Accademia Nazionale di Santa Cecilia: “Abbracci in musica”

A un anno dal lockdown l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia si augura di tornare presto all’armonia della musica dal vivo

0
178

È con un video di abbracci in musicache lAccademia Nazionale di Santa Cecilia si auspica, a un anno esatto dallinizio del lockdown, che si possa presto tornare a fare musica e a poter godere delle emozioni che solo un ascolto dal vivo può restituire.

L’esperienza sensoriale dei concerti in questo momento subisce una grande limitazione: manca lascolto dal vivo e il contatto umano con gli artisti. Manca labbraccio, quello tra i musicisti e quello tra il pubblico e i musicisti. Non ci si può abbracciare, ma lAccademia di Santa Cecilia può raccontare una lunga storia di contatti musicali importanti, artistici e fisicidichiara il Presidente dellAccademia Michele dallOngaro. Gli artisti si amano, si abbracciano, si fanno coinvolgere in questa grande avventura che è fare musica insieme e che è la storia damore più intima che si possa averecontinua dallOngaro. “L’abbraccio ne è parte essenziale, è come un rito conclusivo. Noi abbiamo la nostra collezione di abbracci che sono indirizzati al pubblico che è coinvolto in questa sorta di catarsi finale legata alla gioia di essere stati insieme a condividere unemozione che è la musica dal vivo. Nella nostra collezione di abbracci, oltre al Maestro Pappano e agli artisti di Santa Cecilia, ci sono i grandi personaggi della musica: da Ennio Morricone a Hans Werner Henze, da Martha Argerich a Maurizio Pollini e Daniel Barenboim, da Ezio Bosso a Nicola Piovani, tutti coinvolti in quella grande storia damore che è la musica.

LINK AL VIDEO SU YOUTUBE:

https://youtu.be/qmlUqKqPc-g

LEAVE A REPLY