Io, mai niente con nessuno avevo fatto,

0
183
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Dalila Romeo
Foto di Dalila Romeo

scritto e diretto da Joele Anastasi

con Joele Anastasi, Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano

aiuto regia Nicole Calligaris

costumi Giulio Villaggio

foto Dalila Romeo

video Giuseppe Cardaci, Elia Bei, Davide Maria Marrucci

organizzazione e distribuzione RAZMATAZ

produzione Vuccirìa Teatro in collaborazione con Diana Oris

durata della rappresentazione 70’ circa, senza intervallo

Forte del positivo riscontro ottenuto nella tournèe italiana, arriverà alTeatro Elicantropo di Napoli, giovedì 20 marzo 2014 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 23)lo spettacolo Io, mai niente con nessuno avevo fatto, opera prima di Joele Anastasi, che ne firma anche la regia, oltre ad essere in scena con Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano.

Con questo spettacolo la Compagnia Vuccirìa Teatro ha vinto il Bando Stazioni d’Emergenza/V atto/Nuove creatività 2014 di Galleria Toledo a Napoli, ed ha vinto il Roma Fringe Festival 2013, ottenendo il premio come Miglior Spettacolo, Migliore Drammaturgia a Joele Anastasi, Miglior Attore a Enrico Sortino.

Io, mai niente con nessuno avevo fatto indaga tematiche essenziali, difficili e profondamente attuali, adottando una visione originale, ma soprattutto cercando un contatto diretto con il pubblico, attraverso un linguaggio immediato.

Sullo sfondo di una Palermo crudele e spietata, si muovono tre personaggi, Giovanni, Giuseppe e Rosaria (interpretati rispettivamente da Joele Anastasi, Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano) tre corpi, a metà strada tra uomini e bestie, angeli e demoni, in bilico tra istinto e ingenuità, violenza e innocenza.

E’ la storia di Giovanni, siciliano, incarnazione dell’ingenuità e della passione allo stato puro, dell’innocenza che supera tutte le barriere della conoscenza e dell’ignoranza: un pezzo unico di anima che dice tutto quello che pensa, che crede a tutto quello che gli viene detto.

Giovanni è la forza e il coraggio di chi non riesce a vedere il mondo se non come uno spartito di note da danzare: l’istinto alla vita, alla sopravvivenza, al di là della malattia, al di là del male.

L’universo in cui gravitano i tre personaggi di questa pièce è un universo popolare. Uno scenario pieno di brutalità e d’istinto, dove nulla è comandato dalla mente ma solo dall’impulso del corpo. Uomini che sono bestie, che sono angeli, che sono demoni.

La violenza si scontra con l’ingenuità, in un mare di brutalità, dove Rosaria, cugina di Giovanni, è tutto per lui: sorella, fidanzata, madre e figlia. C’è spazio per l’amore, c’è spazio per la rivalsa, ma tutto ha un prezzo.

Giovanni lo sconterà attraverso gli occhi ambigui e violenti e il corpo pulsante e focoso di Giuseppe, insegnante di danza, unico amore-amante di Giovanni.

Tre attori, tre monologhi, tre vite in scena legati drammaturgicamente, ma che non interagiscono fra loro a livello scenico. Tre cellule, tre piccoli spazi evidenziati da altrettanti fari, tre finestre di emozioni, confessioni e sentimenti.

TEATRO ELICANTROPO

Inizio delle rappresentazioni ore 21.00 (dal giovedì al sabato), ore 18.00 (domenica)

Info e prenotazioni al 3491925942 (mattina), 081296640 (pomeriggio) email promozionelicantropo@libero.it

 

Con questo spettacolo la Compagnia ha vinto il Bando Stazioni d’Emergenza/V atto/Nuove creatività 2014 di Galleria Toledo a Napoli.

Precedentemente è risultata vincitrice del Roma Fringe Festival 2103 ottenendo il premio come Miglior Spettacolo, Migliore Drammaturgia a Joele Anastasi, Miglior Attore a Enrico Sortino.

E’ stato inoltre inserito al New York Fringe Festival in rappresentanza dell’Italia nel prossimo mese di agosto.

Lo spettacolo per il suo impegno a favore della sensibilizzazione e dell’informazione su una tematica sociale importante come AIDS, diversità e tolleranza, è patrocinato da ROMA CAPITALE Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, dalla LILA Catania, (Lega Italiana Lotta contro l’Aids), Gaycs Italia, Arci Gay Catania, Arci Gay Napoli, Arci Gay Campania, Palermo Pride, Stonewall, Gay Center, Andos, Di’gay Project, Circolo Mario Mieli, I-Ken.

E’ inoltre inserito nella Stagione Nova Vita di Teatro Tedacà in collaborazione con il progetto ‘Adotta una compagnia’ della Fondazione Live Piemonte dal Vivo – Città di Torino – Settore Politiche Giovanili e Quarta Circoscrizione.

La Compagnia

Vuccirìa Teatro, compagnia teatrale di recentissima formazione (2012), opera tra la Sicilia e Roma. Fondata da Joele Anastasi ed Enrico Sortino,collabora fin dall’inizio con la compagnia l’attrice Federica Carruba Toscano.

La Compagnia lavora sulla ricerca di un proprio linguaggio autorale che sia l’incontro tra una drammaturgia originale e una ricerca attoriale attiva. Al centro l’attore e le sue possibilità creative per giungere a un “essenzialismo” scenico che porti gli interpreti ad agire come “animali”, come specchio e come veicolo per raccontare quegli stessi personaggi che sono “bestie” ai margini della società.

Joele Anastasi così presenta la compagnia: ‘Crediamo in un teatro che nasca dall’esigenza di raccontare qualcosa di preciso. Chi fa teatro ha per noi ha la responsabilità di compiere un atto che non sia trascurabile. Evitare ciò che è trascurabile, ciò di cui si può fare a meno, ciò che non muove gli spettatori, che li intrattiene senza cambiarli senza farli tremare fin nel profondo.’

Io, mai niente con nessuno avevo fatto” è il loro primo lavoro.

Su un immaginario profondamente intimo ho cercato di gettare le basi per la costruzione della drammaturgia, nel tentativo di ascoltare semplicemente la mia esigenza, il mio personale “urlo solitario” impregnato di una forte connessione con tutte quelle emozioni grandi, grandissime, mastodontiche della mia terra. Un qualcosa di intimamente radicato ad una fortissima “sicilianità”. Facce vissute, bambini che giocano per strada, violenza, delinquenza, malattia e ignoranza si sono mescolati e sono diventati i pezzetti del mio puzzle, della storia che volevo raccontare.’ (Joele Anastasi)

Attualmente la compagnia è impegnata nella produzione del prossimo spettacolo “Battuage” che debutterà al Teatro Argot di Roma nel maggio 2104 (stagione Dominio Pubblico).

Iniziando a lavorare su Battuage mi sono trovato davanti a qualcosa di molto diverso dal mio primo lavoro, che ha abbandonato un po’ della luce che lo caratterizzava per abbracciare altro. E non posso che riconoscermi in quest’antitesi, che guida la mia vita. Battuage è proprio questo. Vuole portare a galla tutto quello che abbiamo rinchiuso a pressione dentro di noi. Come una scatola esplosa che riversa “un’altra natura”, intima e brutale, che ci parla di noi in maniera autentica e violenta, dolorosa solo per delle orecchie che non vogliono sentire ma non per le nostre. Un viaggio oltre la moralità, verso l’istinto e il nostro lato oscuro dove non serve indossare il vestito “buono” delle feste.’ (Joele Anastasi)

Joele Anastasi, dopo un biennio di formazione presso l’Accademia Internazionale del Musical di Catania, frequenta la Link Academy di Roma. Nel 2012 partecipa al Laboratorio Internazionale di Teatro della Biennale di Venezia tenuto da Claudio Tolcachir.

È protagonista di vari corti per cinema e televisione. In teatro è diretto da Silvio Peroni nello spettacolo ‘Scene da un grande affresco’. Nel 2013 è uno degli attori scelti dalla regista spagnola Angelica Liddell, all’interno della Biennale di Venezia 2013, per la realizzazione del primo studio de ‘Lo Stupro di Lucrezia’ che nel settembre 2014 debutterà all’Odeon di Parigi con successivo tour internazionale da ottobre a dicembre 2014. Firma la regia e la drammaturgia di “Io, mai niente con nessuno avevo fatto” con cui si aggiudica i premi Miglior Drammaturgia e Miglior Spettacolo al Roma Fringe Festival 2013

Vuccirìa Teatro debutterà in aprile con ‘Battuage’, il nuovo testo di Joele Anastasi, che continua il percorso di indagine e racconto dell’autore su famiglia, violenza, omosessualità, aids.

Enrico Sortino, classe 1978, frequenta giovanissimo l’Accademia di Arti drammatiche “Umberto Spadaro” del teatro Stabile di Catania, continua lo studio della drammaturgia e della musica presso l’Accademia “Corrado Pani” di Roma, diretta dai fratelli Claudio e Pino Insegno.Tra I lavori più importanti elenchiamo:

Per il cinema: “Gli Astronomi” diretto da Diego Ronsisvalle, “Ridi Ridi” diretto da Mirko Mucilli, “Mia” diretto da Robert Gilbert, “Native” diretto da Jhon Real (vincitore di tre Globi d’oro) e “Banned” diretto dai fratelli Giuliano.

Per i film TV: “Paolo Borsellino” diretto da G.M. Tavarelli, “Il commissario Rex” diretto da Marco Serafini, “Squadra Antimafia 6” regia di Samad Zamandili e Kristof Tassin.

Per il teatro: ‘Un diamante sulla fronte’ diretto da Caterina Spadaro, ‘Buonasera buonasera’ diretto da Claudio Insegno, “Buonasera buonasera” regia di Claudio Insegno, “I meneni” diretto da Walter Manfrè, “Io, mai niente con nessuno avevo fatto” di Joele Anastasi.

Per il Musical: “Les Folies de Paris (Moulin Rouge) regia Fulvio Crivello, ‘Caino e Abele’ e “La Baronessa di Carini” diretti da Tony Cucchiara, “Troglostory” regia di Angelo Tosto, ‘Macbeth’ diretto da Enrico Petronio, ‘Evita’ diretto da Marco Savatteri, ‘Rent’ diretto da Gisella Calì.

Vince il premio Miglior Attore al Roma Fringe Festival 2013. Nel 2006 fonda a Catania l’Accademia Internazionale del Musical che recentemente ha inaugurato la nuova sede a Palermo. Nel 2012 e 2013 è selezionato da Declan Donnellan e Nick Ormerod per la Biennale di Venezia.

Ha pubblicato il libro ‘Sette volte un uomo. I sette Peccati Capitali’.

Federica Carruba Toscano frequenta l’Accademia Europea d’Arte Drammatica “Link Academy” di Roma. Subito dopo il diploma la troviamo a teatro con la performance ‘A.M.O’ per la drammaturgia e regia del duo artistico Industria Indipendente e nel cortometraggio ‘Camera in affitto’, regia di Giancarlo Gallotti, col quale realizza anche lo spot per la campagna di sensibilizzazione ‘Siamo tutti Alzheimer’, dal titolo ‘Ruota di scorta’. Dal settembre 2012 vive tra Francia e Italia.

Attualmente è impegnata nella spettacolo ‘Vicini di stalla’, regia di Ninni Bruschetta e ‘Minchia Signor Tenente’ regia di Nicola Pistoia.

LEAVE A REPLY