Teatro Duse, presentata la Stagione di Prosa 2022/2023

Ecco la programmazione

591

 IN ABBONAMENTO 16 SPETTACOLI DAL CLASSICO AL CONTEMPORANEO

CAPODANNO CON VANESSA INCONTRADA, TORNA IL CULT ‘SLAVA’S SNOWSHOW’ 

Tra i protagonisti: Geppy Gleijeses, Lucia Poli, Maurizio Micheli, Federica Frasassi, Lucia Lavia, Elisabetta Pozzi, Lodo Guenzi, Massimo Dapporto, Francesco Pannofino, Iaia Forte, Vanessa Incontrada, Gabriele Pignotta, Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Maddalena Crippa, Giuseppe Cederna, Tosca D’Aquino, Giampiero Ingrassia, Lella Costa, Carrozzeria Orfeo, Enzo Decaro, Elena Sofia Ricci, I Legnanesi, Alessandro Baricco, Compagnia Corrado Abbati, Elio Germano, Oblivion, Maurizio Battista. Per la musica: Raphael Gualazzi, Daniele Silvestri, Angelo Branduardi, Simona Molinari, Harlem Gospel Choir, Orchestra Senzaspine. Torna in scena il cult ‘Slava’s Snowshow’. 

I classici intramontabili del teatro da William Shakespeare a Tennessee Williams, da Harold Pinter a Luigi Pirandello fino ad Anton Cechov, accanto ai testi più innovativi della drammaturgia contemporanea, da Lucy Kirkwood a Ferzan Ozpetek; i registi più importanti della scena nazionale e internazionale come Peter Stein, Pier Luigi Pizzi, Andrea Baracco e Serena Sinigaglia e gli interpreti più amati. È ricca di nomi prestigiosi la nuova Stagione di prosa 2022/2023 del Teatro Duse di Bologna che, tra tradizione e innovazione, riunisce nel segno della qualità 16 titoli in abbonamento, più 7 appuntamenti proposti in opzione. A questi si aggiunge l’atteso ritorno di ‘Slava’s Snowshow’ (dal 15 al 19 marzo), lo spettacolo cult di Slava Polunin, considerato dalla critica il “miglior clown del mondo”. 

Numerosi i ritorni in scena dei protagonisti che sono ormai di casa sul palco di via Cartoleria. Tra questi, Geppy Gleijeses, Lucia Poli, Maurizio Micheli, Federica Frasassi, Lucia Lavia, Elisabetta Pozzi, Massimo Dapporto, Francesco Pannofino, Iaia Forte, Gabriele Pignotta, Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Giuseppe Cederna, Tosca D’Aquino, Giampiero Ingrassia, Lella Costa, I Legnanesi, Compagnia Corrado Abbati, Oblivion, Maurizio Battista. Prima volta al Duse, invece, per Vanessa Incontrada, Enzo De Caro, Alessandro Baricco, Elena Sofia Ricci, Elio Germano, Lodo Guenzi e per la compagnia Carrozzeria Orfeo.  

“La Stagione di prosa 2022/2023 – sottolinea il presidente del Cda del Teatro Duse Walter Mramor offre al pubblico una proposta artistica di assoluta qualità. Il cartellone accoglie grandi maestri della scena teatrale e giovani talenti; sperimenta novità drammaturgiche di assoluto rilievo e rinnova la fiducia ai grandi classici del teatro. Ripropone un percorso creativo e partecipato dedicato ai più piccoli e, nello stesso tempo, ospita straordinari eventi internazionali. Sono certo che la nuova Stagione artistica, quest’anno come non mai, saprà regalarci profonde emozioni, momenti di svago e di riflessione, anche sul concetto del Teatro come bene dell’intera comunità, ritrovando la felicità dello stare assieme”.  

LA STAGIONE DI PROSA 2022/2023

Ad aprire la Stagione di prosa 2022/2023 sarà ‘Servo di scena’ (28-30 ottobre) di Ronald Harwood. Sul palco Geppy Gleijeses nel ruolo di Sir Ronald, Maurizio Micheli nei panni del servo di scena Norman e Lucia Poli nelle vesti di Milady. Lo spettacolo, che si avvale della traduzione di Masolino D’Amico e la regia di Guglielmo Ferro, che già diresse la pièce nell’edizione in cui il padre Turi Ferro ricopriva il ruolo di Sir, è un grande inno all’amore per il teatro che resiste alla guerra e alle bombe tedesche nell’Inghilterra del 1942.

A seguire, Andrea Baracco firma la regia di un ‘Otello’ shakespeariano (11-13 novembre) affidato a un cast tutto al femminile. Interpreti del complesso e profondo meccanismo scenico fondato sul rapporto tra caso e scelta sono Federica Fracassi, Lucia Lavia, Emilia Scarpati Fanetti, Valentina Acca, Ilaria Genatiempo, Viola Marietti, Federica Fresco, Verdiana Costanzo. 

Attualissimo ‘The Children (18-20 novembre), testo dell’autrice britannica Lucy Kirkwood che ha debuttato a Londra nel 2016. L’ambiente, l’equilibrio tra responsabilità individuale e collettiva, il cortocircuito generazionale e il senso di ipoteca dell’uomo contemporaneo sul futuro proprio e del pianeta sono i temi al centro di questo spettacolo che parla al presente di tutti noi. In scena Elisabetta Pozzi, Giovanni Crippa e Francesca Ciocchetti, diretti da Andrea Chiodi.  

Debutto sul palco del Duse, invece, per l’artista bolognese e frontman de Lo Stato Sociale Lodo Guenzi che sarà il protagonista del celebre giallo di Agatha Christie ‘Trappola per topi’ (25-27 novembre). Alla regia Giorgio Gallione che, con rigore ed eccentricità, porta in scena il plot ferreo e incalzante di una storia capace di appassionare con la stessa forza da settant’anni.  

Tra i ritorni quello di Massimo Dapporto, interprete con Antonello Fassari de Il delitto di via dell’Orsina (9-11 dicembre), uno degli atti unici più conosciuti di Eugène Labiche, padre nobile del vaudeville. Alla regia Andrée Ruth Shammah che conserva intatta la struttura della commedia degli equivoci, ma vira al noir seminando inquietudini e sospensioni, in un disorientamento che spinge il pubblico a ridere e a pensare. 

Cult cinematografico, poi serie televisiva di successo, approda a teatro ‘Mine vaganti’ di Ferzan Ozpetek (16-18 dicembre), interpretato da Francesco Pannofino, Iaia Forte, Erasmo Genzini, Carmine Recano e Simona Marchini. Se lo spirito originario e corale del film resta immutato, l’adattamento teatrale è il frutto di un lavoro per sottrazione con cui Ozpetek mette in luce il carattere più intrigante e umoristico della storia che ruota, come è noto, attorno al tema del coming out e dei suoi risvolti sociali e familiari.

Protagonista del Gran galà di Capodanno, il 31 dicembre alle 21.30 sarà Vanessa Incontrada in scena accanto a Gabriele Pignotta nella commedia ‘Scusa sono in riunione…ti posso richiamare?’. Lo spettacolo, scritto e diretto dallo stesso Pignotta, è in cartellone anche il 29 e 30 dicembre e l’1° gennaio 2023. Ritratto della generazione dei quarantenni di oggi, la pièce offre un’ironica e acuta riflessione sull’ossessione della visibilità e sulla brama di successo tipiche dei nostri tempi.

Rappresenta un omaggio a Pietro Garinei e alla ditta Garinei e Giovannini, la nuova messa in scena di Luigi Russo della commedia ‘Se devi dire una bugia dilla grossa’ (20-22 gennaio). Lo spettacolo, scritto dal britannico Ray Cooney e tradotto da Iaia Fiastri, vede protagonisti Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti e Paola Quattrini. 

Molto atteso ‘Il compleanno’ (27-29 gennaio) del premio Nobel Harold Pinter. Lo spettacolo è diretto dal pluripremiato regista tedesco Peter Stein, che torna a lavorare sulla ‘commedia della minaccia’ del drammaturgo inglese dopo il successo di ‘Ritorno a casa’. In scena alcuni degli attori più ‘fedeli’ a Stein: Maddalena Crippa, Alessandro Averone, Gianluigi Fogacci. 

Roberto Valerio firma, invece, adattamento e regia di ‘Zio Vanja’ (3-5 febbraio). Il capolavoro di Anton Checov va in scena in un allestimento che oscilla tra realismo e onirico, tra malinconie e spunti burleschi, nel meccanismo perfetto della tragicommedia. Ad interpretare Vanja è Giuseppe Cederna. Accanto a lui Euridice Axen, Pietro Bontempo, Mimosa Campironi, Massimo Grigò. Alberto Mancioppi, Elisabetta Piccolomini.

Ancora un grande classico: ‘Uno, nessuno, centomila’ (10-12 febbraio) di Luigi Pirandello, diretto da Antonello Capodici. Sul palco Pippo Pattavina nelle vesti del protagonista Vitangelo Moscarda e Marianella Bargilli, che darà corpo e voce a tutti i personaggi femminili: la seducente moglie Disa, la claustrale Maria Rosa e la reietta Diamante, in una fantasmagoria di maschere, evocazioni e invenzioni sceniche. 

Registro brillante per Tosca D’Aquino e Giampiero Ingrassia, impegnati nella commedia di Roberto Cavosi Amori e sapori nelle cucine dal Gattopardo’ (17-19 febbraio), con la regia di Nadia Baldi. Le scene di Luigi Ferrigno ricreano le atmosfere lussuose dei saloni nobiliari siciliani e fanno da sfondo alle zuffe che animano le cucine a servizio del principe di Salina. Un testo originale in cui pietanze e sentimenti si fondono nel caleidoscopio di languori e passioni tipico del profondo Sud. 

Reduce dai ripetuti sold out delle passate stagioni, torna Lella Costa, questa volta in scena accanto ad Elia Schilton nello spettacolo ‘Le nostre anime di notte’ (24-26 febbraio) tratto dall’omonimo romanzo dell’americano Kent Haruf e diretto da Serena Sinigaglia. Al centro della storia, Addie e Louis, entrambi vedovi ultrasettantenni che, per combattere la solitudine, stabiliscono un legame di amicizia, amore e confidenze notturne. Un rapporto che turberà il conformismo sociale dei benpensanti attorno alla coppia. 

Per la prima volta sul palco del Duse la pluripremiata compagnia Carrozzeria Orfeo con il più politico dei suoi lavori: ‘Miracoli metropolitani’ (10-12 marzo). Scritto da Gabriele Di Luca prima della pandemia, il testo preconizza una società chiusa in casa che sta per essere sepolta dai suoi stessi escrementi. Il testo è, dunque, una grande metafora del nostro tempo e di un’umanità ai ferri corti con sé stessa. In scena Elsa Bossi, Ambra Chiarello, Federico Gatti, Aleph Viola, Beatrice Schiros, Federico Vanni e Massimiliano Setti che firma la regia, insieme a Di Luca e Alessandro Tedeschi. 

Non manca un omaggio alla drammaturgia partenopea con Enzo Decaro in Non è vero ma ci credo’ (24-26 marzo) di Peppino De Filippo. Pur rispettando i canoni tradizionali del teatro napoletano, la regia di Leo Muscato ambienta la vicenda nella Napoli degli anni Ottanta, conferendole un sapore più contemporaneo. Ricca di momenti esilaranti e paradossali, la commedia si sviluppa attorno al personaggio dell’avaro imprenditore Gervasio Savastano, ossessionato dalle superstizioni. 

Un altro maestro del teatro come Pier Luigi Pizzi firma regia, scene e costumi di La dolce ala della giovinezza’ (21-23 aprile) di Tennessee Williams presentato nella traduzione di Masolino D’Amico e con le musiche composte da Stefano Mainetti. Debutto sul palco del Duse per Elena Sofia Ricci nel ruolo della protagonista, Alexandra Del Lago, diva del cinema sul viale del tramonto, alcolizzata e depressa che cerca conforto e riparo tra le braccia di un giovane gigolò e attore fallito, interpretato da Gabriele Anagni.  

I 7 TITOLI IN OPZIONE DI ABBONAMENTO

In cartellone ci sono altri 7 spettacoli che possono essere scelti in opzione d’abbonamento a prezzo agevolato per arricchire il proprio carnet. 

Si tratta nello specifico di ‘Liberi di sognare’ (2-4 dicembre) il nuovo show en travesti de I Legnanesi, al secolo Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordara; ‘Alessandro Baricco legge Novecento’ (12 e 13 dicembre, in recupero delle date posticipate); il nuovo concerto dell’Harlem Gospel Choir (19 dicembre), il più famoso coro gospel d’America. 

E ancora, per gli amanti dell’operetta, il nuovo allestimento della Compagnia Corrado Abbati de ‘Il Paese dei Campanelli’ (14 e 15 gennaio) che festeggia quest’anno cento anni dal debutto del 1923. Omaggio al genio di Dante Alighieri e, in particolare al 33esimo canto del Paradiso, con Elio Germano che dà voce aParadiso XXXIII’ (4 e 5 marzo). Sul palco accanto a Germano Teho Teardo che firma la drammaturgia sonora. Alla regia crossmediale, tra immagini ed effetti speciali, Simone Ferrari & Lulu Helbaek. 

Tra i ritorni anche gli Oblivion con ‘Oblivion Rhapsody’ (15 e 16 aprile), lo show che suggella oltre un decennio dell’inossidabile gruppo formato da Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli, diretti da Giorgio Gallione. Torna, infine, la comicità di Maurizio Battista (5-7 maggio) per tre serate tutte da ridere, grazie al suo nuovo show. 

A questi si aggiunge, come detto, l’atteso ritorno al Duse di ‘Slava’s Snowshow’ di Slava Polunin, in scena dal 15 al 19 marzo. 

Sono, infine, disponibili in prevendita anche i biglietti per i live di Raphael Gualazzi (13 ottobre), Daniele Silvestri (23 novembre), Angelo Branduardi (1° dicembre) e Simona Molinari (14 dicembre) e per ‘Bollicine’, il tradizionale concerto di fine anno dell’Orchestra Senzaspine (26, 27 e 28 dicembre). 

LE RASSEGNE DI FANTATEATRO

Con la bella stagione si rinnova l’appuntamento con la Compagnia Fantateatro diretta da Sandra Bertuzzi. In programma la rassegna ‘Un’estate… mitica!’ (dal 14 giugno all’8 settembre) con 17 spettacoli dedicati ai miti greci e il nuovo ciclo ‘Fantateatro danza’ con ‘Pierino e il lupo’ di Prokofiev (13, 14, 15 settembre) e ‘Il lago dei cigni’ di Tchaikovsky (21, 22, 23 settembre). Entrambe le rassegne, adatte dai 4 anni in su, fanno parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Territorio Turistico Bologna-Modena, e del DUSEgiovani, il progetto che il Duse, con il contributo della Regione Emilia-Romagna, dedica alle nuove generazioni di artisti e spettatori. 

La Stagione di prosa 2022/2023 è stata presentata in conferenza stampa dalla Direzione Artistica del Duse composta da Walter Mramor (a.ArtistiAssociati di Gorizia), Livia Amabilino (La Contrada – Teatro Stabile di Trieste), Berto Gavioli (Teatro Michelangelo di Modena) e Stefano Degli Esposti (Dems Teatro). Sono intervenuti, inoltre, la delegata del Sindaco alla Cultura di Bologna e Città Metropolitana Elena Di Gioia e il direttore organizzativo del Teatro Duse Gabriele Scrima.  La Stagione del Teatro Duse si svolge con il patrocinio e il contributo di Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna; e con il sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Main partner è BPER Banca. Sostengono la Stagione anche Penske Cars, StarEmilia, Prime – Palestre italiane, Pasticceria Regina di Quadri, Hotel Touring Bologna, Vivaticket, Coop Alleanza 3.0, Forno Brisa, Matteiplast, I Giardini di Anna. Media partner: QN il Resto del Carlino, Radio Bruno.

CAMPAGNA ABBONAMENTI DUSEprosa 2022/2023

La campagna abbonamenti si apre l’8 giugno 2022, alle ore 11.00. 

Le tipologie di abbonamento proposte per la Stagione di prosa sono:

  • DUSEprosa – 16 spettacoli di prosa 
  • DUSE8rosso – 8 spettacoli di prosa
  • DUSE8blu – 8 spettacoli di prosa

Sono inoltre già disponibili in prevendita: 

  • In opzione – 7 progetti originali fuori abbonamento a prezzi speciali per gli abbonati
  • SLAVA’S SNOWSHOW 

Tutte le date della campagna abbonamenti: 

  • Dall’8 al 16 giugno: rinnovo abbonamenti DUSEprosa, DUSE7rosso e DUSE7blu della Stagione 2021/2022 e ricollocazione abbonati 2019/2020 che non hanno potuto rinnovare il proprio abbonamento la scorsa Stagione.
  • 17 e 18 giugno: cambio turno e cambio posto, dopo aver comunicato alla biglietteria la propria esigenza entro il 16 giugno
  • Dal 20 giugno: vendita nuovi abbonamenti DUSEprosa, DUSE8rosso e DUSE8blu.
  • Entro il 30 giugno è possibile riservare il proprio abbonamento, anche versando una caparra di soli 50 euro. Il saldo dovrà essere effettuato alla riapertura della biglietteria, dal 5 al 10 settembre.

È possibile, inoltre, diventare Sostenitore del Teatro Duse, sottoscrivendo la tessera dell’Associazione Teatro Duse. L’iscrizione consente di godere di inviti esclusivi e particolari vantaggi sull’acquisto di abbonamenti e biglietti, oltre che sui servizi offerti dal teatro. La tessera Sostenitore è disponibile in tre tipologie (Giovane/Argento/Oro) con costi e benefit differenziati. 

BIGLIETTERIA:

Teatro Duse – via Cartoleria, 42 Bologna

Tel. 051 231836 | biglietteria@teatroduse.it

Dall’8 al 30 giugno, dal lunedì al sabato, dalle ore 15 alle 19.

Info: teatroduse.it