Passando per i gironi Danteschi

0
262
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIdeazione e Regia: Ulla Alasjärvi e Beppe Bergamasco

CSD – COMPAGNIA SPERIMENTALE DRAMMATICA – SPETTACOLI AL BUIO

Questa produzione ideata da Ulla Alasjärvi, che tanto successo ha ottenuto al Meeting del WPIC-I.T.I. -Unesco a Stoccolma, riapre il lavoro pluriennale sull’Inferno di Dante.

Ulla Alasjärvi, insieme a Beppe Bergamasco, torna a contemplare la complessità dei gironi danteschi in un’ottica sia storica che contemporanea e più che di uno spettacolo, qui si parla di un vero e proprio studio decennale sull’Inferno di Dante.

Uno studio che però non vuole essere uno scervellamento intellettuale, ma una trasposizione scenica delle visioni dantesche.

L’Europa ha bisogno, all’alba del terzo millennio, di segni forti per poter lottare contro la minaccia infernale che oscura gli ultimi anni del secolo in corso: violenza, guerra,

corruzione, odio, disagio sociale… Le società contemporanee europee possiedono un patrimonio culturale di valore inestimabile. Perchè allora non assurgere questo patrimonio ai fini di una costruttiva potenzialità della vita? L’Inferno può anche essere letto come un momento di riflessione su sistemi e valori che accomunano i popoli d’Europa.

L’individuo deve essere in grado di trasformare ciò che esiste dentro l’immaginazione in un segno riconoscibile, per poter dare un senso alla sua esistenza e Dante, confermando il suo ruolo di “uomo europeo”, lo fa attraverso passione, consapevolezza e necessità.

 

Certo, la ricerca su Dante non finirà mai…..

 

“Il nostro non è un lavoro analitico sulle parole e sulle visioni dantesche.

Ci siamo mossi per riprodurre ciò che dell’ Inferno dantesco possiamo tradurre in segni

artistici con i mezzi teatrali a nostra disposizione.

Proponiamo al pubblico un percorso da vivere, senza obbligo e senza dovere, in un paesaggio con i suoi momenti di luce, di ombra e di mistero”.

 

I paesaggi infernali si differenziano, si evolvono, si moltiplicano, variano … …

Ulla Alasjärvi interviene proponendo un’interpretazione che invita lo spettatore a vivere e a condividere istanti che sfuggono e altri che restano creando un infinito temporale.

 

Prezzo unico 5 euro

 

Info: Teatro Espace, Via Mantova 38, Torino tel. 011-2386067 – info@salaespace.itwww.salaespace.it

 

LEAVE A REPLY