Il giardino dei ciliegi di Anton Cechov

0
241
Condividi TeatriOnline sui Social Network

con Giulia Bacchetta, Carola Boschetti, Monica Barbato,

Luca Chieregato, Claudio Orlandini, Marzio Paioni

scene e costumi Anna Colombo

luci Fausto Bonvini

trucco Beatrice Cammarata

musiche Gipo Gurrado

produzione Comteatro

regia di Claudio Orlandini

Il giardino dei ciliegi è la storia di una famiglia nobile, di fine secolo, che avanza verso la rovina senza rendersene conto; possiede un giardino tutto bianco che sta accanto alla casa, e aspetta di essere abbattuto. Tutti dicono di amarlo, ma nessuno fa niente per salvarlo.

Così, un ricco mercante riscatta la propria infanzia di schiavo acquistandone la proprietà.

La pièce – scritta dal drammaturgo russo Anton Cechov fra il 1902 e il 1903 – fu allora presentata al pubblico come una commedia; invece oggi per la nostra esperienza di lettori e spettatori quest’opera risuona come una metafora struggente della condizione umana. La vicenda narrata simboleggia il declino di una borghesia che cede il passo al fermento della rivoluzione; mentre, silenziosa, scava in profondità la tragedia intima di un’umanità fragile e incapace di comprendere il proprio vivere.

Piuttosto preferisce dimenticare, distrarsi, porgere lo sguardo altrove.

Lo spazio vuoto si anima mano a mano; entrano i servi muti, preparano l’arrivo dei padroni, aprono il luogo dei bambini: la camera che racconta la difficoltà di allontanarsi dal “bel tempo passato”.

La scelta è di una partitura di movimento, dove gli attori sono contemporaneamente prima servi silenti – spettatori privilegiati di un mondo che si sgretola lentamente – per poi divenire personaggi che raccontano la loro umanità leggera e decadente; figure sospese tra il passato e il presente.

Dall’alto cadono veli bianchi, alberi morti che raccontano in una atmosfera poetica, la scena minima, un’epoca che si perde, la leggerezza dell’essere e la lievità recitativa.

Comteatro sceglie di affrontare questo capolavoro del teatro moderno, a più di cento anni dalla morte dell’autore, nel tentativo di renderlo possibile ancora oggi. Lo spettatore viene immerso all’interno della casa, del giardino, a pochi passi da coloro che raccontano la tragedia. Presto lo spettacolo abbandona il piano della realtà per diventare baluardo dell’infanzia perduta, angolo dei giochi, luogo della memoria e della sospensione. I personaggi attraversano la scena con la leggerezza che li contraddistingue e che svela lentamente le inquietudini che ognuno di loro nasconde sotto la pelle.

Partner ufficiale del progetto sarà Hero Italia, leader nel mercato delle confetture, dei succhi di frutta e dei cereali: Hero offrirà agli spettatori un goloso omaggio all’ingresso del teatro: una miniporzione in vetro di confettura alle ciliegie rosse per le signore e un minivetro alle ciliegie nere per gli uomini.

 

Informazioni e prenotazioni: Teatro Leonardo da Vinci – Via Ampère 1, angolo piazza Leonardo da Vinci, Milano

02 26.68.11.66 dal lun al sab dalle 15.30 alle 19.30 – biglietteria@teatroleonardo.itwww.teatroleonardo.it

Date e orari: dal martedì al sabato ore 20.45, la domenica ore 16.00, lunedì riposo

Prezzi: dagli 11,00 ai 22,00 euro


COMUNICAZIONE – QUELLI DI GROCK – TEATRO LEONARDO DA VINCI

Via Emanuele Muzio, 3 – 20124 Milano

Tel. 02 66.98.89.93 – 334 82.37.817 – fax 02 66.90.173

comunicazione@quellidigrock.itwww.teatroleonardo.it

LEAVE A REPLY