Accademia Nazionale di Santa Cecilia: concerto per la Croce Rossa Italiana

Antonio Pappano dirige Bach e Čajkovskij il 26 aprile alle ore 19.30 nella Sala Santa Cecilia a Roma

553

Saranno le note di C. P. E. Bach e Čajkovskij, eseguite dallOrchestra dellAccademia Nazionale di Santa Cecilia sotto la direzione di Antonio Pappano, a rendere omaggio alla Croce Rossa Italiana nel concerto il primo, dopo molti mesi, con la presenza di pubblico in sala di lunedì 26 aprile alle ore 19.30 nella Sala Santa Cecilia dellAuditorium Parco della Musica di Roma. Nel rispetto delle norme di sicurezza, la serata organizzata dallAccademia è rivolta ai volontari CRI che hanno risposto prontamente allemergenza Covid-19 fin da gennaio 2020, combattendo in prima linea e restando vicino alle persone sia nelle strutture sanitarie e sia nelle loro abitazioni garantendo assistenza continua e una presenza costante nelle scuole, negli ospedali da campo, negli hub vaccinali.

Per sostenere e conoscere l’impegno della Croce Rossa Italiana, visita la sezione dedicata https://cri.it/donazioni-covid19/.

Riaprire le sale al pubblico vuol dire riaprirle alla società civile in un momento che è del tutto speciale. Dobbiamo, quindi, ricordarci di chi ci sta aiutando a viverlo nel migliore dei modi a costo anche di enormi sacrifici. Per questo motivo, riaprire con la Croce Rossa significa mantenere vivo il senso di gratitudine che vogliamo testimoniare anche attraverso la musica e la nostra Orchestra, il nostro Coro, il Maestro Pappano e la nostra Istituzione, dichiara Michele dallOngaro, Presidente dellAccademia.

Il concerto si apre con la Sinfonia in re maggiore Wq 183 n. 1 di Carl Philipp Emanuel Bach – eseguita per la prima volta nei concerti dellAccademia e composta tra il 1775 e il 1776 dal più celebre dei figli di Johann Sebastian. Domina la seconda parte del programma la Sinfonia n. 6 in si minore Patetica di Čajkovskij, una pagina intensa che lAccademia ha scelto per questo momento così delicato. La Sinfonia è una sorta di testamento musicale che dà voce allo struggimento di un uomo provato da una vita intensa e che forse percepisce essere arrivata a una fine imminente. Composta nel corso del 1893, la Sesta Sinfonia è legata allultima e definitiva crisi della sua esistenza interiore, culminata in una morte per molti versi inquietante e poco chiara (non è stato appurato se la causa di morte fu il colera, o se il compositore si tolse la vita) che avvenne nove giorni dopo la prima esecuzione di San Pietroburgo il 16 ottobre 1893.

Čajkovskij definì la sua ultima sinfonia il coronamento “della mia intera produzione” e il programma della sinfonia come “penetrato più del solito da soggettività […], da un carattere che rimarrà per tutti un enigma. Detto senza esagerazione, in questa sinfonia ho riposto tutta la mia anima”.