700. Musica e parole per Dante

194

Al Teatro Pergolesi di Jesi, sabato 4 settembre ore 21, va in scena “700. Musica e parole per Dante“, in prima esecuzione assoluta, per una nuova commissione del XXI Festival Pergolesi Spontini. Sponsor della serata è Bper Banca.

In occasione dei 700 anni della morte di Dante Alighieri, la Fondazione Pergolesi Spontini omaggia il sommo poeta con un evento che unisce musica, teatro e letteratura. A scandire il programma della serata saranno i canti della Divina Commedia e le musiche di Bach, Paganini, Ravel, Boccadoro e Montgomery, con la regia di Giancarlo Nicoletti.

In scena saranno due artisti di grande bravura: l’attore Giorgio Colangeli, Premio David di Donatello nel 2007 per il film L’aria salata, interprete di oltre 100 film e volto noto in fiction televisive (da Braccialetti Rossi a Tutto può succedere, da Un medico in famiglia fino a Vite in fuga, Speravo de morì prima e il recente Chiamami ancora amore), sarà affiancato da Laura Marzadori, primo violino del Teatro alla Scala da quando aveva solo 25 anni, tra le più talentuose giovani interpreti della sua generazione. Nella sua carriera la Marzadori ha già lavorato a fianco dei più grandi direttori d’orchestra del mondo, da Daniel Barenboim a Riccardo Chailly ed ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali.

La violinista bolognese sostituisce in questo concerto Francesca Dego, che a causa il persistere delle disposizioni delle autorità Britanniche per il contrasto alla diffusione contagio COVID-19 non potrà effettuare il concerto.

MILANO TEATRO LA SCALA
LAURA MARZADORI PRIMO VIOLINO DELL SCALA DI MILANO

Laura Marzadori, nata a Bologna il 9 gennaio 1989, vince a soli 25 anni il concorso internazionale per primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano con giudizio unanime della commissione presieduta da Daniel Barenboim e in questo ruolo ha collaborato con i più grandi direttori al mondo tra i quali Daniel Barenboim, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Daniel Harding, Antonio Pappano, Zubin Mehta e Myung-whun Chung.

Oltre all’impegno alla Scala prosegue nell’attività solistica che la vede collaborare con direttori di fama e tenere concerti in tutto il mondo (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Uruguay, Teatro Coliseum di Buenos Aires, Konser Salonu di Instanbul, India e Auditorium Parco della Musica a Roma). Appassionata di musica da camera ha suonato assieme a Salvatore Accardo, Pavel Berman, Rocco Filippini, Mario Brunello, Bruno Canino, Antonio Meneses, Antony Pay, Andrea Lucchesini e Bruno Giuranna e recentemente con diversi colleghi della Scala. A febbraio 2018 si è esibita al Teatro Grande di Brescia. in Trio e in Quintetto con il celebre direttore Myung Whun Chung al pianoforte.

Nel 2007 ha fondato insieme alle sorelle Sara e Irene il trio delle Sorelle Marzadori con cui si cimenta nel miglior repertorio per trio d’archi ricercando e proponendo anche brani meno eseguiti come la Serenata per archi di Leone Sinigaglia. Nel 2010 ha eseguito in anteprima mondiale a New York il concerto per violino e orchestra in La magg. P.49 di Respighi, che ha inciso per NAXOS. Nel 2012, con l’Orchestra Città di Ferrara diretta da Marco Zuccarini, ha eseguito in anteprima italiana, il concerto per violino e orchestra di Ermanno Wolf Ferrari, registrato dal vivo e inciso per Tactus e nel 2013 il concerto per violino Op.20 di Leone Sinigaglia uscito con etichetta TACTUS. Ha inoltre inciso due concerti inediti di Tartini con l’Orchestra da camera Ferruccio Busoni diretta da Massimo Belli.

Si è imposta giovanissima all’attenzione di pubblico e critica vincendo a soli 16 anni il più importante concorso violinistico nazionale: il Premio Città di Vittorio Veneto e aggiudicandosi importanti riconoscimenti in concorsi internazionali. Nel 2013, col Trio AMAR, assieme a Leonora e Ludovico Armellini, ha ricevuto il XXXII Premio Abbiati dedicato a Piero Farulli.

Suona un violino Giorgio Serafino del 1748 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

Giorgio Colangeli. Romano, classe 1949, dopo la laurea in Fisica Generale, ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo del teatro. Ha debuttato nel 1974, recitando in spettacoli itineranti per le scuole con la Compagnia del Teatro Didattico Il Torchio diretta da Aldo Giovannetti.

Nel corso della sua carriera, ha recitato in oltre cento film, tra cui Pasolini, un delitto italiano di Marco Tullio Giordana, La cena di Ettore Scola e ancora Buongiorno papà di Edoardo Leo e il più recente Lontano Lontano di Gianni Di Gregorio. Per il film La cena di Scola ha vinto il premio come miglior attore non protagonista ai Nastri d’Argento 1999. Per l’interpretazione del film L’aria salata di Alessandro Angelini ha vinto il premio Roma Film Festival 2006 come miglior interpretazione maschile e il premio David di Donatello 2007 come miglior attore non protagonista. Per la televisione Giorgio Colangeli ha preso parte a Un medico in famiglia, Linda e il Brigadiere, Distretto di Polizia, Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu, Braccialetti rossi, Tutto può succedere e Felicia Impastato, giusto per citarne alcuni. Nella serie Speravo de morì prima interpreta il papà di Francesco Totti, l’ex capitano della Roma. Tra le interpretazioni recenti, è Aldo nella fiction tv Chiamami ancora amore.

Giancarlo Nicoletti, regista, drammaturgo, attore e produttore con un percorso teatrale in costante ascesa, fin dall’adolescenza si avvicina al mondo del teatro. Dopo aver conseguito il Diploma in Musical Theatre presso la Musical Theatre Academy, si è perfezionato alle Musical Masterclass con i docenti di Stage Entertainment Germania.

Attualmente alla Direzione Artistica del Collettivo Teatrale Planet Arts, ha fondato e dirige Altra Scena, che si occupa di produzione, distribuzione e comunicazione dello spettacolo dal vivo.

Ha curato la regia di numerose produzioni per il teatro di prosa e musicale, fra cui: L’uomo, la bestia e la virtù; #salvobuonfine (selezione Premio “Dante Cappelletti”, finalista “Premio Attilio Corsini” e “Nuovo Premio Premio Traiano”); Festa della Repubblica (finalista “Stazioni d’Emergenza – Galleria Toledo”, finalista “Premio Millelire”); Kensington Gardens; Persone naturali e strafottenti (finalista “Salviamo i Talenti – Premio Attilio Corsini”); Torre Elettra ; Ultima Mossa – Chess il Musical; Così fan tutti (finalista Premio “Confronti Creativi”).

Nel 2017 è selezionato fra gli 8 registi finalisti del Premio Internazionale di Regia “Fantasio”, riallestisce Persone naturali e strafottenti in tour nazionale, protagonisti Marisa Laurito, Giovanni Anzaldo e Filippo Gili. Nel 2019/20 dirige Giorgio Colangeli e Pietro De Silva quali protagonisti del classico pirandelliano L’uomo, la bestia e la virtù, nell’edizione del centenario dal debutto.

È autore della “Trilogia del Contemporaneo”, composta dai tre lavori #salvobuonfine, Festa della Repubblica e Kensington Gardens pubblicati nell’omonimo volume della collana “Le Nebulose – Teatro”. Con il primo testo vince, nel 2015, il Premio Nazionale alla Drammaturgia “DO.IT Drammaturgie oltre il Teatro” ed il Premio Speciale di Drammaturgia “Oltreparola 2015”, con Kensington Gardens ottiene la segnalazione al “Premio Hystrio – Scritture di Scena 2016”. Nel 2017 ha debuttato il suo ultimo lavoro da autore e regista, “Torre Elettra”, una riscrittura contemporanea del mito dell’Orestea, finalista al “Premio Hystrio – Scritture di Scena 2017”.

Come attore, è stato diretto in teatro, fra gli altri, da Filippo Gili, Federico Magnano San Lio, Giuseppe Dipasquale, Roberto Burgio, Emma Dante, Guglielmo Ferro, Gisella Calì.

Scopri di più: https://festival.fondazionepergolesispontini.com/

Info e Prenotazioni: tel. 0731 206888 – biglietteria@fpsjesi.com – acquisto on line: www.vivaticket.com