Il Grande Teatro dei Piccoli (VI edizione)

0
246
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Dal 27 ottobre al 29 dicembre si rinnova al MoMoTI a Monserrato l’appuntamento con Il Grande Teatro dei Piccoli. La storica stagione di teatro per bambini e famiglie, ideata nel 2001 dalla Compagnia Is Mascareddas, torna per la sesta volta nel teatro (in via 31 marzo 1943 n. 20) gestito dal 2008 dal gruppo diretto da Tonino Murru e Donatella Pau.

La formula è quella consolidata degli anni precedenti: un ricco calendario di spettacoli che porta in Sardegna alcune delle migliori espressioni nazionali e internazionali del teatro di animazione. Alcune significative novità intervengono per caratterizzare questa nuova stagione teatrale, a partire da quelle riguardanti la sala, totalmente rinnovata grazie al contributo della Fondazione CON IL SUD (nell’ambito del Progetto MOMOTI: un teatro, un burattino e la città).

Calcano il palcoscenicodel nuovo MoMoTI – ora completamente insonorizzato, senza barriere architettoniche e con una dotazione di 135 poltrone (35 posti in più rispetto alla capacità originaria) – cinque compagnie in scena con sei spettacoli, alcuni dei quali in prima visione per il pubblico isolano. Tra questi, al debutto assoluto, l’ultima fatica di Is Mascareddas: “Filò – storie di figlie e di fili”, uno spettacolo di narrazione con pupazzi ed oggetti portato in scena da Donatella Pau. Arrivano in Sardegna per la prima volta il Grupo GATS, proveniente da Jaraguá do Sul, nel Nord Brasile, e la Compagnia Bambabambinda Belluno. Completano la rassegna i romagnoli Così Tanti Progetti e gli abruzzesi Tiriteri Teatro dell’Invenzione.

Il cartellone si articola lungo cinque fine settimana nelle consuete recite del sabato e della domenica (alle 18), affiancate dai matinée per le scuole (il lunedì alle 10.30) e si conclude con tre repliche serali (sempre alle 18) in programma tra Natale e Capodanno. Invariati i costi dei biglietti di ingresso (5 euro per le serali e 4 euro per le scolastiche) e degli abbonamenti (25 euro per i sei spettacoli delle serali e 16 euro per le cinque repliche scolastiche).

· IL PROGRAMMA

Si comincia, dunque, sabato 26 e domenica 27 ottobre (e lunedì 28 per le scuole) con i grandi pupazzi animati a vista de “Il lupo e i sette capretti”, di Così Tanti Progetti. La piéce, scritta e interpretata da Danilo Conti e Antonella Piroli, fa parte di un percorso di ricerca sulla figura del lupo, avviato dalla compagnia di Ravenna con “I tre porcellini” e “Cappuccetto Rosso” .

Sabato 10 e domenica 11 novembre (e lunedì 12 per le scuole) è la volta della Compagnia Bambabambin con le teste di legno di “Festa di compleanno”. L’animatore Paolo Rech, affiancato dal contrappunto musicale del contrabbassista Nelso Salton, fa rivivere sul palco del MoMoTI il tenero coniglio Ginetto, personaggio nato dalla fantasia del maestro burattinaio e drammaturgo trevigiano Gigio Brunello, che firma la regia dello spettacolo.

Sabato 17 e domenica 18 novembre (e lunedì 19 per le scuole) si materializzano sulla scena del Grande Teatro dei Piccoli gli innovativi pupazzi su nero realizzati con le mani e dei sacchetti plastica dalla formazione brasiliana Grupo GATS. Sono i personaggi di “O Patinho Feio”, spettacolo senza parole e con accompagnamento musicale basato su una delle favole più celebri di Hans Christian Andersen: il brutto anatroccolo.

Dicembre si apre nel segno di Is Mascareddas, con la prima assoluta, sabato 8 e domenica 9 (e lunedì 10 per le scuole), di “Filò – storie di figlie e di fili”, tre fiabe dei fratelli Grimm rielaborate da Betti Pau e narrate da Donatella Pau con l’animazione di piccoli pupazzi ed oggetti da lei costruiti. Le protagoniste dei racconti sono delle giovani che in qualche modo si affacciano alla vita. A scandire il loro tempo – un tempo di filatura, di incantesimi, di maledizioni e lieti fine – sono il canto di un gallo, il sole, una campana. Lo spettacolo rende omaggio alla bellezza delle favole popolari di tradizione germanica nel duecentesimo anniversario della loro pubblicazione da parte dei due grandi linguisti tedeschi.

Sabato 15 e domenica 16 Dicembre (e lunedì 17 per le scuole) ritornano al Grande Teatro dei Piccoli i Tiriteri Teatro dell’Invenzione. La compagnia di Chieti presenta “La luna e il topolino”, spettacolo di teatro d’attore e marionette liberamente ispirato alla raccolta di racconti “Io mi mangio la luna”, dell’autore e illustratore polacco Michael Grejniec. Il testo si snoda sul filo della musica, dando vita ad un gioco di costruzioni fatto di parole e immagini: un colorato zoo di cartapesta riempie via via la scena.

Il Grande Teatro dei Piccoli dà l’arrivederci al nuovo anno con “Doni”, della Compagnia Is Mascareddas, in programma da giovedì 27 a sabato 29 dicembre. La piéce di pupazzi e oggetti animati a vista, costruiti e animati da Donatella Pau, sviluppa i molteplici significati della parola “dono”, attraverso cinque micro racconti scritti a quattro mani dall’interprete e da Betti Pau.

La sesta edizione del Grande Teatro dei Piccoli · Monserrato è organizzata con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, del Comune di Monserrato, della Provincia di Cagliari, Assessorato alla Cultura e identità, Spettacolo e Sport e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per lo Spettacolo Dal Vivo.

Compagnia Is Mascareddas

www.ismascareddas.it

ismascareddas@tiscali.it

Tel. 070 58 39742

Ufficio Stampa

Maria Carrozza

cell. 346 304 76 20

mari.carrozza@gmail.com

LEAVE A REPLY