Pinocchio – Il musical

Il 23 e 24 marzo al Teatro Cardinal Massaia, Torino

0
444

Pinocchio - Il musical La Compagnia TeatroMatto è una giovane associazione teatrale torinese nata nel 2012 che segue tutte le fasi della produzione, dalla sceneggiatura ai costumi, dalle scenografie ai casting. Ad ottobre 2013 l’anteprima dello spettacolo “La Bella e la Bestia” ha riscosso un così grande consenso da parte del pubblico che la compagnia ha deciso di ripresentarlo nel cartellone 2015/2016 del Teatro Cardinal Massaia di Torino e da lì è iniziata la nostra avventura. L’idea principale è infatti quella di emozionare il pubblico attraverso un genere, quello del musical, senza dimenticare l’aspetto sensibile che anima l’associazione: tutti gli spettacoli della compagnia TeatroMatto sono promotori di progetti di beneficienza.

Messo in scena dalla Compagnia della Rancia, con Manuel Frattini, la regia di Saverio Marconi e soprattutto le musiche originali firmate dai POOH.

Pinocchio, la celebre fiaba del burattino di legno nata dalla fantasia di Collodi, è diventato il musical più importante che sia mai stato prodotto in Italia: ha debuttato il 14 marzo 2003 a Milano, 313 repliche a Milano e Roma, un tour, tra marzo 2003 e aprile 2005 per un totale di 365.509 spettatori.

Musica, danza e tante belle canzoni per raccontare le avventure di Pinocchio, l’ingenuo burattino di legno un po’ curioso un po’ bugiardo, che si mette sempre nei guai per la sua spensierata voglia di giocare e per il suo rifiuto di crescere. Pinocchio è una favola sempre verde che incanta i bambini e continua a piacere ai grandi e, considerata la sua fama, era prevedibile che dopo la letteratura e il cinema, Pinocchio arrivasse anche in teatro. In realtà, uno dei capolavori del teatro italiano era stato, negli anni Settanta, il “Pinocchio” di Carmelo Bene. Mancava, però, il musical.

Al centro del musical messo in scena dalla Compagnia della Rancia, con le musiche dei Pooh, c’è l’esaltazione della famiglia e dell’amore. Nato da un legno di pino, Pinocchio alla fine potrà diventare un bambino in carne e ossa perché ha imparato ad amare. Gli autori di questo spettacolo, pur mantenendo l’impianto originale, si sono permessi alcuni “tradimenti” rispetto alla fiaba di Collodi, per adattarla alle caratteristiche del musical.

A cominciare da Geppetto: il vecchio falegname non è più misero, è un piccolo imprenditore e invece della sua povera bottega dirige un bel mobilificio dove lavorano (in realtà ballano e cantano, ovviamente) un bel gruppetto di dipendenti. Inoltre il bravo Geppetto non è un uomo solo, che vede in Pinocchio l’unico oggetto del suo amore ma con lui c’è una bella donna che lo corteggia, Angela, che diventerà poi la mamma di Pinocchio.

Il Grillo Parlante, invece, è un mimo ed è meno saggio, talvolta, di quella voce della coscienza che un po’ infastidiva e un po’ preoccupava Pinocchio, mentre il celebre Mangiafuoco si esibisce con una voce da tenore nelle più belle arie rossiniane.
Nuovo è anche il paese dei Balocchi. Non più giostre e baracche per il tiro a segno, ma una scuola che piacerebbe anche ai ragazzi di oggi, una scuola dei Balocchi, dove non ci sono gli insegnanti e i ragazzi, liberi e felici, si scatenano in scherzi, balli e canti.

È il clima ideale per Pinocchio, ma la felicità dura poco. Il perfido direttore del circo lo butta a mare, ma Pinocchio, trasformato in asinello, scopre un mondo fantastico. E qui ci sono le altre novità: se quello collodiano era un semplice abisso, qui il fondo del mare è popolato di bellissime creature danzanti e sirene dalla splendida voce. È questa la scena più spettacolare del musical, non si era mai visto, infatti, il fondo del mare su un palcoscenico. Gli effetti speciali qui sono eccezionali, creano un mondo magico, che sembra più cinematografico che teatrale.

——–

Le COREOGRAFIE sono di Gabriele de Mattheis.

Inizia gli studi presso la scuola Spaziodanza di Padova, approfondisce la tecnica modern, musical e canto frequentando la scuola del Balletto di Toscana. Segue regolarmente corsi di aggiornamento sugli stili Waackin’ e VideoDance. Corpo di ballo nel musical “I Miracoli… Esistono!”, insegnante di modern-jazz in diverse scuole in Piemonte e Veneto, danzatore solista presso L.D.T. LiberDanza Torino e BIT, figurante in varie opere in scena al Teatro Regio di Torino, coreografo ufficiale di Movieland Park per la stagione 2012/2013, coreografo per la cantante egiziana Gehan Ratheb in diversi videoclip musicali. Docente stabile di modern-jazz presso l’Accademia “Balletto di Torino” diretta da M. B. Belluschi dal 2008 al 2014. Ballerino nel film RAI “Walter Chiari: fino all’ultima risata” con Alessio Boni e regia di Enzo Monteleone. Insegnante di Modern Jazz nei corsi di “Avviamento al Musical! MTS” presso l’Associazione Culturale “Chi è di Scena” di Torino, coreografo e ruolo nel musical “Dolce Cinderella” (2013-2014) ed attore in “Sei Perfetto… Ma ti Mollo!” (2014) e “La Dama in Nero” (2015), tutte produzioni “Chi è di Scena”. Nel 2015 prende parte come attore nella serie fantasy “Gorchlach – La Leggenda di Cordelia”, regia Fabio Cento. Nel 2014 fonda la Sartoria Teatrale “Old House Company”, con la quale firma i costumi teatrali di tutte le produzioni della Compagnia “Chi è di Scena”.

——–

La REGIA è affidata a Gioacchino Inzirillo.

Studia recitazione e dizione con il regista Mauro Stante. Approfondisce i suoi studi presso l’accademia professionale “MTS – Musical! The School” di Milano, diretta da Simone Nardini, diplomandosi nel 2008. Inizia sin da giovane vestendo i passi di Hansel nello spettacolo “Hansel e Gretel” (produzione La casa delle Storie) in scena al Teatro Ventaglio Smeraldo di Milano. Accanto a Laura Esquivel è Santiago ne “Il mondo di Patty, il musical più bello” (produzione Poltronissima e MAS, tour italiano e spagnolo con chiusura all’Arena di Verona, trasmessa successivamente anche sui grandi schermi in tutta Italia). Co-protagonista nel musical “La Sirenetta” (produzione SDT). Interpreta Potsie nel musical “Happy Days”, produzione Compagnia della Rancia, e Doody nell’edizione 2013/2014 di “Grease” sempre della stessa Compagnia, con la Regia di Saverio Marconi.

Giovanissimo regista emergente fonda l’Associazione Culturale e Compagnia “Chi è di Scena” e firma la regia di “Dolce Cinderella – il musical” in cui interpreta il ruolo del Principe Henry.

Debutta nel piccolo schermo come corista della trasmissione “Crozza nel paese delle meraviglie” in prima serata su LA7, nella stagione 2014. Interpreta Lucignolo in “Pinocchio” (Compagnia Della Rancia) accanto al celebre Manuel Frattini con la regia di Saverio Marconi e le musiche dei Pooh. Tornerà a vestire i panni di Doody in “Grease” (sempre Compagnia Della Rancia), nelle stagioni dal 2015 al 2019.

LEAVE A REPLY