Prima vedere cammello

0
235
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoDrammaturgia e regia di Peppe Lanzetta

con Peppe Lanzetta, Jennà Romano, Antonella Raimondi

 

Uno spettacolo, crudo, nudo, ironico e spietato nello stesso tempo, questo è Prima vedere cammello. Dettato dalla condizione sociale del momento storico in cui viviamo. Anime che si confondono, si confrontano, si fondono nel teatro, nella letteratura e nella musicalità di una città come Napoli tutta immersa nel percorso artistico di Lanzetta.

La forza prorompente di un attore, scrittore e in questa occasione anche fine dicitore in musica, fusa alla ricerca musicale di Jennà Romano leader dei Letti Sfatti che sul palco in una dimensione da ” one man band ” riesce ad avvolgere, scolpire e colorare il più istrionico Lanzetta degli ultimi anni. Monologhi esilaranti come ” ..è pulp..” , ” Lo sputo “, amplificano la dimensione più surreale ironica e spietata di Lanzetta.

Con “‘A Lampedusa ‘o mare è ‘nfuso” invece – brano ha segnato l’inizio della collaborazione con Jennà Romano – si raggiunge l’apice di questa nuova dimensione di teatro canzone dell’attore napoletano. Momenti estratti da Infernapoli, il nuovo romanzo di Lanzetta (Premio Frignano 2011 ed. Garzanti) e da Ridateci i sogni, saranno invece interpretati, gridati e sussurrati da Antonella Raimondi. Infine una intensissima Alla mia nazione di Pasolini verrà recitata, sputata, cantata da Lanzetta, momenti unici fatti di rabbia, disincanto e di quella autoironia che esiste e persiste in quei posti che Lanzetta definiva Bronx napoletano.

Estratti video

http://youtu.be/q-O2tGmYvY0

http://www.youtube.com/watch?v=Rc-99w0m7vQ

leggi anche

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/03/09/il-ritorno-di-peppe-lanzetta-in.html

Informazioni

Peppe Lanzetta è nato a Napoli nel 1956. Alla fine degli anni ’70 esordisce nel cabaret all’Osteria del Gallo di Napoli con altri artisti partenopei. Attento alle problematiche giovanili, nel 1983 il suo spettacolo Napoletano pentito prosegue sul filone sociale e più precisamente sul tema dell’emarginazione; seguono Bombatomica e Roipnol (entrambi nel 1984). Il confronto tra Secondigliano e New York sarà lo spunto per Lenny, omaggio a Lenny Bruce in versione poetica (1988). Prima di apparire in tv, dedica alla fine di una storia d’amore sospesa tra un sì e un no Caro Achille ti scrivo , che debutta nel 1990. Ha collaborato come autore di testi con vari musicisti tra cui, Edoardo Bennato, Tullio de Piscopo, James Senese, Enzo Avitabile, Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Franco Ricciardi, Massimo Severino e Franco Battiato. Dopo il debutto teatrale con Napoletano pentito, cui segue Roipnol (1984), Lanzetta prosegue con Il vangelo secondo Lanzetta (1986), Lenny (1988), Caro Achille ti scrivo (1990), Il gallo cantò (1993), ll peggio di Lanzetta (1993), Tropico di Napoli (1998), Ridateci i sogni (2001). Attore, autore di soggetti cinematografici e regista di un cortometraggio, ha lavorato con registi come Piscicelli, Tornatore, Cavani, De Crescenzo, Loy, Martone, Asia Argento, Scimeca. Ha pubblicato: con Baldini & Castoldi, Incendiami la vita (1996) e Un amore a termine (1998); con Paravia, In gita a Napoli (1997). Lanzetta, ha collaborato, come ospite con la trasmissione televisiva “Samarcanda” di Michele Santoro (dal 1988 al 1989) e con il “Maurizio Costanzo Show” dell’anno 1989 al 1990. La sua ultima produzione teatrale, di cui è anche autore, è “L’OPERA DI PERIFERIA” (2006) , in cartellone al Teatro Parioli di Roma. Peppe Lanzetta vincitore del Premio Letterario “Frignano” 2011 con il romanzo “InferNapoli”; vincitore del Premio “Domenico Rea” 2006 con Giugno Picasso e nel 2004 il premio “Olimpici del Teatro” di Vicenza come migliore autore di novità teatrale per Malaluna.

 

DATE: Sabato 15 dicembre ore 21,00 – Domenica 16 dicembre ore 18,00

STUDIO APOLLONIA

via San Benedetto, Salerno

 

 

Ufficio Stampa – Compagnia L.A.A.V. Officina Teatrale

Roberta Bignardi

+39.3288238662

Giorgia Sabatini

+39.3471898080

ufficiostampa.laav@alice.it; www.laavteatro.it

Web communication Maria Cuono

info@mariacuonocommunication.it

 

LEAVE A REPLY