Trent’anni di Rock Contest in un film

La prima assoluta il 25 gennaio, ore 21, al Cinema La Compagnia, Firenze

0
255
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Rock ContestTrent’anni di Rock Contest, il più importante e longevo concorso per gruppi emergenti in Italia, in un film. Il documentario, con la regia di Giangiacomo De Stefano, già autore di numerosi filmati a tema musicale per Sky e Rai 5, sarà presentato in prima assoluta venerdì 25 gennaio alle 21 al Cinema La Compagnia (via Cavour 50/R, ingresso libero fino a esaurimento posti). La proiezione sarà preceduta dalla presentazione a cura di Giustina Terenzi di Controradio con gli interventi del regista e di Max Collini.

Prodotto da Controradio e Controradio Club con Sonne Film, in collaborazione con Regione Toscana – FSE / Giovanisì, Comune di Firenze e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, il film ripercorre, in poco più di quaranta minuti, tre decenni di musica italiana che si intrecciano con la storia di Firenze, attraverso le testimonianze di big come Manuel Agnelli, Dario Brunori, Piero Pelù, Lodo Guenzi e i Subsonica. Dalla nascita della radio nel 1977 “con un budget di centomila lire”, come raccontano gli organizzatori, alla prima edizione del concorso nel 1984, gli anni del Banana Moon, del Tenax, della new wave e di una scena musicale fiorentina che vantava band che sarebbero diventate iconiche, come i Litfiba o i Diaframma.

Un racconto cinematografico trans-generazionale che, toccando le innumerevoli derivazioni del rock, culmina nella memorabile finale del 2018, con il concerto di una superband d’eccezione: lo scorso primo dicembre, infatti, Max Collini e Daniele Carretti, insieme a Dario Brunori, Tre Allegri Ragazzi Morti, Colapesce, Bologna Violenta, Alessandro Baronciani e Thomas Koppen di Tante Anna, hanno fatto rivivere, sul palco di un Auditorium Flog tutto esaurito, la storia di una band di culto, gli Offlaga Disco Pax, vincitori del contest fiorentino nel 2004, la cui carriera si è prematuramente interrotta per la morte di Enrico Fontanelli, al quale è stata dedicata l’intera edizione del concorso. Gli Offlaga rappresentano il paradigma perfetto del Rock Contest: da band sconosciuta, hanno conquistato pubblico e critica, aggiudicandosi il primo premio, un contratto e la realizzazione di “Socialismo tascabile”, esordio discografico di una formazione che ha scritto un pezzo di storia della musica italiana.

Numerose le testimonianze dei protagonisti della musica italiana, che intervengono nel corso del documentario: da Irene Grandi, che confessa che “quello al Rock Contest è stato il primo concerto in un palazzetto” a Manuel Agnelli che ritiene il concorso “una delle cose di qualità che sono rimaste in questi anni”; da Piero Pelù, che afferma che “per l’Italia il Rock Contest è un punto di riferimento, una sorta di brodo primordiale” a Lodo Guenzi che la ritiene un’esperienza “bellissima, un pezzo di vita”. E ancora, Samuel e Boosta dei Subsonica, che rivelano di aver partecipato al Rock Contest appena quattordicenni con un embrionale progetto hip hop.

Il Rock Contest – dichiara Marco Imponente, direttore generale di Controradio – ha rappresentato per moltissimi musicisti un’opportunità unica di salire su un palco ed essere ascoltati da giornalisti musicali, da produttori e da manager. Un’opportunità per emergere in un mondo, quello della musica, che è diventato negli anni sempre di più difficile approccio. Gli artisti e i gruppi che negli ultimi trenta anni sono passati dal concorso e che sono oggi affermati musicisti, testimoniano nei fatti la bontà del Rock Contest come motore di promozione della nuova musica indipendente in Italia. Il documentario racconta tutto questo attraverso la viva voce dei protagonisti”.

Il documentario Rock Contest è una produzione dell’emittente radiofonica Controradio e dell’associazione Culturale Controradio Club con la collaborazione di Regione Toscana – FSE / Giovanisì, Comune di Firenze e con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

——–

Citazioni dal film:

Il collante di tutti questi decenni è Controradio che ha tenuto insieme le cose e ha continuato a produrre quella bellissima manifestazione che si chiama Rock Contest”

Ernesto De Pascale

È una realtà da cui tutti passano”

Irene Grandi

Una delle cose di qualità che sono rimaste in questi anni”

Manuel Agnelli – Afterhours

Per l’Italia e per Firenze il Rock Contest è un punto di riferimento, una sorta di brodo primordiale”

Piero Pelù

Questi gruppi hanno suonato davanti ad un sacco di persone, e questa cosa è bellissima ed è un pezzo di vita”

Lodo Guenzi – Lo Stato Sociale

LEAVE A REPLY