Solitudine

0
277
Condividi TeatriOnline sui Social Network

solitudine2adattamento Filippo Taricco e Beppe Rosso – con Beppe Rosso – regia Beppe Rosso – scene Lucio Diana – luci Cristian Zucaro – movimenti scenici Ornella Balestra – macchinista Marco Ferrero

una produzione ACTI Teatri Indipendenti, con il sostegno del Sistema Teatro Torino e Provincia, con la collaborazione della Fondazione Ferrero di Alba

In attesa delle cene al cimitero a partire dal 29 maggio – format di grande successo già sperimentato la scorsa estate con lo spettacolo “Attenzione alle vecchie signore corrose dalla solitudine”-, la stagione Santa Cultura in Vincoli chiude la sezione dedicata alla prosa con uno spettacolo in occasione dell’Anniversario della Liberazione.

Ed ecco che, martedì 6 maggio nello spazio dell’ex cappella del cimitero viene presentato lo spettacolo SOLITUDINE, dal teatro partigiano di Beppe Fenoglio, in scena Beppe Rosso, che ne cura anche la regia.

Attorno all’atto unico “Solitudine”(pubblicato sulla “Gazzetta del Popolo” di Torino nel febbraio del 1963, alcuni giorni prima della morte di Beppe Fenoglio) si snoda e si dipana la vicenda dell’intero spettacolo. Fenoglio negli ultimi anni, spinto dalla passione per il teatro, e dalla sua potente capacità dialogica, produsse una serie di scene e monologhi che, nella sua intenzione, avrebbero dovuto costituire un’opera teatrale compiuta.

Lo spettacolo porta alla luce e intreccia quelle scene e frammenti del teatro “partigiano” che ci permettono di intravedere lo scheletro d’insieme di questo lavoro incompiuto.

Siamo nell’inverno del ’44. In seguito all’ordine del generale americano Alexander, i partigiani si sbandano e vivono “come marmotte, uno per collina”. I disagi della vita in comune lasciano il posto ad un’intollerabile solitudine. Un tempo sospeso che impone l’attesa. E le atmosfere del dramma a tratti si fanno beckettiane, altre volte drammatiche o paradossalmente ironiche.

L’autore propone una nuova prospettiva” spiega Beppe Rosso, autore e attore dello spettacolo “ciò che nei testi precedenti veniva letto come valore assoluto, come scelta senza compromessi, qui viene messo in discussione. Il partigiano e la sua condizione durante lo sbandamento diventa problematica, il disagio si fa concreto ed esistenziale. Un dramma che a tratti mostra una perdita di coordinate e svela le paure di questi giovani ragazzi combattenti. La scena si popola di personaggi mitici, tragici, sarcastici, contraddittori, inconciliabili con il mondo ma tremendamente umani”.

Nel dramma di Fenoglio tutti i protagonisti sono soli. Parlano tra loro, ben sapendo che nessuno arretrerà dalle proprie posizioni. C’è la solitudine di Perez, il comandante partigiano, che conosce il suo dovere di militare e sa di risultare odioso alla popolazione. C’è quella quasi animale di Sceriffo, che non resiste nascosto e ha bisogno di sentir la voce di una donna. C’è la solitudine di Nick, più metafisica, simile a quella di Johnny.

Fenoglio, che dopo un periodo di marginalità è ora considerato uno dei principali autori del 900 italiano, con una scrittura dura e asciutta, dalle ambientazioni brutali e commoventi, riesce a restituirci l’essenza dello sbandamento, con una precisione che a volte appare più nitida di quella raggiunta nel suo romanzo Il partigiano Johnny.

La stagione SANTA CULTURA IN VINCOLI 2.0 è ideata e realizzata da ACTI Teatri Indipendenti in collaborazione con LabPerm di Domenico Castaldo, con il contributo di Compagnia di San Paolo e il patrocinio della Circoscrizione 7.

Santa Cultura in Vincoli sostiene la Fondazione Simona Galletto Onlus, la prima fondazione in Italia nata per dare un aiuto concreto alle vittime dei grandi traumi.

——————————————————————————————————————————————

INFO

San Pietro in Vincoli Zona Teatro: via San Pietro in Vincoli 28, Torino

——————————————————————————————————————————————

Biglietti

intero € 14, ridotto di legge € 12 (under 25 e over 60), ridotto extra € 10 (residenti Circoscrizione 7, studenti universitari)

——————————————————————————————————————————————

Prevendita

TORINO: ACTI Teatri Indipendenti (via San Pietro in Vincoli 28) – lun-ven ore 10-15

Punti vendita del circuito Ticket

ON LINE: www.ticket.it (+ diritti di prevendita)

A partire dalle ore 20 nelle serate di spettacolo

CONTATTI

ACTI Teatri Indipendenti

via San Pietro in Vincoli 28, Torino

0115217099 – 3313910441

info@teatriindipendenti.org – www.teatriindipendenti.org

ufficio stampa: Veronica Stilla – mob. 3391957307

LEAVE A REPLY