Quando la danza annulla le differenze.

Da lunedì 22 novembre è possibile donare sulla piattaforma Eppela Al via il crowdfunding: "Diffondiamo l'abbraccio di Tango T21"

176

Può la danza abbattere i pregiudizi e annullare le diversità? È la domanda che si sono posti gli ideatori di “Diffondiamo l’abbraccio di Tango T21“, il progetto che promuove l’inclusività tra giovani adulti con sindrome di Down e appassionati di tango argentino attraverso lezioni gratuite. Sarà possibile finanziare il progetto, per aiutarli a espandersi anche in altre città italiane, grazie alla campagna di crowdfunding che prenderà il via oggi, lunedì 22 novembre sulla piattaforma Eppela  (http://www.eppela.com/pablotangot21).

Il progetto, ideato dalla scuola di tango argentino Pablo Tango Firenze, è realizzato all’interno della quinta edizione del bando Social Crowdfunders, promosso da Fondazione CR Firenze, all’interno del progetto diretto  Siamosolidali, in collaborazione con la cooperativa Feel Crowd.  

Diffondiamo l’abbraccio di Tango T21”  si pone come naturale evoluzione di Pablo Tango T21, idea del 2015 proposta dal maestro di tango argentino Giovanni Eredia insieme alla psicologa e psicoterapeuta Eleonora Paparo. Oggi, per mantenersi gratuito e aperto a tutti e poter essere replicato in altre città, il progetto ha come obiettivo economico 14.600€ e al raggiungimento del 50% del budget Fondazione CR Firenze raddoppierà la cifra raccolta.

Lo scopo di “Diffondiamo l’abbraccio di Tango T21” è dunque quello di dare ai ragazzi con sindrome di Down l’opportunità di uscire dalla dinamica “associazione-famiglia” (fondamentale per la crescita, la sicurezza e l’indipendenza) e frequentare un luogo con persone accomunate dalla stessa passione per il tango. L’obiettivo finale è che i ragazzi possano andare in Milonga (il luogo adibito al ballo del tango) e ballare con tutti, scoprendo l’unicità dell’abbraccio del tango, il valore del confronto libero, dell’amicizia e della socialità.

Dichiara Giovanni Eredia, maestro di tango argentino: “La pandemia ci ha fermato per quasi due anni. Questo crowdfunding sarà l’occasione per ampliare i nostri orizzonti, formare insegnanti di tango che vogliano replicare il progetto Pablo Tango T21 in altre città con i valori che lo contraddistinguono, ovvero: inclusione e divertimento; e poi organizzare turnée per divulgare il progetto, coprirne i costi fissi ma soprattutto realizzare idee e sogni di ognuno dei partecipanti”.

Aggiunge Eleonora Paparo, psicologa-psicoterapeuta: “Crediamo fortemente che questa attività sia uno degli strumenti utili ad agevolare la relazione tra persone, oltre che ad acquisire una migliore motricità, accrescere la consapevolezza del proprio respiro e del linguaggio corporeo. La bellezza di questo progetto è incontrarsi, scoprire che ognuno ha la sua diversità, come è normale che sia, e accettarsi così”.

 “Social Crowdfunders è un percorso di crescita per le organizzazioni non profit – afferma Gabriele Gori, Direttore Generale di Fondazione CR Firenze – che sono chiamate a mettersi in gioco con proposte creative e innovative. La Fondazione CR Firenze mette loro a disposizione lo strumento del crowdfunding e si impegna a duplicare le donazioni delle campagne, affinché riescano a raggiungere i propri obiettivi. Oltre a noi, c’è bisogno che anche la comunità faccia la propria parte. Mi auguro che in tanti cittadini possano contribuire al progetto di Pablo Tango Firenze, aiutandoci a trasformarlo in realtà”.

   PabloTangoFirenze è la scuola di Tango Argentino che opera a Firenze da 16 anni attraverso la direzione artistica del maestro Giovanni Eredia. La mission principale è far conoscere e trasmettere i principi culturali e artistici del Tango Argentino quale espressione di socializzazione e condivisione con le altre persone di ogni cultura, religione, e nazionalità, creando al contempo una rete di nuove conoscenze e amicizie legate da una passione comune da coltivare e diffondere.