9 C
Firenze, IT
venerdì 20 ottobre 2017

Teatro Mengoni – Magione (PG)

Piazza Mengoni , 1a
Magione (PG)
Tel.: 075 8472403
Mail: tsu@teatrostabile.umbria.it

Il teatro di Magione, che porta il nome del suo progettista architetto Giuseppe Mengoni, fu fatto costruire da una locale Società Anonima nell’aprile del 1870 e successivamente, per l’esattezza il 10 ottobre 1877, fu ceduto dalla società proprietaria al Comune di Magione che lo ha posseduto fino al 1991, anno in cui fu venduto, per una cifra simbolica, alla Regione dell’Umbria che ne ha ordinato e curato il definitivo recupero allo stato odierno.

In origine il Teatro era tutto contenuto nell’attuale sala ed era formato dalla platea, da un ordine di 16 palchi e da un ampio loggione sovrastante i palchi, il tutto realizzato in materiale ligneo e soffittato con teli dipinti. Nel corso degli anni il teatro si è gradatamente deteriorato soprattutto nelle parti lignee che, con decisione quantomeno folle, furono abbattute nel 1939 anno in cui vi fu aggiunto l’attuale palcoscenico.

Oggi poco o nulla è rimasto del primitivo edificio se non le mura esterne e alcune opere murarie interne; va comunque sottolineata la saggezza dell’opera di restauro voluta dalla Regione Umbria che, senza riproporre falsi storici, ha restituito alla pubblica fruibilità un teatro moderno e funzionale agli usi spettacolistici di cui il territorio aveva estremo bisogno.

Cartellone: http://www.teatrostabile.umbria.it/pagine/magione-004

Eventi consigliati dalla Redazione

No events

I nostri amici

Film/Cinema

INTERVISTE

Intervista al M° George Postelnicu

George Postelnicu è nato a Bucarest, in Romania. Ha studiato danza classica con il metodo Vaganova presso il Liceo Coreografico di Bucarest sotto la...

A colloquio con Mattia Berto – 5 giugno 2017

Intervista a cura di Luca Benvenuti

Intervista a Daniele Petricciuolo, la vita di uno yogi moderno

Intervista a cura di Michele Olivieri

Intervista a Gabriele Vacis

Intervista a cura di Francesco Roma

Due chiacchiere con Raphael Gualazzi ospite di Kilowatt Festival

Intervista a cura di Erika Di Bennardo