Le geometrie strazianti del linguaggio

Al Teatro Astra di Torino “Sorelle” di Pascal Rambert in scena fino al 12 maggio

570

Riparte la stagione anche al Teatro Astra con una nuova produzione targata TPE e Triennale di Milano, Sorelle di Pascal Rambert autore e regista francese che ha già portato in vari paesi del mondo la messa in scena del testo, adattandola di volta in volta ad attrici differenti e alla traduzione nella lingua di riferimento. La produzione presentata al Teatro Astra si avvale di due attrici d’eccezione, conosciute e amate dal pubblico nazionale, Sara Bertelà e Anna Della Rosa, carismatiche, evocative e intense, e della traduzione ricchissima di Chiara Elefante. Il pubblico entra in sala, riassaporando dopo 6 mesi l’atmosfera incantata del rito teatrale, e trova ad accoglierlo diverse fila di luci al neon sospese sopra le assi del palco, su cui è presente un ring bianco e sul fondale nudo oggetti ammassati, quinte e attrezzi, l’anima pura dell’impianto scenico. Si sente una porta aprirsi di botto, rotelle trascinate e passi affrettati; entrano le protagoniste e si dispongono sulla diagonale del ring iniziando uno stupefacente confronto di parole coltelli, lame sonore che tagliano e rimestano nel profondo una saga famigliare che affonda le radici nel conflitto atavico delle due sorelle. Il ritmo e l’intensità, l’energia e la tempesta dei loro scambi è un fiume in piena di ricordi, accuse, incomprensioni, rivalità che si riversa dal ring alla platea con una forza dirompente, assestando colpi ed immagini, visioni e ferite alle nostre anime ammutolite di fronte a tanta potenza. Le disparità di trattamento del padre, il senso di inadeguatezza, la morbosa competizione, i giudizi fuori dai denti, le umiliazioni, i silenzi: nulla viene celato, tutto è esposto come dissezionando ogni organo dell’anima, facendo a pezzi ogni comprensione, ogni tentativo di conciliazione, ogni avvicinamento. Un vortice implacabile di punti di vista e verità dimezzate, fatti ed emozioni in cui le attrici con una incredibile forza e veemenza, lasciando però inalterata la perfezione della parola e della comprensione, riescono a tenere testa ad una quantità di parole veramente impressionante, senza quasi nessuna pausa; una prova da atlete del teatro, in cui tutta la loro fisicità, ogni fibra del sentire e dell’emozione arriva con pienezza e forza agli spettatori. Il pubblico è immerso in questa ondata di suoni e parole, l’intensità della performance è talmente strabiliante da investirci con un’ipnotica danza fino a portarci in uno stato alterato di realtà, una sospensione surreale fra verità e rappresentazione. Uno spettacolo senza mezze misure, un’opera mastodontica in cui le geometrie strazianti del linguaggio creano connessioni con il mondo al di fuori del microcosmo famigliare e ci fanno comprendere come la lingua, le parole, la sintassi creino i nostri personali universi di sofferenza.

Visto l’8 maggio 2021 al Teatro Astra di Torino

———

Sorelle

testo, messinscena e spazio scenico di Pascal Rambert

con Sara Bertelà e Anna Della Rosa

Traduzione italiana di Chiara Elefante

Produzione TPE – Teatro Piemonte Europa, FOG Triennale Milano Performing Arts