Gigi Proietti Globe Theatre Silvano Toti, Falstaff e le allegri comari di Windsor

Dal 24 giugno al 10 luglio ore 21.00 a Roma

447

La stagione del Gigi Proietti Globe Theatre Silvano Toti di Roma prosegue con Falstaff e le allegri comari di Windsor, di William Shakespeare
 con la regia, l’adattamento e la traduzione di Marco Carniti, in scena dal 24 giugno al 10 luglio ore 21.00 (da mercoledì a domenica)

Secondo la leggenda, la Regina Elisabetta, conquistata dal personaggio di Falstaff, visto nell’ ENRICO IV e V ordinò la stesura di una nuova commedia che lo vedesse protagonista assoluto.  Shakespeare scrive in quattordici giorni “Le Allegre Comari di Windsor”, una commedia dove inserisce il meglio del proprio repertorio: l’amore contrastato tra giovani, equivoci, scambi, travestimenti e beffe. Commedia capitanata da donne, definite nella traduzione “libere” più che “allegre” in senso contemporaneo perché libere di pensare e agire come le donne di oggi. Il personaggio di Sir John Falstaff diventerà il più amato della produzione comica shakespeariana e entra, a pieno diritto, nella storia del teatro (e non solo) e nel cuore degli spettatori di tutti i tempi. Alla pari di Amleto.
In questa nuova versione del testo, troviamo oltre a frammenti da ENRICO IV e ENRICO V che arricchiscono il personaggio di Falstaff e che raccontano la sua origine, anche il monologo di apertura dell’ENRICO IV della “Fama” che riflette su un mondo comandato da un ‘ idea di successo e bombardato da false notizie e false calunnie.
Un’idea di mondo ancora drammaticamente attuale.
Un gruppo di attori si riappropria dello spazio teatrale che gli era stato negato causa pandemia, per denunciare un mondo costruito su false notizie (fake news).
E il personaggio popolare di Quickly tesse un filo che unisce tutti gli inganni, come un Arlecchino servitore di due padroni.
Perché Falstaff oggi?
Oggi più che mai ci sentiamo tutti presi in giro da qualcuno o da qualche entità. E Falstaff e la sua “Armata Brancaleone” rappresentano quello che noi siamo. Perché oggi è l’epoca dei “tutti gabbati “. E alla fine “Allegri” sono gli spiriti ma “Tristi” i risultati. E Falstaff diventa così esempio di decadenza fisica e morale dell uomo, visto come pagliaccio per il mondo. In un mondo che è già pagliaccio.
Divertente come ‘Bisbetica domata’ e filosofico come ‘As you like it’, le ‘Allegre comari’ si colloca in un ‘mondo di mezzo’ che vuol far ridere delle nostre lacrime.
Invitati giornalmente alla “cena delle beffe” l’uomo di oggi resta stritolato dal suo stesso meccanismo misto di vanità e interessi personali.
Ma l’uomo per Shakespeare, fatto della stessa materia di sogni, contraddizioni che si assommano, utopie che svaniscono, si rassegna ma non muore. L’uomo esiste e resiste. Nonostante tutto resta al centro del Globo.

Interpreti
(in ordine alfabetico)

SLENDER Tommaso Cardarelli
MADAME QUICKLY Patrizio Cigliano
MADAME FORD Antonella Civale
NYM Roberto Fazioli
MASTER FORD Gianluigi Fogacci
FENTON Sebastian Gimelli Morosini
ROBIN Dario Guidi
FALSTAFF Antonino Iuorio
GIUDICE SHALLOW Roberto Mantovani
ANNA PAGE Valentina Marziali
EVANS Gigi Palla
MADAME PAGE Loredana Piedimonte
PISTOL Raffaele Proietti
MASTER PAGE Mauro Santopietro
BARDOLFO Alessio Sardelli
SIMPLICIO Federico Tolardo

Musiche

MARIO INCUDINE Arpa dal vivo DARIO GUIDI

Aiuto regia

MARIA STELLA TACCONE
FRANCESCO LONANO

Assistente alla regia
ILARIA DIOTALLEVI

Costumi
GIANLUCA SBICCA
Scene
FABIANA DI MARCO
Assistente scenografa
GIULIA LABARDI