venerdì, Febbraio 23, 2024

Area Riservata

HomeProsaCi posso offrire qualche cosa?

Ci posso offrire qualche cosa?

fotoAtto unico in memoria di Paolo Borsellino

 

Prosegue la rassegna di drammaturgia contemporanea Storie da me – Autori in scena, organizzata dall’Associazione Culturale Malalingua di Molfetta (BA).
Venerdì 1 marzo, alle ore 21.00, sul palco del Cineteatro Odeon di Molfetta (Via Baccarini 104) andrà in scena lo spettacolo Ci posso offrire qualche cosa?, scritto e diretto da Emanuela Giordano e interpretato da Claudia Gusmano e Laura Rovetti.

Ci posso offrire qualche cosa? racconta l’incontro tra due ragazze quasi coetanee, Lina e Pia. Lina è vissuta barricata in casa, isolata dal mondo, eppure sa cose che pochi sanno (e che nessuno vorrebbe sapere). Pia ha avuto una vita quasi normale, sostenuta da alcune certezze: il lavoro di maestra conquistato a fatica, l’amore per i due figli piccoli che cresce senza un marito.
Nel loro incontro, Lina racconta tutto quello che sa a un’incredula e spaventatissima Pia. Sono realtà scomode, estreme, che potrebbero essere partorite dalla mente di una mitomane. Ma se così non fosse? Se fosse tutto vero?

Ci posso offrire qualche cosa? è una commedia dedicata a Paolo Borsellino e agli eroi uccisi dalla mafia e dal crimine organizzato, realizzata grazie al contributo di testi e documenti sulla storia dell’Italia degli ultimi trent’anni.

Emanuela Giordano ha sviluppato, nella sua formazione umanistica e artistica, un doppio percorso professionale, indirizzato alla scrittura scenica e alla regia. Il suo primo cortometraggio, Appunti di questi giorni 1943 1944, ha ottenuto il Premio Sacher diretto da Nanni Moretti e il premio del Cinema della Resistenza diretto dai Fratelli Taviani; è stato inoltre invitato al Festival NYCE a New York, a San Francisco, a Locarno e al Festival di Torino.  Il suo spettacolo Ascoltami bene, divenuto con la sua regia anche un film per la televisione, è stato anch’esso più volte premiato. Il mediometraggio Le ragazze del Ponte è stato presentato e premiato nell’ambito di ‘900 Donna, progetto del Ministero dei Beni Culturali. Tra gli altri lavori che ha realizzato: Alice delle meraviglie, documentario per la Regione Lazio; Il Ventaglio, Prod. Rai Cinema  per la Biennale di Venezia; Teatro e Carcere, tre documentari per tre anni di lavoro nella carceri italiane sulla scrittura di scena; La lezione, documentario sulla solitudine dell’adolescenza e le dinamiche di gruppo.
Attualmente è in fase di montaggio il  film documentario A bocca piena, sul tema dell’alimentazione nella società occidentale, l’allevamento intensivo e la scelta vegetariana.
I suoi due ultimi lavori teatrali, Dieci storie proprio così e Italiane sono stati filmati e messi in onda da Rai Storia.

 
Contatti:
L’ Associazione Culturale Malalingua ha sede a Molfetta, in Vico I Catecombe 16.
Informazioni e prenotazioni al numero 347.4663244 o all’indirizzo associazione.malalingua@gmail.com

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular