Contemporanea Festival

0
200
Condividi TeatriOnline sui Social Network

CREW
TERRA NOVA
22/25 settembre ore 19-22 | Teatro Fabbricone
due turni giornalieri, alle 20 e alle 22, per 55 persone.
info e prenotazioni: 0574/608533
Biglietto 15 euro (ridotto 10 euro) – prenotazione obbligatoria
L’inaugurazione è affidata alla compagnia belga CREW / direzione artistica Eric Joris e Stef De Paepe con “Terra Nova”, un’opera multimediale e al tempo stesso un’avventura immersiva, al confine tra performance e nuove tecnologie, dove il pubblico rivive le sensazioni provate da R.F. Scott durante la drammatica spedizione al Polo Sud, nel 1911. Lo spettacolo, che ha debuttato al Festival d’Avignon lo scorso anno ed è stato presentato in festival e centri culturali internazionali, nasce da un progetto finanziato dall’Unione Europea e vede in Toscana la collaborazione fra tre importanti istituzioni: Contemporanea/Teatro Metastasio,  Fondazione Fabbrica Europa e Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato. (22-25 settembre).

LUCIA CALAMARO
L’ORIGINE DEL MONDO,
RITRATTO DI UN INTERNO
23 settembre h 21.00 | Teatro Metastasio
durata 3h 30’ con 2 intervalli
Biglietto 15 euro (ridotto 10 euro)
“Un ciclo che ho costruito su una vita, quella di una donna in crisi; vita che si declina in capitoli che, sebbene si seguono, non portano verso una fine ma tendono verso un’ Origine. Una vita che si inceppa e che sente, nell’impasse obbligata, il bisogno di indagare suo malgrado quel Cominciamento per tutti noi misterioso, attraverso il rapporto con un Analista e soprattutto attraverso una particolare modalità di gestione della Figlia. In fondo la genie è l’unica prova spicciola e familiarissima che ognuno di noi ha della possibilità di essere assoluti demiurghi di un Inizio. E da lì, da quell’atto massimo di vitalità, che invecchia di fronte a noi, ritrovare il nostro, di Inizio. Indago la coscienza di una Madre, quello che lei ne sa, malgrado e aldilà di lei; esploro gli stati d’animo mortificati di una Figlia adultizzata, la sua assenza di modelli, la sua tenacia; tratteggio l’indifferenza, la rabbia e l’impotenza di tutti gli altri, quelli che si ritrovano a gestire una persona depressa, senza sapere come. Intanto, diversamente, ma certo si vive” (Lucia Calamaro)

TRANSARTE
KINKALERI
GUN NO FAKE FOR YOU | ALL!
25 / 26 settembre h 22.30 | Spazio K
Biglietto 10 euro (ridotto 7 euro)
Nessun problema può essere risolto. Quando una situazione diventa un problema non ha alcuna soluzione.
I problemi sono per definizione senza soluzione. Nessun Problema può essere risolto, e tutte le soluzioni conducono ad altri problemi.
W.S.B.
All! Il progetto di Kinkaleri per l’anno 2012/2013 riflette sulla figura di William Seward Burroughs senza essere uno spettacolo su W.S.B. ma uno spettacolo sulla coscienza del linguaggio, sul suo potere e sulla possibilità di rivolta che potrebbe animare un corpo dell’oggi immerso nell’ordine e nel controllo, un lavoro sullo spirito della libertà. Si tratta di seguire l’attitudine a rompere degli schemi di relazione, di comunicazione, di servitù alla scena come a qualunque linguaggio corrente. Si tratta di lotta, di strategia, di mancare quando si rischia, di fuggire perché necessario. Si tratta di dar voce all’esigenza di disorganizzare i corpi in movimento in un luogo che li contempli ma anche no, che al contrario li sciolga e disperda. In fondo è uno spettacolo su ciò che insegnava W.S.B. “essere liberi anche sotto tortura.”
“Lo spettacolo è terminato. Il pubblico si alza dalle poltrone…E’ ora di prendere i soprabiti e tornare a casa. Ma…fanno dietro front. Non ci sono più soprabiti, non c’è più casa.”

ACCADEMIA DEGLI ARTEFATTI
TAKING CARE OF BABY
26 settembre h 21.00 | Teatro Metastasio
Biglietto 15 euro (ridotto 10 euro)
Una donna viene accusata di aver assassinato i suoi due bambini. Una Medea contemporanea, insomma. Una voce, la cui origine è sempre incerta (dentro o fuori dalla storia, o dallo spettacolo), pone domande ai protagonisti della vicenda, li richiama ad assumere una posizione, nel tentativo di ricostruire la storia di cui se ne conoscono solo i tragici esiti, nell’intenzione di rimettere insieme i pezzi di un mosaico la cui ricomposizione non è mai definitivamente certa. Ognuno sente di avere una colpa da cui tenta di difendersi: nessuno è innocente quando una madre arriva a compiere un gesto così tragico. La responsabilità anche se non diretta, è sempre diffusa: è una responsabilità sociale, psicologica, relazionale. C’è anche la colpa di chi non ha fatto nulla per evitare la tragedia. La colpa è antica, storica in qualche modo. Anche il filtro mediatico rende partecipi di quel dolore, e insieme, in un modo più o meno consapevole, collusi con quel gesto. Lo spettatore, televisivo o teatrale che sia, può e deve scegliere a cosa credere. La sua diventa così una posizione naturalmente critica rispetto alla storia e alla sua rappresentazione. La questione qui non è solo ideologica o estetica. La domanda è necessaria e inaggirabile – a cosa credere?

TRANSARTE
PHILIPPE QUESNE (F)
L’EFFET DE SERGE
27 settembre h 21.00 | Teatro Fabbricone
durata 1h 15’
Biglietto 15 euro (ridotto 10 euro)
Ogni domenica un personaggio di nome Serge rappresenta per i suoi amici performances con piccoli effetti speciali della durata di uno, tre minuti nel suo appartamento… Con questo spettacolo, Philippe Quesne prosegue il suo progetto di scrittura scenica, utilizzando arti plastiche, musiche e sperimentazioni.

YAN DUYVENDAK (NL)
“MY NAME IS NEO”/”SELF-SERVICE”
27 settembre h 22.30+
28 settembre h 20.00 | Teatro Magnolfi
durata 1h 15’
Biglietto 10 euro (ridotto 7 euro)
vietato ai minori di 14 anni
“Si può essere l’eletto per quindici minuti? Il tempo di un film dove ciascuno, proiettandosi in un supereroe o in un altro, ha l’illusione di essere ciò che non saremo mai; ci fa attraversare universi segreti e sconosciuti; ci rivela a noi stessi in sane catarsi. Cosa resta una volta che la tela ridiventa bianca? Quando la luce del proiettore si è spenta? Una volta che Batman, James Bond, o Neo, l’Eletto sono scomparsi?
“My name is Neo (for fifteen minutes) ha come progetto quello di confrontare un film dove azione e fantascienza si mescolano in un turbinio di effetti speciali con la fisicità grezza di un essere umano. (Nicole Borgeat)

TRANSARTE
JONATHAN CAPDEVIELLE (F)
ADISHATZ / ADIEU
28 settembre h 21.00 | Teatro Fabbricone
durata 60′
Biglietto 15 euro (ridotto 10 euro)
Adishatz innalza un fragile autoritratto, uno tra i più particolari. Costruito sulla base della tecnica dell’imitazione, spesso utilizzata per divertire, Jonathan Capdevielle la devia diversamente con una forza più turbata. Come una cassetta vergine, sembra che abbia registrato il mondo che lo circonda e che lo costituisce.
Utilizzando il registro dell’autofiction, questa performance si avvicina al documentario e alla confessione e restituisce l’itinerario di un ragazzo tra la vita reale e quella fantasticata. Le canzoni, probabilmente superficiali e delle più comuni, possono esprimere degli interrogativi molto più profondi e personali. Questo montaggio tra canzoni e conversazioni rievoca, come dei taccuini intimi, le radici, la tradizione, la famiglia, e anche questa mescolanza curiosa che viene fuori dalla relazione tra le culture locali ed internazionali.

KAORI ITO (JP) – GUILLAUME PERRET (FR)
SOLOS
28 Settembre h 22.30 | Museo del Tessuto
Biglietto 10 euro (ridotto 7 euro) – prenotazione obbligatoria
Spettacolo di danza con musica dal vivo
Danza e musica dal vivo. Trasformazione di una donna in un’altra donna. Dal serio al divertente al violento. Da un paesaggio sonoro all’altro seguendo queste metamorfosi.

______________________________________________________

PRENOTAZIONI e BIGLIETTERIA
dal 10 settembre (chiusura domenica 10 e 18 settembre)
Teatro Metastasio, via B. Cairoli 59, Prato
tel +39 0574 608533 – h 9.30-12.30 e 16-19
reception@contemporaneafestival.it

BIGLIETTERIA ON LINE
http://ticka.metastasio.it

RIDUZIONI
Soci COOP, under 25, over 65, Controradio, ROMAEUROPA CARD, abbonati 12-13 Metastasio e Fabbricone.
Accademia BBAA, ACLI, ACSI, ARCI, Amici dei Musei, ANMIL Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Lavoro di Prato, Arca (dipendenti Enel), Asso Cral Italia, Firenze,Associazione Linguaggi, Associazione Orsa Minore, Associazione Stampa Toscana,Banca di Credito Cooperativo di Vignole, Carta Più – La Feltrinelli, Centro di Solidarietà Pratese, Confcommercio Prato, Coop Soci, EDUMUSEICARD Regione Toscana, FNAC, GUS Toscana, ISIC International Student Identity Card Association, Istituto Bija Yoga, Istituto Francese, Firenze, Italia Nostra Sezione di Prato, MCL, Monash University Prato Centro, Museo Pecci Prato/Aparte, Organizzazioni Sindacali (CGIL-CISL-UIL), Proteo Fare Sapere, Prato, RadioSpin, Rete Toscana Classica, Scuola di Musica Sesto F.no, Scuola di Musica G. Verdi, Prato, Tci Touring Club Italiano, Toscana Oggi, Università del Tempo Libero, Cral: Asm, Consiag, Publiacqua, Ferragamo, Bnl, Banca Popolare di Vicenza – Prato, Comune Prato, INPS, M.P.S. Prato e Firenze, Posta Toscana Prato, Firenze e Pistoia, UniCredit Banca di Roma, San Paolo Banca Intesa

http://www.contemporaneafestival.it/
http://www.facebook.com/contemporaneafestival.prato

  

LEAVE A REPLY