Museo del Sottosuolo (Napoli): appuntamenti di aprile 2014

0
198
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoLa primavera irrompe con grande energia vitale al Museo del Sottosuolo di Napoli in piazza Cavour, 140, con esposizioni artistiche permanenti, concerti e spettacoli.

Sabato 12 aprile, alle 21.30, sul palco c’è Leonardo De Lorenzo, batterista partenopeo dall’anima multietnica, ed il suo quintetto, il Pictures Quintet.

La musica di Leonardo De Lorenzo si nutre di influenze e suggestioni variegate. Egli stesso la definisce una “musica totale”.

Partito da influenze rock e progressive, il musicista approda poi al jazz e alla musica classica, in particolare quella del ‘900. Il risultato di questo viaggio in musica è una peculiare cifra artistica che ‘amalgama’ diversi elementi e li rivisita in un modo del tutto personale.

Tra gli autori classici, particolarmente amati, che hanno conferito un’impronta unica alla musica di De Lorenzo spiccano: Puccini, Debussy, Ravel e Satie.

Sabato 19 aprile, sempre alle 21.30, toccherà a Mario Romano Quartieri Jazz nella formazione del Trio.

Sul palco Mario Romano alla chitarra manouche, Gianluca Capurro alla classica e Ciro Imperato al basso.

Ad essere protagonisti, oltre ad alcuni brani particolarmente amati e noti al pubblico, tratti dal cd ‘E strade cà portano a mare, anche due inediti: la tenerissima musica di “Cammen” e l’impeto di Vesuvia.

Musiche nate da due grandi amori: quello per la propria donna e quello per la propria città.

Ed ancora,solo per “ingolosire un po’ con qualche assaggio in musica, una sorsata di “Rum e speranzella”, una camminata per via Toledo (anche conosciuta a livello popolare come via Roma), un ritmo che invita a ballare con “Mambo Italiano”.

Ultima tappa del mese sabato 26 aprile, alle 21.30, con lo spettacolo “Tabù” del Quartetto Papanimico.

Il gruppo si muove su due binari espressivi: quello musicale e quello teatrale.

Attraverso la chiave dell’ironia, in una fitta rete di richiami mai fini a se stessi, bensì pronti a far nascere dubbi, collegamenti e riflessioni, il Quartetto Papanimico mira a promuovere la presa di coscienza dei condizionamenti di cui l’essere umano è vittima.

Condizionamenti e “gabbie”, convinzioni autolimitanti, piccoli e grandi vizi, cui non sfuggono neanche i paladini ed i miti della nostra infanzia come

Cappuccetto Rosso, Pippi ed altri eroi” (come recita il sottotitolo)

Ma adesso è il momento di riscuotersi al grido di “Invaderemo la Polonia!”

In un incrocio di musica e linguaggio teatrale verranno svelate “Vita e morte segreta degli eroi, le loro abitudini private, i loro tabù, un antro oscuro dove tutto accade

Fantasmi, apparizioni, uomini di latta col cervello di paglia e il pipino di gomma ( …scusa per il pipino), voci di dentro e di fuori, ninfe montane costrette a umilianti lavori

Questi ed altri improbabili personaggi hanno affrontato il risonante rehab-kebab papanimico. Dopo esser stati edotti ad un regime alimentare accuratamente studiato casa per casa, dalle migliori equipe di vagabondi e perdigiorno, sono pronti ormai ad integrarsi con gioia nella società moderna, privata dei suoi tonificanti tabù”.

Non scalerò le cupole celesti, ma non mi resta più che questa strada per cui trovare scampo al mio tiranno

Il progetto Papanimico nasce nel 2011 dall’ incontro di quattro intrepidi “onironauti”: Peppe Papa, Alberto Falco, Raffaele Natale e Dario Guidobaldi, grazie alla fusione di musica e teatro.

La chiave di volta è la creazione di un percorso che si nutre di brani e testi, inediti e non, il cui filo conduttore attraversa il panorama musicale italiano, dagli anni ‘20 ad oggi.

Emerge così un messaggio di unione fra generi assimilabili, grazie ad alcuni tratti distintivi comuni.

Tutti gli eventi sono arricchiti dal gusto enologico assicurato dai vini del Wine Bar Scagliola, Sommelier AIS, partner del Museo del Sottosuolo, accompagnati da gustosi stuzzichini. I vini, provenienti da vitigni autoctoni, sono quelli delle Cantine Santacosta.

Per chi voglia pernottare ci sui può rivolgere al B&B Civico 16, in via S. Pietro a Maiella, 16 (sponsor del Museo del Sottosuolo), in una zona suggestiva, famosa per i caffè letterari.

Il B&B Civico 16 assicura il rispetto di elevati standard ricettivi, con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Per maggiori informazioni e prenotazione obbligatoria (per ciascun evento) occorre mandare un’e-mail all’indirizzo booking@ilmuseodelsottosuolo.com (indicando almeno un nome e cognome di riferimento, un recapito telefonico valido ed il numero totale dei partecipanti).

La quota di partecipazione ad ogni evento, comprensiva di visita libera al Museo del Sottosuolo e calice di vino e stuzzichini e di 12 euro.

Museo del Sottosuolo 

Piazza Cavour, 140 – 80137 | Napoli

www.ilmuseodelsottosuolo.com –info@ilmuseodelsottosuolo.com

 

 

 

LEAVE A REPLY