Karrabing Film Collective & Elizabeth Povinelli al Castello di Rivoli

Domenica 20 marzo 2022, ore 17-19.

591

Nell’ambito della mostra ESPRESSIONI CON FRAZIONI / FRACTIONAL EXPRESSIONS, che aprirà il 24 aprile 2022, domenica 20 marzo p.v. alle ore 17 nel Teatro del Castello di Rivoli si terrà un pomeriggio di approfondimento con l’antropologa, studiosa e membro di Karrabing Film Collective Elizabeth A. Povinelli (Buffalo, USA, 1962) in dialogo con il Direttore del Museo Carolyn Christov-Bakargiev.

In questa occasione sarà presentato in anteprima italiana The Family (La Famiglia), 2021 (29’23”), il film di Karrabing Film Collective che indaga l’attuale crisi ecologica e la distruzione indigena e culturale prodotta nel Nord dell’Australia. Alternando il tempo contemporaneo in cui i membri di Karrabing lottano per mantenere le loro connessioni fisiche, etiche e cerimoniali con le proprie terre remote, con un futuro popolato da esseri ancestrali che vivono all’interno di un’epoca caratterizzata da forme di capitalismo inquinanti e da zombi bianchi, The Family mescola commedia, tragedia e realismo per riflettere sulle pratiche del presente e sul loro impatto sui mondi a venire.

 

Biografie

Elizabeth A. Povinelli (Buffalo, USA, 1962), teorica, critica e regista è Franz Boas Professor of Anthropology and Gender Studies alla Columbia University, New York. La sua scrittura si è concentrata sullo sviluppo di una teoria critica del liberalismo che sostiene la cosiddetta ‘antropologia del diverso’. Questa potenziale teoria si è rivelata attraverso cinque libri, numerosi saggi e trentacinque anni di collaborazione con i suoi colleghi indigeni nel nord dell’Australia, inclusi, più recentemente, sei film creati come membro del Karrabing Film Collective. Suoi libri includono Geontologies: A Requiem to Late Liberalism (2016), che nel 2017 ha ricevuto il Lionel Trilling Book Award, Economies of Abandonment: Social Belonging and Endurance in Late Liberalism (2011) e The Cunning of Recognition: Indigenous Alterities and the Making of Australian Multiculturalism (2002), miglior libro dell’anno di Art Forum. I film di Karrabing hanno ricevuto il Visible Award 2015 e il Cinema Nova Award Best Short Fiction Film 2015, Melbourne International Film Festival e sono stati proiettati a livello internazionale, incluso il Berlinale Forum Expanded, Sydney Biennale; MIFF, Tate Modern, documenta 14, Contour Biennale e MoMA PS1.

Karrabing Film Collective è un gruppo composto da una trentina di membri che utilizza il cinema per indagare le condizioni di disuguaglianza degli aborigeni nel Territorio del Nord dell’Australia e mantenere i legami con la terra e i loro antenati. Karrabing, che in lingua Emmiyengal significa ‘bassa marea’, si riferisce a una forma di collettività al di fuori delle restrizioni imposte dalla proprietà terriera. Girati con fotocamere e telefoni cellulari, la maggior parte dei film di Karrabing si avvale della satira per indagare gli scenari quotidiani e gli ostacoli che i membri del collettivo affrontano nelle loro varie interazioni con entità statali, intervenendo su aspetti quali la devastazione ambientale e lo fruttamento economico.