I luoghi della Memoria

L'8 e 9 settembre al Memoriale della Shoah, Milano

0
196

Memoriale della Shoah di MilanoIl Memoriale della Shoah di Milano, per il quinto anno consecutivo, nella ricorrenza del 76° anniversario dell’8 settembre 1943 e dell’inizio della Resistenza armata contro il nazifascismo, ospita un evento straordinario a ricordo del tragico destino di quanti partirono dai sotterranei della Stazione Centrale di Milano, per mai più fare ritorno.

Nato da un’idea di Stefania Consenti (dal libro Luoghi della Memoria di Milano della stessa autrice) e messo in scena da CastagnaRavelli, con la regia di Paolo Castagna, lo spettacolo, itinerante, conduce il pubblico negli ambienti della Stazione Centrale, dove centinaia di persone, caricate su vagoni merci e stipate in spazi ristretti, furono avviate a un destino di morte, nei campi di concentramento e sterminio.

Il percorso si apre con un prologo a cura della Fondazione Memoriale della Shoah. Quindi gli spettatori ascolteranno testimonianze di sopravvissuti all’Olocausto e alla deportazione politica e operaia, recitate da attori del Piccolo Teatro e accompagnate da musiche eseguite da artisti del Conservatorio; saranno poi guidati all’interno di uno dei vagoni conservati, luogo dove i prigionieri venivano rinchiusi per essere deportati. Le leggi razziste emanate dal governo fascista e di cui ricorre quest’anno l’ottantunesimo anniversario (1938-2019), la retata organizzata dalle SS a Roma il 16 ottobre del 1943, quel che accadde nel biennio 1943-1945 (dopo l’8 settembre e prima della fine della guerra) ebbero conseguenze gravissime per la comunità ebraica italiana. La repressione nazifascista, dopo l’8 settembre 1943, colpì duramente migliaia di oppositori politici e lavoratori. Nelle grandi fabbriche di Milano, Sesto San Giovanni e della provincia, centinaia di lavoratori e di oppositori politici furono arrestati e deportati in seguito allo sciopero generale del marzo 1944. Le cifre di quanti persero la vita su tutto il territorio italiano per le persecuzioni, gli omicidi a sfondo razziale, politico e le deportazioni sono impressionanti, così come si sa che di tutti gli esponenti della comunità ebraica catturati a Roma la mattina del 16 ottobre 1943 – oltre 1.000 persone – solo 16 fecero ritorno dai campi e tra questi una sola donna.

Attorno al binario 21, simbolo della Shoah in Italia e della deportazione politica e operaia, è nato il Memoriale della Shoah di Milano, il luogo della Memoria delle deportazioni dove ricordare diventa presupposto irrinunciabile per progettare il futuro. I luoghi della Memoria nasce e si svolge in questo luogo perché, come spiega Ferruccio De Bortoli, Presidente Onorario della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano, «il ricordo è un esercizio salutare: apre la mente e i cuori… è protezione dalle suggestioni ideologiche, dalle ondate di odio e sospetti. La memoria è il vaccino culturale che ci rende immuni dai batteri dell’antisemitismo e del razzismo».

———-

Domenica 8 e lunedì 9 settembre 2019
Fondazione Memoriale della Shoah (piazza Edmond J. Safra, 1 – già Via Ferrante Aporti 3)

I luoghi della Memoria
da un’idea di Stefania Consenti

un progetto di CastagnaRavelli

regia a cura di Paolo Castagna

coordinamento della parte musicale a cura di Lydia Cevidalli

con gli attori del Piccolo Teatro di Milano–Teatro d’Europa

Sergio Leone, Lucia Marinsalta, Marco Risiglione, Elena Rivoltini, Bruna Rossi

***

i musicisti del Conservatori:

Antonio Di Carlo (violoncello)

Matteo Valtolina e Stefano Arato (fisarmonica)

Federica Faccincani (clarinetto)

e Alessandra Romano che suonerà il violino della Shoah,

gentilmente concesso dall’Ing. Carlo Alberto Carutti

e custodito presso “Le stanze per la musica” del Museo civico di Cremona

Una collaborazione Memoriale della Shoah di Milano, Piccolo Teatro di Milano Teatro d’Europa, Conservatorio di Milano, A.N.P.I. e ANED

***

Testi:

Primo Levi, dall’adattamento teatrale di Se questo è un uomo, Einaudi, Torino, 1966

Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Notte, Nebbia – Racconto di Gusen, Hoepli, Milano, 2009

Daniela Padoan, Come una rana d’inverno. Conversazioni con tre donne sopravvissute ad Auschwitz: Liliana Segre, Goti Bauer, Giuliana Tedeschi, Bompiani, Milano, 2004

Leopoldo Gasparotto, Diario di Fossoli (a cura di Mimmo Franzinelli), Bollati Boringhieri, Torino, 2007

————-

Prenotazioni online sul sito del Piccolo Teatro www.piccoloteatro.org

Informazioni a comunicazione@piccoloteatromilano.it

Ingressi alle ore 20.30 – 20.45 – 21.00 – 21.15

LEAVE A REPLY