Giovanna the Neapolitan Queen. Serial Killer Woman Crazy Horse

0
254
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIl 28, il 29 e il 31 luglio alle ore 21,00 va in scena nel Chiostro di San Domenico Maggiore (vi si accede dall’omonima piazza risalendo il vico san Domenico che costeggia il complesso monumentale) lo spettacolo musicale in costume “Giovanna the Neapolitan Queen. Serial Killer Woman Crazy Horse”.

Autore del lavoro è il presidente dell’Associazione Culturale “Il Principe dei Sogni”, Giuseppe De Chiara, qui anche in veste d’attore nel ruolo della regina Giovanna II d’Angiò – Durazzo che fu sul trono di Napoli nella prima metà del XV secolo; le musiche inedite sono del M° Stefano Busiello, le coreografie sono di Floriana Cafiero e la regia è di Giuseppe De Chiara.

Più che le sue vicende biografiche, lo spettacolo intende raccontare le leggende metropolitane che intorno a lei fiorirono o che le furono attribuite, inscenandole in luoghi per lei improbabili come il Palazzo donn’Anna che venne costruito due secoli in cui visse la nostra eroina, in un testo che non rifiuta di giocare con tali anacronismi in un miscellanea fiabesca nient’affatto tranquillizzante.

Due, sono le leggende che le vengono attribuite, con tutte le loro possibili varianti:

  1. La leggenda del coccodrillo. Si racconta che la regina volesse talmente bene al suo coccodrillo che gli desse da mangiare i suoi amanti di ogni notte. In un alcova dotata di una botola, la famelica regina faceva lì convergere il suo malcapitato dopo aver consumato il suo pasto d’amore e alla maliarda non restava altro che tirare una corda che faceva aprire la botola sotto di lui e lo precipitasse nelle fauci dell’alligatore. Un’altra versione racconta di come pur di procurargli il pasto, la regina non si risparmiasse di frequentare le taverne del porto sotto le (mentite?) spoglie di meretrice;

  2. La leggenda del castagno dei cento cavalli. È un castagno che tutt’ora esiste alle pendici dell’Etna, un tronco, cavo al suo interno, con 22 metri di circonferenza dove si dice che un giorno vi trovassero rifugio dallo scoppio di un improvviso e violento temporale estivo, la regina fin allora troppo accaldata, con al suo seguito i cento cavalli su cui galoppassero i cento cavalieri e dame. E dentro l’albero le capita ciò che può capitare a tutte le donne: la regina viene presa da un attacco di ninfomania. Non basta l’intero esercito di cavalieri per soddisfare le brucianti voglie della sovrana fin quando al saggio palafreniere non sovviene l’idea geniale: passare allo stallone l’arduo compito. La regina non solo è soddisfatta ma da quel puledro baderà a non più allontanarsi.

De Chiara riesce a raccontare tali leggende come degli intermezzi musicali come una sorta di avanspettacolo barocco in cui il coccodrillo canta e balla insieme alla regina e il palafreniere al seguito del cavallo fa altrettanto in tutto questo avvalendosi delle musiche del M° Stefano Busiello e delle coreografie di Floriana Cafiero.

La seconda parte dello spettacolo è la toeletta della regina Giovanna e intende raccontare un momento fondamentale della sua vita di sovrana. Capitata per caso sul trono di Napoli a causa della morte per avvelenamento di suo fratello, l’indomabile re Ladislao, e senza alcuna esperienza di governo, alla regina viene In una sorta di ars amatoria quattrocentesca la regina darà consigli alle donne per conquistare il proprio uomo o per tenerselo legato.

Strano a dirsi ma pure da una serial killer woman, vien fuori l’umanesimo – quattrocentesca o forse l’ambiguità barocca, che indica nell’equilibrio il segreto della seduzione.

In un pezzo musicale di squisita fattura e di raffinatissimi versi, si spinge la donna a coltivare la sua doppia natura, per cui ella deve essere, allo stesso tempo, casta e libidinosa, pudibonda e licenziosa, vereconda e lussuriosa, difficile preda quanto basta per destare il desiderio di possesso, ma mai irraggiungibile per non scoraggiare nessun potenziale amante, il tutto espresso nel doppio verso finale: dev’essere ogni donna / sia Fiammetta che Beatrice.

 Giuseppe De Chiara

Link di riferimento https://www.youtube.com/channel/UC6ObVhCtt0-4EV7bnWIl5-A

https://www.facebook.com/events/732670993457843/?fref=ts

https://www.facebook.com/peppedechiara/media_set?set=a.2316332520934.122685.1628119493&type=3

LEAVE A REPLY