Senza famiglia

Dal 26 febbraio al 3 marzo a Campo Teatrale, Milano

0
150
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Senza famigliadi MAGDALENA BARILE

regia di MARCO LORENZI

con Christian Di Filippo, Francesco Gargiulo, Barbara Mazzi, Alba Maria Porto, Angelo Maria Tronca

light designer Eleonora Diana

organizzazione Annalisa Greco – distribuzione Valentina Pollani

manifesto Daniele Catalli

produzione ACTI Teatri Indipendenti / Il Mulino di Amleto

con la collaborazione produttiva di Campo Teatrale

con il supporto di Residenza IDRA nell’ambito del progetto CURA 2018

con il sostegno del Centro di Residenza della Toscana

(Armunia Castiglioncello – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro)

SPETTACOLO FINALISTA AL PREMIO SCENARIO 2017

—–

Debutta a Campo Teatrale a Milano, dal 26 febbraio al 3 marzo, Il Mulino di Amleto con “Senza Famiglia” testo di Magdalena Barile, regia di Marco Lorenzi, progetto con cui la compagnia è arrivata in finale al Premio Scenario 2017, con Christian Di Filippo, Francesco Gargiulo, Barbara Mazzi, Alba Maria Porto, Angelo Maria Tronca, una produzione ACTI Teatri Indipendenti / Il Mulino di Amleto, con la collaborazione produttiva di Campo Teatrale, con il supporto di Residenza IDRA nell’ambito del progetto CURA 2018, con il sostegno del Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro).

Senza Famiglia” è una creazione folle e imprevedibile che fa pensare a un Natale in casa Cupiello del 2000. Una famiglia, cinque personaggi in relazione, tra conflitti e impossibilità di esprimersi con affetto. La cattiveria e la spietatezza con cui si raccontano certe dinamiche familiari sono memorabili, affascinanti ed esasperate. Mettono in luce il tema della responsabilità e dell’eredità che ci tramandiamo di generazione in generazione, in un dialogo impossibile che mai c’è stato e mai ci sarà. Resta il fallimento storico di una vecchia donna (come una vecchia generazione), che si trasforma in senso di colpa per ciò che lascia dopo di sé. In tutto questo nero e buio ci sarà forse un lampo, un segno, uno stimolo alla ricostruzione?

In scena una mamma, un marito, due figli, e una nonna che ha fatto gli anni’70 e che risorge per convincere la figlia a cambiare vita. Questi i protagonisti di una parabola dark che diventano il pretesto per interrogarci sull’eredità che ci è stata lasciata dai nostri “padri”.

A partire da un racconto spietato, esasperato e memorabile dei rapporti familiari, “Senza Famiglia” narra la storia di un’educazione politica e sentimentale tra generazioni destinata a un grottesco fallimento.

—–

NOTE DI REGIA

‹‹Quando abbiamo cominciato a creare su Senza Famiglia di Magdalena Barile, pensavo di trovarmi alle prese con uno spettacolo che avrebbe parlato in modo originale e divertente della buona vecchia istituzione della famiglia italiana. Invece non solo mi ero sbagliato, ma ho proprio cambiato la mia prospettiva…È vero che “Senza Famiglia” parla di una nonna che “ha fatto gli anni’70” e che risorge per convincere sua figlia a cambiare vita, è vero anche che “Senza Famiglia” è la storia di una educazione politica e sentimentale tra generazioni destinata ad un grottesco fallimento, ma non ci siamo fermati qui. Grazie al cortocircuito tra le parole di Magdalena e il nostro lavoro in sala prove, il nostro “Senza Famiglia” è …Padri e madri, figlie e figli, è un horror psicologico, è una domanda, è la difficoltà (o l’impossibilità) della trasmissione di un’esperienza, è una commedia, è una tragedia, è Biancaneve che prepara una torta avvelenata, è David Lynch, è un funerale, è la crisi di un’epoca, è il funerale di un’epoca, è il rumore del mare, sono degli uccelli morti ora che il nido è vuoto, ed è una donna sola, con gli occhi chiusi che dice “io non sono qui››.

Marco Lorenzi

—–

NOTE DI DRAMMATURGIA

‹‹I primi maestri, buoni o cattivi, sono i nostri genitori. A loro il compito di guidare i primi pensieri, di stabilire per noi cos’è bene, cos’è male. Contestare questi insegnamenti è parte di ogni maturazione: ogni rivoluzione comincia in famiglia. Senza famiglia è la storia tragicomica di una madre, femminista e nostalgica degli anni ‘70, che fuori tempo massimo decide di recuperare il rapporto con la figlia casalinga sottomessa al marito, già madre a sua volta di due figli adulti ma irrisolti. Asserragliate in una vecchia casa al mare, la donna costringerà la figlia a seguire un corso accelerato di emancipazione, anarchia e trasgressione. Gli insegnamenti, mal compresi e non digeriti, finiranno per avere effetti nefasti sull’equilibrio del gruppo familiare. Senza Famiglia racconta di come i sogni dei padri e delle madri cadano come macigni sulle teste dei figli, mentre la comunicazione fra le generazioni sia costellata da equivoci e disastri. Fra voglia di approvazione e voglia di ribellione, i passaggi di consegne fra genitori e figli si trasformano in un tritacarne››

Magdalena Barile

—–

CAMPO TEATRALE
via Cambiasi 10 – Milano
Metro MM2 Udine-Lambrate
Linee di superficie 55-62

ORARI
Dal 26 febbraio al 3 marzo ore 21:00 – Giovedì 28 ore 20. Domenica 3 ore 18:30.

BIGLIETTI
intero: 20 euro – ridotto: 14 euro
26 febbraio biglietto unico € 10
28 febbraio spettacolo + cena € 24
dal 27 febbraio acquisti on-line € 14 anzichè € 20

ORARI BIGLIETTERIA
Presso gli uffici in via Casoretto, 41/a
dal lunedì al venerdì 14.00 -19.00
Sabato 10.00 – 13.00 e 14.00 -19.30 / Domenica 10.00 – 13.00 e 14.00 – 17.30

Presso la biglietteria del teatro in via Cambiasi, 10 
solo nei giorni di spettacolo, da un’ora prima dell’inizio della replica

SERVIZIO BABY SITTING
Il teatro offre un servizio di baby sitting per i bambini dai 3 ai 10 anni, per la replica di sabato 17. Costo del servizio: è € 5 a bambino.

—–

INFORMAZIONI
Telefono: 02/26113133
comunicazione@campoteatrale.it
www.campoteatrale.it

—–

Prossime date

TORINO, Teatro bellARTE – Stagione di Fertili Terreni Teatro

22 e 23 marzo 2019 ore 21.00 // 24 marzo ore 19.00

www.fertiliterreniteatro.com

LEAVE A REPLY