PaGAGnini in concerto

0
244
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoOcchio alla seconda G del titolo, quella che trasforma questo spettacolo che torna a Roma alla Filarmonica Romana, dopo lo straordinario successo degli ultimi due anni, come anteprima di stagione dal 22 al 27 ottobre al Teatro Olimpico. In scena un quartetto d’archi: sono i tre violinisti Ara Malikian, Thomas Potiron, Fernando Clemente e il violoncellista Gartxot Ortiz. Arrivano vestiti in frac, sembra l’inizio di un normale concerto di musica da camera. Cominciano a suonare, da grandi professionisti quali sono. Ma qualcosa s’intoppa… e così prende il via una parodia esilarante dei riti, dei tic, degli stereotipi, delle gerarchie (c’è sempre qualcuno che pretende di essere il Capo) della musica “classica”. Fino a quando uno di loro si innamora di una ragazza del pubblico, chiamata sul palco a interpretare un pezzo di musica contemporanea. E diventa impossibile riportare l’ordine in sala…

PaGAGnini unisce in un unico show la musica classica, il virtuosismo artistico del violinista libanese di origini armene Ara Malikian e lo humour farsesco di Yllana, un collettivo artistico, nato in Spagna e sulla scena internazionale da ormai ben 18 anni. “È da tempo che stavo lavorando per unire in un unico “show” musica classica, virtuosismo artistico e humor farsesco – spiega Ara Malikian – . Mica facile. Pericolosissimo. PaGAGnini é il risultato di un lavoro più ampio, di una mia aspirazione, quella di avvicinare la musica classica a tutti quelli che vogliono ascoltare in modo nuovo. Libero. Combinando suoni e recitazione in maniera ingegnosa, momenti classici e conosciutissimi mischiati a motivi familiari, anche del cinema, che scatenano, in chi li esegue, reazioni e contro-reazioni. Gag, appunto. E in chi ascolta e vede, molta allegria”.

 

Il risultato è un divertente e sorprendente “dis-concerto” che passa in rassegna alcuni dei momenti più alti nella storia della musica classica combinati in maniera ingegnosa a motivi popolari. È da questa combinazione di stili che si crea un altrettanto medley di emozioni, un concerto in cui la serietà e solennità della musica si sposano meravigliosamente con momenti di sottile umorismo. Questa eccentrica prospettiva del mondo dei concerti, unita all’elegante e virtuosa interpretazione di quattro eccezionali musicisti, ha la capacità, provata, di affascinare anche gli spettatori più eruditi, nonché di esaltare ed ispirare un pubblico di tutte le età e di qualsiasi provenienza geografica. Il genio personale di Paganini è stato un riferimento di particolare importanza durante la creazione di tutto lo spettacolo, non solo nel titolo. Le complesse composizioni del violinista, il carattere spericolato e le sue interpretazioni sorprendentemente talentuose, riflettono lo spirito di PaGAGnini.

Allo stesso modo, un continuo di momenti memorabili ci conduce ad una nuova visione di quella che viene chiamata “musica classica contemporanea” dei giorni nostri come gli U2 o il francese Serge Gainsbourg, o ancora il compositore giapponese Shigeru Umebayashi con il suo Yumeji’s Theme, il tema musicale che accompagna il film In the mood for love di Wong Kar-Wai. E non mancherà la musica di Pablo de Sarasate, Manuel de Falla, Luigi Boccherini, Johann Pachelbel, e ancora Mozart, Vivaldi e ovviamente… Paganini.

 

Ara Malikian è uno dei più brillanti ed espressivi violinisti della sua generazione. Grazie al suo stile personale, forgiato attraverso le sue origini e la sua ricca esperienza musicale, la sua “voce” è emersa come un’originale ed innovativa presenza nel panorama musicale mondiale. Nato in Libano nel 1968 da famiglia armena, Ara Malikian ha iniziato a studiare violino molto presto assieme al padre. Il suo talento venne riconosciuto e coltivato nonostante le difficoltà a cui andò incontro a causa della guerra, circostanza che lo costrinse a studiare per lunghi periodi in rifugi contro i raid aerei. Diede il suo primo concerto all’età di 12 anni e a 14 anni ottenne una borsa di studio dal Ministero della Cultura tedesco per studiare presso l’Hochschule fϋr Musik und Theater di Hannover. All’età di 15 anni, fu l’allievo più giovane ad essere ammesso in questo prestigioso centro. In seguito proseguì la sua formazione presso il Guildhall School of Music & Drama di Londra e studiò con docenti riconosciuti come Franco Gulli, Ruggiero Ricci, Ivry Gitlis, Herman Krebbers nonché con i componenti dell’Alban Berg Quartet. La sua continua ricerca musicale ed umana lo ha condotto ad approfondire la relazione con le sue radici armene e ad assimilare musiche provenienti da altre culture, come quella mediorientale (araba e ebrea), quella dell’Europa centrale (gitana e klezmer), quella argentina (tango) e quella spagnola (flamenco). Tutto questo anche grazie al linguaggio personale di Ara Malikian in cui la forza ritmica ed emozionale di questi diversi stili musicali va mano nella mano con il virtuosismo e l’espressività della grande tradizione classica europea. Il suo vasto repertorio include gran parte delle maggiori composizioni per violino (concerti per orchestra, sonate e brani per pianoforte e per musica da camera), e ha inoltre debuttato con creazioni di compositori moderni, come Franco Donatoni, Luciano Chailly, Yervand Yernakian, etc. Malikian è inoltre uno dei pochi violinisti che da solista esegue opere complete come i 24 Capricci di Paganini, le 6 Sonate di Eugene Ysaÿe e le Sonate e Partite di Bach. Numerosi i premi e riconoscimenti internazionali durante la sua carriera, come nel 1993 il “Prize for Artistic Devotion and Achievement” dal Ministero della Cultura Tedesco. Malikian si è esibito nelle più importanti Sale da concerto in oltre 40 Paesi, toccando tantissime città in tutto il mondo, tra le quali: New York (Carnegie Hall), Parigi (Salle Pleyel), Vienna (Musikverein), Toronto (Ford Centre), Madrid (Auditorio Nacional e Teatro Real), Venezia, Los Angeles, Taipei, Hong Kong, Kuala Lumpur, Cuba, Barcellona, Bilbao e molte altre ancora. Ha inoltre partecipato ai Festival di: Aspen, Colamar, Prades, Schleswig-Holstein, Braunschweig, San Sebastian, Segovia, Bergen, Freden, Metlach e Praga. Ha collaborato con importanti artisti, tra i quali: Joaquín Cortés e Belén Maya, i compositori di colonne sonore cinematografiche Pascal Gainge e Alberto Iglesias con cui ha inciso la colonna sonora del film di Pedro Almodóvar Parla con Lei, vincitore di un Academy Award.

 

Biglietti: 30, 25, 20 € (più diritto di prevendita). Riduzioni per studenti (con la Log-In Music card), scuole e associazioni.

 

Info Accademia Filarmonica Romana:

tel. 06-3201752, email promozione@filarmonicaromana.org

www.filarmonicaromana.org – Acquisto online: biglietteria.filarmonicaromana.org

 

Info Teatro Olimpico

Botteghino: aperto tutti i giorni 10-19 , tel. 06-3265991, email: biglietti@teatroolimpico.it

www.teatroolimpico.it – Acquisto online: biglietteria.teatroolimpico.it

Ufficio Promozione: tel. 06-32659927, email: ufficiopromozione@teatroolimpico.it

 

 

* * * * * * *

INIZIATIVE SPECIALI

 

Da un’idea dell’Associazione Civita e del Teatro Olimpico proseguono

LE INTERVISTE A TEATRO”

Mimmo Liguoro incontra Ara Malikian

MERCOLEDÌ 23 OTTOBRE, ORE 20.00

Incontro aperto al pubblico della serata

 

Per le pomeridiane di SABATO 26 (ore 17) e di DOMENICA 27 (ore 18)

BAMBINI SI CAMBIA MUSICA”

Iniziativa speciale dedicata ai bambini

 

Info Riduzioni e Prenotazioni

Elisa Pavolini 06 32 65 99 32 – promozione@teatroolimpico.it

 

* * * * * * *

TEATRO OLIMPICO

Da MARTEDI’ 22 a DOMENICA 27 OTTOBRE 2013

tutti i giorni ore 21, sabato ore 17 e 21, domenica ore 18

ANTEPRIMA DI STAGIONE

PaGAGnini

musica di Mozart, Pachelbel, U2, e naturalmente… Paganini

 

direzione musicale Ara Malikian

regia Yllana

direzione artistica David Ottone, Juan Francisco Ramos

 

creazione musicale e interpreti

Ara Malikian, Fernando Clemente, Thomas Potiron violini

Gartxot Ortiz violoncello

 

direttore di scena Ana Garay

disegno luci Diego Domínguez, Juanjo Llorens

fonico Luis López de Segovia, Jorge Moreno “Milky”

liutaio Fernando Muñoz

coreografia Carlos Chamorro

coreografia nacchere Cristina de Vega

direzione effetti speciali Willy Monroe

scene Peroni, Mambo decorados

costumi Maribel Rodríguez

attrezzeria Arte y Ficción

voce fuori campo Mabel Caínzos

testo voce fuori campo Ramón Sáez

direttore produzione Mabel Caínzos

direzione tecnica Pablo Hernández

ringraziamenti Teatro Meridional, Leo Bassi, Touch-me

 

una produzione Yllana e Ara Malikian

LEAVE A REPLY