Il teatro di vetro, di corpi e di baci

Fino al 27 giugno, alle Fonderie Limone di Moncalieri (TO), è in scena “Risveglio di Primavera”, per la regia di Gabriele Vacis

0
659

Alle Fonderie Limone di Moncalieri (TO) va in scena “Risveglio di Primavera”, il testo più importante del drammaturgo tedesco Wedekind, per la regia di Gabriele Vacis che dirige i ragazzi neodiplomati della Scuola del Teatro Stabile di Torino.

Il pubblico entra in una sala vuota, bianca, immacolata, fecondata dagli sguardi attenti dei giovani attori che ci scrutano con vivo interesse, attesa, accoglienza. In realtà l’azione è già iniziata, non c’è distacco fra l’essere e l’accadere, volteggiano a piedi nudi sul palco, vivi e leggeri, intenti a donarci una pura presenza. All’improvviso partendo da un tono basso esplode un coro limpido e celestiale, equilibrato e puramente emozionante, con gli attori in scena, testimoni della vita che accade, costantemente con lo sguardo presente fra di loro e su di noi. I dialoghi fra gli attori sono verità che asciuga le lacrime, corpi di vetro che vibrano e tintinnano con voci flebili amplificate con microfoni wifi ad asta, per non rompere la concretezza dell’incontro fra i cuori palpitanti degli attori e delle attrici. E il coro dei testimoni dona forza, sostegno e sottolinea con canti, mentre pianoforte chitarra, flauto e saxofono entrano magicamente in scena dai lati fuori della scena, creando linee drammaturgiche necessarie e funzionali, con un tocco poetico e di incanto. E finalmente con questo spettacolo sospeso fra innocenza, ingenuità, violenza e crudeltà può scoppiare la verità sensibile dell’amore che fa battere ed esplodere il cuore: e gli attori e le attrici si baciano, con una tale splendida leggerezza e trasporto, con una tale umanità smarrita, da far scendere calde lacrime agli spettatori, travolti dall’infinita emozione di questo incontro vero e profondo. Non possiamo che ringraziare gli attori e le attrici di questo splendido spettacolo per la capacità di far emergere la vibrante vera emozione della presenza nuda e arresa, e render onore a Gabriele Vacis, un maestro che ha saputo far cadere il velo della recitazione per offrirci la magnificenza dello stare con pienezza di fronte ai cuori degli spettatori, come in un teatro di vetro.

Visto il 17 giugno 2021 alle Fonderie Limone di Moncalieri (TO).

——-

Risveglio di Primavera

da Frank Wedekind
traduzione e adattamento di Gabriele Vacis, Davide Pascarella, Enrica Rebaudo,  Gabriele Mattè, Erica Nava
e della classe della Scuola per attori del Teatro Stabile di Torino
con gli attori neodiplomati della Scuola del Teatro Stabile di Torino: Davide Antenucci, Andrea Caiazzo, Lucia Corna, Chiara Dello Iacovo, Lucrezia Forni, Sara Lughi, Pietro Maccabei, Lucia Raffaella Mariani, Gabriele Matté, Eva Meskhi, Erica Nava, Cristina Parku, Davide Pascarella, Enrica Rebaudo, Edoardo Roti, Kyara Russo, Letizia Russo, Daniel Santantonio, Lorenzo Tombesi, Gabriele Valchera, Giacomo Zandonà

regia Gabriele Vacis
suono Riccardo Di Gianni
assistente regia Glen Blackhall
produzione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

LEAVE A REPLY