IL VIZIETTO – LA CAGE AUX FOLLES

0
255
Condividi TeatriOnline sui Social Network

GRANDE DEBUTTO AL TEATRO SISTINA DI ROMA

DEL NUOVO MUSICAL FIRMATO MASSIMO ROMEO PIPARO

CON MASSIMO GHINI E CESARE BOCCI

Martedì 29 novembre al Teatro Sistina di Roma debutta in “prima nazionale” assoluta il nuovo musical firmato Massimo Romeo Piparo “Il Vizietto La Cage aux Folles” con l’inedita coppia Massimo Ghini e Cesare Bocci e un cast sui tacchi a spillo di oltre 20 artisti.

Portato in scena per la prima volta nel 1983, “La Cage aux Folles” si ispira all’omonima opera teatrale francese di Jean Poiret da cui fu tratto il film “Il Vizietto”, con le straordinarie interpretazioni di Michel Serrault e Ugo Tognazzi. Al centro della vicenda, la coppia sentimentale formata da Albin/Zaza (Massimo Ghini) e Renato (Cesare Bocci), che gestisce uno sfavillante locale notturno per travestiti a Saint Tropez, dove Albin si esibisce come Drag Queen con il nome d’arte di “Zazà”. La tranquillità della coppia viene scossa da un evento inaspettato e da quel momento hanno inizio una serie di equivoci esilaranti, che si concluderanno con un happy end a sorpresa. Con alcune anteprime, in calendario dal 23 al 27 novembre, il Musical sarà in scena a Roma fino al 18 dicembre per proseguire nei più importanti teatri italiani.

La Peep Arrow Entertainment porta in scena una grande produzione, con l’Orchestra dal vivo -18 elementi- diretta dal Maestro Emanuele Friello e un cast unico: oltre ai ruoli en travestì di Massimo Ghini e Cesare Bocci, Russel Russel nel ruolo di Jacob, Cristian Ruiz in quelli di Laurent, Crescenza Guarnieri ed Edoardo Sala, rispettivamente Madame e Monsieur On. Sant’Ann de Que. Le fantastiche coreografie del grande Bill Goodson scateneranno una schiera di sorprendenti Cagelles e di temibili Drag Queen. Le scenografie sono di Gianluca Amodio, i costumi di Nicoletta Ercole.  

Una sfida importante, uno spettacolo che in America ha ottenuto un successo straordinario negli anni ’80 e nel 2010 ha vinto l’Oscar per il miglior Musical Revival. Un grande ritorno in teatro per Massimo Ghini: “Affronto un personaggio che in un certo senso è il sogno di ogni attore: un ruolo che ti impegna a renderti credibile vestendo panni completamente diversi dai tuoi. È una sfida… e il volermi mettere continuamente in gioco è un po’ la mia ‘colonna sonora’, fa parte della mia natura d’artista”. L’attore romano veste i panni del tenero Albin, che nel celebre film fu interpretato da Michel Serrault: “Albin è un personaggio tragicamente sopra le righe, un uomo che riafferma ciò che è “I am what I am” e lo vuole gridare al mondo”.

Per Cesare Bocci “è un’esperienza eccitante perché lo spettacolo ha un plot talmente perfetto e i personaggi hanno una caratterizzazione così divertente che ne fanno uno spettacolo unico. Poi il tema e’ ancora oggi talmente attuale che bisogna dare atto agli autori di essere stati molto avanti con le proprie idee. Nel film mancavano le canzoni, dei temi bellissimi che sono contento di poter cantare in teatro”. Cesare Bocci è Renato… un memorabile Ugo Tognazzi nel film omonimo: “Avere un riferimento come Tognazzi potrebbe essere un’eredità pesante ma io ho cercato una mia via per interpretare il personaggio. Forse negli anni ‘70, pur nel clima della liberazione sessuale, i gay erano rappresentati come un’icona sempre uguale… sempre allegri e femminili. Oggi sappiamo che il mondo omosessuale è più integrato, alcuni sono apertamente in coppia e hanno una vita e atteggiamenti assolutamente non omologabili…”

Massimo Romeo Piparo sottolinea l’importanza di aver scelto per la sua messa in scena un cast di eterosessuali: “E’ il momento che chi ha fatto scelte di vita più protette, come gli eterosessuali, protegga e difenda chi si batte per l’uguaglianza dei diritti di ciascun individuo. Anche sul palcoscenico”.  L’artefice dei favolosi successi di “Jesus Christ Superstar”, “HairSpray…Grasso è bello!”, “Smetti di piangere Penelope!”, “Evita”, “Tommy”, “My Fair Lady”, “Cenerentola”, “La Febbre del Sabato Sera”, “Lady Day” e “Alta Societàe prossimamente anche con la regia di “Rinaldo in Campo” sempre al Sistina, porta in scena una grande produzione, quasi sessanta addetti tra attori, addetti e maestranze, e un importante lavoro di adattamento e di regia. “Non faremo sconti a nessuno” – spiega Massimo Piparo – “affrontiamo temi come l’omosessualità e le coppie di fatto in maniera schietta, chiara e divertente. Nel musical saranno evidenti due grandi questioni del nostro tempo. La politica che attacca gli omosessuali. E gli omosessuali che rispondono con la parola Amore. Questo spettacolo servirà anche a far luce sull’amore di cui sono capaci le coppie di fatto, a cominciare da quelle gay”.

www.lacageilmusical.it

Tel. +39 06.42007139 –  Fax +39 06.4741338

stampa@ilsistina.com

“La Cage aux Folles” è un Musical americano del 1983 di Jerry Herman (musica e testi) e Harvey Fierstein (libretto). È un adattamento dell’omonima opera teatrale francese di Jean Poiret del 1973 dalla quale era stato tratto nel 1979 il film “Il Vizietto”. La produzione originale del 1983 vinse 6 Tony Award (gli Oscar del Musical), tra cui Miglior musical. Tony Award alla riedizione del 2010 come “Best Revival”.

Il Musical debuttò il 21 agosto del 1983 e chiuse il 12 novembre 1987 dopo 1761 repliche. La regia dello spettacolo fu affidata a Arthur Laurents e le coreografie a Scott Salmon. I protagonisti furono interpretati da Gene Barry e George Hearn. La produzione londinese aprí il 7 maggio 1986 e rimase in scena 8 mesi.

Fra le canzoni più popolari di questa produzione meritano menzione The Best of Times e soprattutto I Am What I Am (“sono quel che sono”), un inno alla “diversità” “Questo è il mio mondo/quindi ci voglio un pizzico di orgoglio“, divenuto celeberrimo anche fra il grande pubblico grazie all’interpretazione di numerosi cantanti, in primo luogo per la versione disco di Gloria Gaynor, che ha avuto un ottimo successo di pubblico.

La storia narra la vicenda di Renato e del suo compagno Albin: gestiscono uno sfavillante locale notturno per travestiti a Saint Tropez, dove Albin si esibisce come drag queen con il nome d’arte di “Zazà”. I due, che vivono insieme da oltre 20 anni, hanno cresciuto assieme Laurent, figlio di Renato, nato da una fugace relazione eterosessuale con una ballerina.

La tranquilla vita dei due viene però messa a dura prova quando Laurent annuncia di essersi fidanzato con la figlia di un politico reazionario e ultra-conservatore e che, in occasione della visita dei futuri suoceri, desidererebbe che Albin non fosse presente, per non fare cattiva impressione sul futuro suocero. Da qui ha inizio una serie di equivoci comici, che movimentano la vicenda fino a una conclusione a sorpresa.

 

 

 

Il Vizietto è un FILM di Edouard Molinaro del 1978, adattamento cinematografico di una commedia di Jean Poiret messa in scena nel 1973 e replicata per cinque anni consecutivi al Palais Royal di Parigi. Uno dei due protagonisti maschili, l’attore Michel Serrault, conserva il proprio ruolo anche nel film, mentre il personaggio di Jean Poiret viene qui interpretato dal grande Ugo Tognazzi.

 

 

LEAVE A REPLY