Premio Asteroide alla carriera al regista Abel Ferrara

Al Politeama Rossetti in data lunedì 1 novembre, Trieste

121

Trieste Science+Fiction Festival, in programma dal 27 ottobre al 3 novembre dal vivo nel capoluogo giuliano e online sulla piattaforma SciFiClub di MYmovies, assegna per la sua 21° edizione il Premio Asteroide alla carriera al regista Abel Ferrara, cineasta di culto e maestro del cinema di genere.

Abel Ferrara presenzierà alla manifestazione triestina e ritirerà il premio durante la cerimonia ufficiale al Politeama Rossetti in data lunedì 1 novembre alle ore 20.00. A seguire verrà proiettato in anteprima il suo ultimo film “Zeros and Ones”, un thriller dai toni noir con protagonista l’attore Ethan Hawke che parla di lockdown e guerra, pericolo e spionaggio, soldati americani, intermediari cinesi, santi mediorientali, provocatori, diplomatici, agenti marci del KGB e del Mossad, informatori, assassini e ribelli. Scritto durante la prima fase della pandemia, il film segue le vicende di JJ, un soldato americano in una Roma all’indomani di un assedio apocalittico, in lockdown a causa di un’epidemia e di una guerra imprecisata. Il Vaticano è stato colpito da numerose esplosioni e il protagonista dovrà agire per lottare contro un nemico sconosciuto che minaccia l’intero mondo.

Nato nel Bronx, a New York, nel 1951, Abel Ferrara ha diretto il suo primo Super 8 da ragazzo e ha presto collaborato con gli sceneggiatori Nicholas St. John e John McIntyre. Nei tardi anni ’70 ha iniziato a dirigere i suoi primi film, The Driller Killer (1979) e L’angelo della vendetta (1981). Negli anni ’90 con il neo-noir King of New York (1990) arrivano i grandi successi internazionali. Il cattivo tenente, con Harvey Keitel, viene presentato al Festival di Cannes nel 1992 in Un Certain Regard. L’anno dopo Ferrara torna a Cannes con Ultracorpi – L’invasione continua (adattamento dell’omonimo romanzo di fantascienza di Jack Finney, già portato sullo schermo da Don Siegel nel 1956 e da Philip Kaufman nel 1978). Selezionato alla Berlinale nel 1995, The Addiction, con Christopher Walken, è un horror nichilista in b/n sui temi del vampirismo, mentre Fratelli, con Benicio Del Toro, Christopher Walken e Isabella Rossellini vince due premi alla Mostra di Venezia nel 1996. Nel 1998 realizza il film New Rose Hotel, con Asia Argento, liberamente tratto dall’omonimo racconto dell’autore cyberpunk William Gibson. Mary, con Juliette Binoche, Forest Whitaker e Heather Graham, vince quattro premi a Venezia nel 2005. Nel 2007 gira Go Go Tales, di nuovo con Asia Argento, sorta di seguito di King of New York. Nel 2011 Ferrara ha ottenuto il Pardo d’onore a Locarno. Gli anni 2010 hanno segnato la collaborazione di Ferrara con Willem Dafoe, che ha interpretato il fanta-apocalittico 4:44 L’ultimo giorno sulla Terra (2012), presentato a Venezia, Alive in France (2017), documentario sulla sua carriera di musicista rock, presentato a Cannes alla Quinzaine, Pasolini (2014), pure presentato a Venezia, l’autobiografico Tommaso (2019), storia di un cineasta americano che vive a Roma con la sua famiglia, e il recente Siberia, proiettato all’ultima Berlinale e ispirato al Libro Rosso di C.G.Jung. Il suo ultimo lungometraggio Zeroes and Ones ha vinto il premio per la miglior regia al Festival di Locarno.