Orchestra della Toscana: appuntamenti di Maggio 2014

0
207
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Firenze, Teatro Verdi giovedì 8 maggio 2014 ore 21.00 *

* concerto trasmesso in differita da Rai Radio3

Empoli, Palazzo delle Esposizioni – venerdì 9 maggio 2014, ore 21.00

Arezzo, Auditorium Fiere e Congressi – sabato 10 maggio 2014 ore 21.15

Tito Ceccherini direttore 
Floraleda Sacchi arpa  

Fabio Fabbrizzi flauto
C.TEDESCO Concertino per arpa e orchestra da camera
MOZART Concerto per flauto, arpa e orchestra K.299
SCHUBERT Sinfonia n.8 D.944 ‘La grande’

Tito Ceccherini è un direttore d’orchestra che ha confidenza con la contemporaneità. Di parecchi compositori d’oggi, tipo Sciarrino, Dufourt e Fedele, è l’esegeta: ne sa metter su senza scomporsi esecuzioni di partiture intricatissime.

In questo programma, quasi per contrappasso, gli vengono affidati autori in apparenza lontani dal suo mondo d’elezione – ma in realtà non è così, perché ormai lui bazzica regolarmente anche repertori più remoti. Perciò, in compagnia dell’arpista Floraleda Sacchi e del primo flauto dell’ORT Fabio Fabbrizzi, ecco il Settecento, con il Concerto per flauto, arpa e orchestra di un Mozart bramoso, invano, di ottenere le simpatie del pubblico parigino. Ecco poi la Sinfonia Grande, opera di uno Schubert desideroso, ugualmente invano, di conquistarsi l’applauso popolare nella sua Vienna. Infine, il Concertino per arpa e orchestra da camera di Mario Castelnuovo-Tedesco, scritto poco prima che le legge razziali spingessero il compositore fiorentino a rifugiarsi negli Stati Uniti.

Pisa, Teatro Verdi – giovedì 15 maggio 2014 ore 21.00

Firenze, Teatro Verdi – venerdì 16 maggio 2014 ore 21.00 *

* concerto trasmesso in differita da Rai Radio3

Cortona, Teatro Signorelli – sabato 17 maggio 2014 ore 21.15

Daniel Kawka direttore 
Isabelle Faust violino  
Umberto Codecà fagotto 
MALIPIERO Sinfonia n.11 ‘Delle cornamuse’ (1969)
BARTÓK Concerto n.2 per violino e orchestra op.112
ELGAR Romance per fagotto e orchestra
SIBELIUS Suite da ‘King Christian II’ op.27

Esibisce perle rare questo programma di Daniel Kawka, direttore principale dell’ORT votato principalmente al repertorio dal Novecento in avanti. E in effetti quasi tutto novecentesco è il menù odierno. Il pezzo più antico è la Suite dal Re Cristiano II (1898) in cui il finlandese Sibelius rilega assieme le musiche scritte per accompagnare la messinscena dell’omonimo dramma d’ambientazione cinquecentesca dell’amico Adolf Paul. La piccola Romanza per fagotto di Elgar, fondatore della moderna scuola compositiva britannica, data invece al 1911: la suona Umberto Codecà, primo fagotto dell’Ort. Del 1937-38 è il Concerto n.2 per violino di Bartók, da cui emergono richiami evidenti alla sua patria, l’Ungheria: solista Isabelle Faust, prediletta da Claudio Abbado. Il pezzo più recente (1969) è la Sinfonia Delle cornamuse del vegliardo Malipiero, uno di coloro che a inizio secolo avevano lottato perché la musica italiana si rinnovasse, ispirandosi all’avanguardia europea. 

Firenze, Teatro Verdi – mercoledì 28 maggio 2014 ore 21.00 *

* concerto trasmesso in differita da RTC

Poggibonsi, Teatro Politeama – giovedì 29 maggio 2014 ore 21.00

Thomas Dausgaard direttore 
Alban Gerhardt violoncello
PROKOF’EV Sinfonia concertante op.125
ČAJKOVSKIJ Sinfonia n.4 op.36

Thomas Dausgaard viene dal Nord. Nel Nord lavora: come direttore principale dell’Orchestra da Camera Svedese e direttore onorario dell’Orchestra Nazionale Sinfonica Danese. E di autori nordici – nomi pressoché ignoti da noi, tipo lo svedese Franz Berwald e il danese Rued Langgaard – è interprete appassionato. Ospite frequente delle sale di registrazione, vi ha inciso più di 50 cd. Oltre al podio Dausgaard ama pure l’avventura, perciò è stato agricoltore volontario in Cina, ha soggiornato nel Borneo con tribù di cacciatori e in un’isola remota del Pacifico confondendosi con la popolazione locale. Ultimamente collabora spesso con l’ORT. Stavolta esegue repertorio russo: la Quarta Sinfonia di Čajkovskij e la Sinfonia concertante di Prokof’ev, pagina che fa tremare le vene e i polsi al solista, qui il violoncellista Alban Gerhardt che ha respirato musica da quando era in fasce, visto che il padre era violinista dei Berliner. 

Stagione Concertistica – Posti numerati

I settore (Platea e I ordine di palchi) €16 intero – €14 ridotto

II settore (Galleria e II, III…ordine di palchi) €13 intero – €11 ridotto

(tutti più diritti di prevendita)

Biglietti in vendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi
(tel. 055 21.23.20 – orario 10/13 e 16/19) e presso tutti
i punti del Circuito Regionale Box Office.
On line su
www.teatroverdionline.it

di seguito il link con materiale fotografico:

www.orchestradellatoscana.it/download/MAG.zip

 

 

LEAVE A REPLY