‘Bob Rapsodhy’ di e con Carolina Cametti

26 ottobre > 7 novembre | sala Bausch Martedì /sabato ore 19.30, domenica ore 15.30

230

26 ottobre > 7 novembre | sala Bausch

Martedì /sabato ore 19.30, domenica ore 15.30

Bob Rapsodhy

di e con Carolina Cametti

luci Giacomo Marettelli Priorelli

suono Gianfranco Turco

produzione Teatro dell’Elfo

 

Il monologo di Carolina Cametti, che ha ottenuto nel 2019 una Segnalazione speciale al Premio Scenario, arriva finalmente sul palco dell’Elfo che già dal 2020 aveva scelto di produrlo e di presentarlo al suo pubblico.

Bob Rapsodhy è uno stream of consciousness. Un vulcano in eruzione. Una cascata di emozioni, sogni, riflessioni. Ironico e tagliente. La bestia che grida io al centro del mondo. Una dichiarazione d’amore, di solitudine, di speranza.

I social che hanno invaso il nostro modus vivendi et amandi. La società sta influenzando le nuove generazioni? Cosa stiamo lasciando? Cosa stiamo costruendo? Cosa ci rimarrà tra le mani? Esistono ancora i sogni nel cassetto in questa vita fatta di corse e sacrifici?

Non troverete risposte, ma un grido sotto le transenne. In scena c’è una sedia cui ruota intorno, sopra e sotto, la performance di un’attrice.

Bob Rapsodhy è un viaggio fatto tutto in un fiato. Un viaggio che ha rivelato il talento di Carolina Cametti, non solo quello di interprete potente (menzione al premio Hystrio per la vocazione), ma anche quello di drammaturga, segnalata al  Premio Scenario per il suo «linguaggio che irrompe, come pioggia intrisa di poesia» e per la sua  «capacità di raccontare il presente, di far incontrare e scontrare paesaggi, di farsi carico di molte voci inanellandole nel gancio affilato della rima, del ritmo, del respiro che accelera, contrae, ferma, rincorre una inquieta rapsodia del dolore, una corsa accelerata in un possibile canto del mondo oggi. Bob Rapsodhy manifesta la cifra personale di una artista che ci sorprende come autrice e come interprete».

 

Carolina Cametti nasce a Velletri il 4 giugno del 1985. Studia a Roma dove si laurea al Dams. Nel 2011 si diploma al Piccolo Teatro di Milano e ottiene la menzione al premio Hystrio per la vocazione con Psychosis 4’48’ di Sarah Kane. Inizia a collaborare con il Teatro dell’Elfo partecipando, dal 2011 ad oggi, alle seguenti produzioni: Racconto d’inverno, Sogno di una notte di mezza estate, La discesa di Orfeo, Il giardino dei ciliegi, Mister Pùntila e il suo servo Matti, Otello, Libri da ardere. Nel 2015 partecipa alla serie teatrale 6Bianca, regia di Serena Sinigaglia, Teatro Stabile di Torino. Lavora con Roberto Rustioni e partecipa a diversi festival, tra cui Andria e Radicondoli.

Scrive, dirige e recita diversi testi con cui partecipa a concorsi quali Scenario e Asti Scintille. Con Diario di bordo è finalista al premio Hystrio scrittura di scena.

Ama l’atletica leggera, si allena tutti i giorni per diventare veloce come un fulmine.

 

________________________________________________________________________

 

TEATRO ELFO PUCCINI, sala Bausch, corso Buenos Aires 33, Milano – Martedì /sabato  ore 19.30, domenica  ore 15.30 – Durata: 50’ – Prezzi: intero € 33 / rid. giovani e anziani €17,50 / online da € 16,50 Info e prenotazioni: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org