Offerta Musicale Ensemble in concerto

0
234
Condividi TeatriOnline sui Social Network

La seconda proposta concertistica della stagione del Teatro Machiavelli, con la direzione artistica di Lamberto Puggelli, presidente dell’associazione Ingresso Libero, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Ateneo Catanese e Isola Quassùd, andrà in scena il sabato 8 dicembre.

Il gruppo cameristico Offerta musicale Ensemble ci presenterà un concerto di musica classica e romantica; con Carmelo Dell’Acqua, clarinetto; Massimo Cantone, viola; Graziella ConcasRiccardo Insolia, pianoforte ed Andrea Alfio Maccarrone, voce recitante.

La scelta del repertorio da eseguirsi è oculata e esauriente.

Di Wolfgang Amadeus MozartSei variazioni sul Lied francese “Au bord d’une fontane”, (“Hélas, j’ai perdu mon amant”) K 360 nella versione per clarinetto e pianoforte. Repertorio sicuramente classico ma in una versione inusuale, poco eseguita per la scelta degli strumenti inconsueti al pezzo.

Quindi accompagneranno il pubblico alla scoperta delle primissime pagine di musica da camera scritte per il clarinetto. Mozart si rivela rivoluzionario, con una sperimentazione riuscitissima, nessuno prima di lui aveva scritto per “clarinetto da camera”, e dopo di lui pochi oseranno cimentarsi in quest’impresa, e ancora meno ci riusciranno con risultati paragonabili. Tra una partita a birilli e l’altra, da cui il titolo del trio “Kegelstatt”, ovvero “i birilli”, compose il Kegelstatt Trio K 498 (Trio dei birilli). E’ sicuramente una composizione dal carattere raccolto ed intimista, anche se il titolo farebbe supporre un brano frivolo e giocoso.

Il Trio Kegelstatt, strutturato in tre movimenti, si apre con un Andante iniziale che avvince l’ascoltatore proprio per il senso di calma e serenità che trasmette. Nel Minuetto successivo, tale caratteristiche acquistano un tono solenne prima di stemperarsi nella dolcissima atmosfera del Rondeau finale. La caratteristica saliente di questa composizione è la perfetta fusione fra i tre strumenti, impegnati ora ad esporre un dialogo di fluenti melodie, ora a sostenersi ritmicamente a vicenda.

Seguirà Robert Schumann, compositore romantico,da Fantasiestücke op. 12 per pianoforte eseguiranno: Des Abends (A sera) – Warum? (Perchè) – Aufschwung (Slancio); quindi i brani de Fantasiestücke op. 73, I Zart und mit Ausdruck – II Lebhaft, leicht – III Rasch und mit Feuer, per clarinetto e pianoforte e quindi secondo gli intenti originali del compositore. Questo titolo (Fantasiestücke), usato in diverse opere da Shumann e a cui era legato, promuove la nozione fondamentale romantica che l’espressione creativa è il prodotto della fantasia illimitata di un artista. I cambiamenti d’umore dell’artista, le sue emozioni si riflettono nella sua musica e sono resi evidenti in questi tre brani: il primo pezzo inizia con note di sognante malinconia, ma conclude con una risoluzione di speranza, il secondo pezzo è giocoso, allegro, energico e positivo e il pezzo finale è frenetico e passionale, confinante con l’irrazionale.

Conclude il concerto Max Bruch, un esponente del tardoromanticismo musicale tedesco all’interno del quale manifestò tendenze conservatrici; da Acht Stücke op. 83, la scelta dell’Offerta Musicale Ensemble ricade su Nachtgesang e Rumänische Melodie.

Il concerto segue una evidente logica temporale, cronologica: da composizioni prettamente classiche (metà del ‘700) si sposta a brani tardoromantici (primi ‘900).

La voce recitante di Maccarrone è strettamente legata al repertorio musicale eseguito e fusa con esso. L’attore introduce all’ascolto e con la lettura di brani dei diari di Mozart e Shumann sconfina nella musica stessa. Parole e musica, è l’elemento distintivo di tutte le rappresentazioni dell’Offerta Musicale Ensemble in cui il confine tra musica e teatro è esplicitamente labile.

Coordinatore artistico del gruppo, fin dalla sua fondazione, è Riccardo Insolia.

Gabriella Foti

LEAVE A REPLY