Io lavoro per la morte

Dal 19 al 24 febbraio al Teatro Elfo Puccini, Milano

0
408
Io lavoro per la morte
Foto di Federica Di Benedetto

testo e regia Nicola Russo

elaborazione drammaturgica Nicola Russo e Sandra Toffolatti

con Sandra Toffolatti e Nicola Russo

scene e costumi Giovanni De Francesco

luci Cristian Zucaro

video Lorenzo Lupano

acconciatura e trucco Aldo Signoretti

produzione Monstera in collaborazione con Le vie dei Festival

si ringrazia Artisti 7607 e Ilva Garuti

——–

In questo nuovo spettacolo Nicola Russo, in scena con Sandra Toffolatti, parte dal ricordo di sua madre. “Mia madre – scrive – è stata una donna molto forte con un carattere di ferro, direi quasi inscalfibile. Gli ultimi anni della sua vita per problemi di salute e per una strana avversione al mondo si è chiusa in casa, in una solitudine ricercata e custodita con ostinazione. Ho sempre pensato che la vita di una persona così solitaria non fosse neanche una vita, ma avevo torto: il pensiero di chi vive in solitudine è una delle cose più vivaci che si possano immaginare”.

Attraverso una scrittura intima in cui convivono ricordi e invenzioni, Nicola Russo ha lavorato su un personale dialogo con una madre non più in vita, ma decisamente presente, per raccontare di come l’assenza di una persona possa essere più ingombrante della sua presenza.

Un dialogo impossibile, una riflessione su quel che resta dopo la morte, su come a volte solo l’assenza di una persona riesca a farci comunicare, grazie alla traccia indelebile del carattere, che ritorna sempre, forte e nitido. Uno spettacolo privato costellato di sogni, sui movimenti del pensiero in solitudine, su di un lessico familiare divertente e dissacrante, che gioca a declinare un taboo dei nostri tempi: la morte.

Dopo il poetico e commovente Vecchi per niente, che gettava uno sguardo insolito sulla vecchiaia raccontata con ironica leggerezza, Nicola Russo porta in scena, con altrettanta finezza, un lavoro sulla morte e sulla maternità, sul lavoro quotidiano e rumoroso per restare in vita anche quando in qualche modo si è già morti.

———

MONSTERA nasce nel 2010 con la direzione artistica di Nicola Russo, attore che negli anni precedenti aveva lavorato con Luca Ronconi come protagonista di Peccato che fosse puttana, con Eimuntas Nekrosius in Anna Karenina, con Marco Bellocchio nel Macbeth, e che è stato interprete di molti spettacoli al Teatro dell’Elfo, per la regia di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani.

Tra le produzioni della Compagnia Monstera Elettra, biografia di una persona comune (vincitore del E45 Napoli Fringe Festival 2010, Le vie dei festival 2012), storia vera, tra luci e ombre, di una soubrette e attrice dell’avanspettacolo, una persona speciale e comune al tempo stesso; Physique du rôle (2011) che, ispirandosi al mondo di Sophie Calle, Hervè Guibert, Catherine Millet e Dino Buzzati, indaga sulle possibili interpretazioni di quell’espressione; Leonce e Lena (Le vie dei festival 2013) favola sull’essere e il non essere, un gioco continuo sulla necessità di essere qualcosa e la convenienza a non essere nulla; La vita oscena (2013), dal libro di Aldo Nove, percorso di formazione di un giovane uomo dalla morte dei genitori attraverso esperienze di alienazione, solitudine, droga, sesso estremo; Vecchi per niente (2015) lavoro ispirato a La forza del carattere di James Hillman andato in scena al Teatro Vascello di Roma nel 2017; Nina (Montreux 1976) prodotto nel 2016 in collaborazione con Le vie dei Festival di Roma e il Festival di Radicondoli, con il sostegno di NovaraJazz. Scritto e diretto da Nicola Russo, lo spettacolo si ispira allo storico concerto che Nina Simone tenne nel 1976 al Montreux Jazz Festival. Sempre nel 2016 Nicola Russo adatta, dirige e interpreta Vite al confino dal libro di Gianfranco Goretti e Tommaso Giartosio La città e l’isola – Omosessuali al confino nell’Italia fascista; lo spettacolo debutta in forma di studio a Le vie dei Festival di Roma.

———-

Sala Bausch, Elfo Puccini, corso Buenos Aires 33 – Mar/sab ore 19.30, dom ore 15.30 – Info e prenotazione: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org

Prezzi: Intero € 32.50, Ridotto € 17, Martedì € 21,50 – www.elfo.org

LEAVE A REPLY