In Scena” del Teatro Cristallo e del Teatro Stabile di Bolzano e fa parte anche del percorso “Madre Terra” che il Teatro Cristallo realizza in collaborazione con la Caritas di Bolzano-Bressanone e il Centro per la pace di Bolzano.

Venerdì prossimo al Teatro Cristallo di Bolzano va in scena “Il rifiuto”, un progetto spettacolo della compagnia teatroBlu che vede come protagonisti sul palco i partecipanti al progetto “Wish you were here”, cittadini e rifugiati che dall’anno scorso hanno aderito ad un innovativo corso di teatro. Lo spettacolo racconta una contraddizione: il Rifiuto è tutto ciò che appartiene alle nostre vite ma che non riteniamo più indispensabile, qualcosa che abbiamo sfruttato e che avanza; diventato inutile decidiamo di liberarcene, di gettarlo. Il Rifiuto è una presa di posizione, è quello che accade quando decidiamo di non accettare qualcosa e rifiutandola accettiamo in prima persona di fare qualcosa per cambiare la realtà. Il Rifiuto, una parola che ha un doppio significato. Il doppio, la coppia, Romeo e Giulietta, un amore infranto o un amore che può risorgere dalle sue stesse ceneri come un’Araba Fenice, l’amore e i suoi molteplici aspetti: positivi o negativi, bianchi o neri. Questo spettacolo che si presenta nella forma dello «studio teatrale», coinvolge sia giovani richiedenti asilo che semplici cittadini, proponendo un percorso di lavoro creativo che vuole raccontare l’amore e le sue possibilità. L’ispirazione è offerta dalla vicenda di Romeo e Giulietta come archetipi di un amore impossibile ma reso possibile dal suo «Racconto» eterno. L’amore è tutto, l’amore è niente: dipende dalle condizioni in cui ci si trova ad esistere. Tutti questi giovani che aprono uno sguardo al futuro che cosa possono trovare? Troveranno Il Rifiuto imposto da un mondo diverso che non appartiene loro e che non li sa accogliere o rifiuteranno a loro volta questa situazione per il desiderio di prendere posizione e ergersi sulle rovine di ciò che li circonda per dichia- rare la loro possibilità di esistere come uomini e come donne? Non sappiamo quale sarà Il Rifiuto che prenderà il sopravvento in questo nostro presente,  ma restiamo all’erta pronti a cogliere ogni nuova possibilità perché non ci sia una Giulietta in lacrime sul corpo di un Romeo, perché non ci siano labbra serrate che trattengono la rabbia, né corpi avvolti su loro stessi; ma piuttosto bocche traboccanti di parole, di voglia di comunicare, e orecchie pronte ad ascoltare, e mani che possano afferrare e trattenere con forza tutto quello che non dovrebbe scivolare via.


Il biglietto per assistere allo spettacolo è di 10 euro (prezzo intero), 7 euro (ridotto con Cristallo Card), 5 euro (Cristallo Card young). È possibile acquistare i biglietti per questo spettacolo e gli altri della rassegna “In Scena” dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00 – e il giovedì anche dalle 10 alle 12 – alla cassa del Cristallo.  I biglietti si possono acquistare anche online all’indirizzo www.teatrocristallo.it/biglietti.

Per maggiori informazioni sullo spettacolo o per prenotare i posti si può telefonare al Teatro Cristallo, tel. 0471 067822 o mandare una mail a prenotazioni@teatrocristallo.it

LEAVE A REPLY