“STORIA DI COLAPESCE, ‘NA TARANTELLAMARA”

0
519
Condividi TeatriOnline sui Social Network

UNO SPETTACOLO IN PRIMA NAZIONALE DI MOVIMENTOINACTOR TEATRODANZA/CON.COR.D.A, PER UNA SERATA EVENTO IN UN LUOGO ALTRETTANTO PARTICOLARE E SUGGESTIVO: IL CANTIERE NAVALE DELL’ECOLOGY GROUP, A PISA IN VIA DELLA DARSENA, PRESSO IL CANALE NAVICELLI

Si conclude a Pisa la rassegna NavigArte. NavigAzioni per le vie dell’arte tra danza e musica, con la serata evento del 18 settembre in cui verrà presentato in prima nazionale lo spettacolo di teatro danza e musica dal vivo “Storia di Colapesce, ‘na Tarantellamara” di Movimentoinactor Teatrodanza/Con.Cor.D.A..

Tre le repliche previste: alle 20:30, alle 21:30, alle 22:30, presso il cantiere navale dell’Ecoloy Group (Pisa, via della Darsena 3), accanto al canale Navicelli. Ingresso ad invito (gli inviti possono essere ritirati presso l’Ufficio Cultura del Comune di Pisa, la segreteria della Navicelli Spa, oppure fino ad un’ora prima dell’inizio degli spettacoli direttamente sul luogo).

La nuova produzione del Consorzio Coreografi Danza d’Autore vede il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, con la collaborazione della Navicelli Spa.

La rassegna NavigArte, che è stata organizzata da Movimentoinactor Teatrodanza e dal Consorzio Coreografi Danza d’Autore (con il sostegno di Comune di Pisa, Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, Fondazione e Museo Piaggio,  Navicelli Spa,  Panchetti Srl.), nel mese di luglio ha visto la presenza di numerosi artisti tra cui Antonio Bonura, Marco Di Palo, Domenico Mennillo, Giovanni Canale, Eugenio Sanna, e compagnie come il Balletto di Sardegna, la Compagnia Francesca Selva, il Gruppo Interculturale di Teatro Danza. Gli spettacoli, fra danza e musica, sono stati presentati nel suggestivo scenario di archeologia industriale della terrazza della Corte Sanac, a Pisa; per concludere poi la prima parte della rassegna nel particolarissimo contesto del Museo Piaggio di Pontedera, con un’inedita produzione di Movimentoinactor Teatrodanza.

“Storia di Colapesce, ‘na Tarantellamara” è un’istallazione musicale coreografica per la regia e coreografia di Flavia Bucciero. La musica, eseguita dal vivo da Antonello Paliotti Quartet (Antonello Paliotti, chitarra e chitarra battente; Michele De Martino, mandolino e mandola; Mauro Fagiani, violoncello; Maddalena Abbate, castagnette) è di Antonello Paliotti (il musicista è stato collaboratore di Roberto De Simone, cura gli arrangiamenti musicali di Eugenio Bennato e di  Gianni Lamagna, e vanta numerose esperienze anche nei campi del cinema e del teatro). Il testo della canzone “Lingua e dialettu” è di Ignazio Buttitta.

Danzano: Franco Corsi (nel ruolo di Colapesce), Sabrina Davini, Laura Feresin, Marta Sbranti.

La storia di Colapesce è una leggenda tramandata da materiali orali e scritti di origine siciliana, napoletana e spagnola, raccolti e elaborati dallo scrittore Giuseppe Pitrè, da Benedetto Croce, da Italo Calvino, dalla filologa Maria D’Agostino, e che vanta riferimenti a Cervantes, Pontano, Salimbene. Nicola Pesce, o Colapesce, o Pesce Nicolò, è un ragazzo che trascorre tutto il suo tempo nel mare: la madre, esasperata,  scaglia contro di lui la terribile maledizione “…che tu possa diventare un pesce!”. E così fu. Lo spettacolo si ambienta sotto il fondo del mare, che nella coreografia diviene metafora di un mondo parallelo, in cui è possibile distinguere ciò che nella realtà è difficile riconoscere.  Colapesce vi si aggira, alla scoperta di sentimenti ed emozioni sconosciuti. I ritmi della tarantella e della tradizione musicale mediterranea accompagnano il suo percorso di conoscenza; interpretati dal vivo dal musicista Paliotti, sono concepiti in maniera originale, e filtrati attraverso una sensibilità contemporanea.

La particolare scenografia è rappresentata da una barca in costruzione dell’ Ecology Group, e dall’evocativo e affascinante contesto del Canale dei Navicelli e della Darsena di Pisa. L’evento diviene, quindi, l’occasione per conoscere oltre che un luogo di natura di particolare fascino, la realtà operosa e creativa della cantieristica navale che, in questo caso, entra in relazione con il mondo dell’arte e dello spettacolo. La città di Pisa vanta una lunga tradizione cantieristica che ritrova le sue origini nel Medioevo, e che va letta assieme all’intreccio di culture di tutti i popoli che si affacciano sul Mediterraneo. La valorizzazione delle tradizioni e delle culture artistiche fa da sfondo alle produzioni di Movimentoinactor Teatrodanza: gli spettacoli e le iniziative promosse sono da sempre particolarmente attente alla fusione di realtà e linguaggi – artistici e non – differenti, per la promozione di una cultura della relazione.

 

Dove

Il  cantiere dell’Ecology Group, dove si svolgerà lo spettacolo, si trova in Pisa in via della Darsena 3, di fronte all’edificio Onda della Navicelli Spa.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà all’interno di un cantiere.

 

Ritiro degli inviti

– presso la segreteria della Navicelli SPA Via della Darsena, 2 (dalle ore 9 alle 14);

– presso l’Ufficio Cultura del Comune di Pisa, Palazzo Pretorio, terzo piano, Vicolo del Moro  (dal 9 al 15 settembre, dalle ore 9 alle 11);

– fino ad un’ora prima dell’inizio degli spettacoli, direttamente sul luogo e fino ad esaurimento.

 

Per informazioni

Movimentoinactor Teatrodanza

Tel.  050 501463, movimentoinactor@tiscalinet.itwww.movimentoinactor.it

Navicelli Spa

Tel. 050 26158

 

 

Irene  – Comunicazione Movimentoinactor Teatrodanza

Tel. 338 2352576

irene@movimentoinactor.it

www.movimentoinactor.it

LEAVE A REPLY