Fabbrica Europa 2021

1/2/3 ottobre 2021 , Firenze

1077

In Love | Paradisi artificiali di Davide Valrosso energie sottili e invisibili guidano tre corpi sulla scena incarnazione delle diverse sembianze di un amore che, nel segno del femminile, genera la propria traccia (Teatro Cantiere Florida, 1° ottobre h 21.00).

Il “museo dell’altrove” è un metodo di popolamento artistico-performativo di spazi architettonici, urbani, paesaggistici. Caruso – Museo dell’Altrove della coreografa Francesca Foscarini e del drammaturgo Cosimo Lopalco è uno spettacolo inedito dove danza, musica, performance e installazione incontrano i linguaggi museali più tradizionali nell’affascinante contesto di Villa Bellosguardo a Lastra a Signa, dimora di Enrico Caruso, nel centenario della sua morte. Un evento site specific con sette danzatrici, 9 performer, un tenore e un pianista.

(Villa Caruso a Lastra a Signa, 2 e 3 ottobre h 16.00 e h 17.30).

lf, If, If, Then di Jacopo Jenna, opera per tre danzatori su musica elettronica di Caterina Barbieri, ricolloca grammatiche diverse di movimento definendo un insieme articolato di riferimenti ibridi legati alle varie forme di street dance e alle pratiche della danza contemporanea. A seguire, Evento, di e con Jari Boldrini e Giulio Petrucci, un’esperienza del corpo il cui motore è il fulmineo scambio di informazioni tra i due danzatori: i tempi ritmici rispondono a un impulso visivo e la geometria dello spazio muta ripetutamente (PARC, 2 ottobre h 21.00 e 3 ottobre h 18.00).

 

  • Venerdì 1° ottobre ore 21.00 > Teatro Cantiere Florida, via Pisana 111/r Firenze

DAVIDE VALROSSO

LOVE | Paradisi Artificiali

 

concept: Davide Valrosso

interpreti: Olimpia Fortuni, Giulia Porcu, Roberta Racis

music producer: Stefano Libertini Protopapa, Pierpaolo Moschino

produzione: NINA

con il sostegno di MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”

in coproduzione con: C.I.M.D danza contemporanea, Compagnia Körper

con il supporto di Anghiari Dance Hub, a.ArtistiAssociati, Lis Lab/Cross Project, Centro Residenze per la

Toscana Armunia, Next – Laboratorio di idee per la produzione e distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo (Progetto della Regione Lombardia in collaborazione con Fondazione Cariplo)

Energie sottili e invisibili guidano tre corpi sulla scena che incarnano le diverse sembianze di un amore che, nel segno del femminile, genera la propria traccia.

Presenze e frammentazioni anatomiche si nutrono di relazioni tra corpi e oggetti, da cui eros | amore trabocca e prende forma; dominate e legate dal rosso – colore dell’amore e della passione, ma anche della violenza, del pericolo e del sangue – generano immagini visionarie che si sgretolano in dinamiche sensuali e di desiderio. Linee e forme geometriche si mescolano e rivelano immagini allucinogene al limite del sogno, capaci di creare mostri o figure sacre, somiglianze, vettori d’urgenza o canali di forza e materia. I Paradisi Artificiali sono segni, incisi e tatuati nello spazio, specchi tangibili di un eros nascosto, protesi di un amore che non è in grado di darsi ma che alla fine, inevitabilmente, ci sovrasta.

  • Biglietti: intero 13 € / ridotto 10 € _ Prevendita su ticketone.it

 

  • sabato 2 e domenica 3 ottobre ore 16.00 e ore 17.30

Villa Caruso, via Bellosguardo 54 – Lastra a Signa (FI)

FRANCESCA FOSCARINI / COSIMO LOPALCO

Caruso – Museo dell’Altrove

 

a cura di Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee e

Compagnia degli Istanti/Compagnia Simona Bucci

nell’ambito di Dance4gardens con il contributo e il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze

 ideazione e creazione: Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco

danzatrici: Giulia Anastasio, Chiara Casiraghi, Ilaria Corsi, Camilla Giani, Giulia Gilera, Françoise Parlanti, Lucrezia Rosellini

performer: Giovanna Daddi, Filippo Frittelli, Ian Gualdani, Dario Marconcini, Riccardo Massai, Fabio Novembrini, Massimo Paganelli, Valerio Palladino, Mosè Risaliti
tenore: Angelo Fiore
pianoforte: Daniele Galli

produzione: Van, Compagnia Simona Bucci / Compagnia degli Istanti
coproduzione: Associazione LIS LAB Performing Arts / CROSS Festival
nell’ambito del progetto Vivere all’Italiana sul Palcoscenico, promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione e dal Ministero della Cultura
in collaborazione con il Museo Enrico Caruso/Villa di Bellosguardo, Lastra a Signa
nell’ambito di Dance4Gardens, con il contributo e il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze

Uno spettacolo inedito dove danza, musica, performance e installazione incontrano i linguaggi museali più tradizionali nell’affascinante contesto di Villa Bellosguardo a Lastra a Signa, dimora di Enrico Caruso, nel centenario della sua morte.

 Va in scena in prima assoluta sabato 2 e domenica 3 ottobre, Caruso – Museo dell’Altrove, site specific per il Museo di Villa Caruso a Lastra a Signa, una creazione a firma di Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco.

Sette danzatrici – Giulia Anastasio, Chiara Casiraghi, Ilaria Corsi, Camilla Giani, Giulia Gilera, Françoise Parlanti, Lucrezia Rosellini – nove performer – Giovanna Daddi, Filippo Frittelli, Ian Gualdani, Dario Marconcini, Riccardo Massai, Fabio Novembrini, Massimo Paganelli, Valerio Palladino, Mosè Risaliti, oltre al tenore Angelo Fiore e al pianista Daniele Galli, andranno in scena nell’opera diretta dalla coreografa Francesca Foscarini e dal drammaturgo Cosimo Lopalco.

Il “museo dell’altrove” è un metodo di popolamento artistico-performativo di spazi architettonici, urbani, paesaggistici, in chiave museale. Nasce dalla convinzione – dichiarano gli autori – che il museo contemporaneo, nella sua continua e talvolta affannosa ricerca di quell’Altro e Altrove che lo fonda e lo guida fin dai tempi del mouseíon/μουσείον greco (il sacro altrove delle Muse), nelle sue peculiarità grafiche, visuali, comunicative, educative, politiche e nella singolare relazione che stabilisce con i corpi che lo attraversano, possa ormai essere esso stesso considerato l’opera in mostra: opera totale e organica, culturalmente e politicamente rilevante, che si fa carico di affermare e diffondere linguaggi e codici propri e come tale merita di essere artisticamente rappresentata.

Applicando tale metodo in Caruso – Museo dell’Altrove, che prende forma nella dimora e nei giardini di Villa Caruso, si vogliono esplorare la straordinaria novità del canto di Enrico Caruso, la potenza commerciale delle sue primissime e a quel tempo ancora inedite incisioni discografiche, la sua ricca e tormentata personalità e biografia, il grande lascito culturale e simbolico che ha plasmato e ancora plasma l’identità del Bel Paese, e costruire un museo, intrecciato in questa occasione a quello già esistente, dove i linguaggi della danza, della performance, dell’installazione incontrano quelli più tradizionalmente museali dell’architettura, del disegno, della scultura, della fotografia, del manufatto, e dove il corpo vivente, nella sua assoluta e intrinseca irriproducibilità, diventa il complesso e difficile materiale su cui si compone l’opera-museo, in un’epoca in cui la riproducibilità tecnica sembra aver ormai oltrepassato ogni immaginabile limite.

Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco

Caruso-Museo dell’Altrove è una produzione di Van e Compagnia degli Istanti con Fabbrica Europa in collaborazione con il Museo Enrico Caruso/Villa di Bellosguardo, Lastra a Signa e
nell’ambito di Dance4Gardens, con il contributo e il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze.

 

 

  • sabato 2 ottobre ore 21.00 e domenica 3 ottobre ore 18.00 | danza

PARC Performing Arts Research Centre, piazzale delle Cascine 4 – Firenze

JACOPO JENNA

If, If, If, Then

 

ideazione, regia e coreografia: Jacopo Jenna

musica: Caterina Barbieri

danza e collaborazione: Nawel Nabù Bounar, Sly, Andrea Dionisi

direzione tecnica e disegno luci: Giulia Broggi

print designer: Caos et Blue

costumi: Eva di Franco

organizzazione: Luisa Zuffo

produzione: KLm – Kinkaleri

co-produzione: Centrale Fies, Danae Festival nell’ambito di Next 2018 | Laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo – Edizione 2018/2019

 

In If, If, If, Then la coreografia tende a ricollocare grammatiche diverse di movimento, definendo una forma astratta di costruzione e osservazione della danza. Il corpo vuole essere presentato come la realizzazione di un potenziale di innumerevoli stati materiali, che solo in parte si concretizzano nel tempo attraverso un processo continuamente ridefinibile.

Tra street dance e le pratiche della danza contemporanea, il movimento si sviluppa attraverso un flusso ibrido in dialogo con la parte sonora curata dalla giovane compositrice Caterina Barbieri, che esplora gli effetti psico-fisici della ripetizione, studiando il potenziale polifonico e poliritmico dei sequencer per disegnare geometrie complesse nel tempo e nello spazio, creando pattern di un’immensa grazia e inducendo un senso di estasi e contemplazione.

Jacopo Jenna

 

  • A SEGUIRE:

JARI BOLDRINI / GIULIO PETRUCCI

Evento

 

di e con Giulio Petrucci, Jari Boldrini

musica: Simone Grande

produzione: Anghiari Dance Hub, Nexus Factory

con il sostegno di Stabile di Lì

residenze artistiche: Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni

spettacolo finalista al premio Twain_DirezioniAltre 2020, selezionato per la Vetrina Anticorpi XL 2020

 Evento nasce dal desiderio di trasmettere un’esperienza del corpo senza alcun filtro. Il motore è il fulmineo scambio di informazioni tra i due danzatori: i tempi ritmici rispondono a un impulso visivo e la geometria dello spazio muta ripetutamente. L’unione delle identità genera azioni corporee che esplorano “ogni forma dell’essere presenti”, scardinando il meccanismo in atti imprevedibili verso luoghi altri mediante suggerimenti materiali o metafisici. Le relazioni umane sono esperienze condivise intessute di ricordi. La relazione tra i performer, la loro intesa, esprime il coraggio di vivere pienamente e apertamente l’unicità di un legame irripetibile. Per condividerlo.

  • Biglietti If, If, If, Then + Evento: intero 13 € / ridotto 10 €. Prevendita su ticketone.it

Prevendita su www.ticketone.it o PARC, Piazzale delle Cascine 7 Firenze (mart > dom h 18-20)

Per accedere agli eventi è richiesto il GREEN PASS.

 

INFO: +39 055 2638480 – 055 365707 | www.fabbricaeuropa.net