moro: i 55 giorni che cambiarono l’Italia

0
213
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoscritto da Ferdinando Imposimato e Ulderico Pesce

diretto e interpretato da Ulderico Pesce

interventi in video del Giudice Ferdinando Imposimato

produzione Centro Mediterraneo delle Arti

“Non l’hanno ucciso le Brigate Rosse, Moro e i ragazzi della scorta furono uccisi dallo Stato”. Questa frase è il fulcro centrale dello spettacolo scritto da Ferdinando Imposimato e Ulderico Pesce che lo interpreta e lo dirige dal 25 al 30 novembre al Teatro India. Sul palcoscenico gli interventi video del giudice Ferdinando Imposimato, titolare dei primi processi sul caso Moro, che interagisce con il protagonista rivelando verità rimaste nascoste per quarant’anni. “moro: i 55 giorni che cambiarono l’Italia” è il titolo dello spettacolo con la “m” minuscola a voler sottolineare che nel cognome del grande statista si ritrova la radice del verbo “morire”. Come se la “morte” di Aldo Moro fosse stata “scritta” per bloccare il dialogo con i socialcomunisti assecondando i desideri dei conservatori statunitensi e dei grandi petrolieri americani rappresentati in Italia da Giulio Andreotti e Francesco Cossiga che, dopo la morte di Moro, ebbero una folgorante carriera e condannarono l’Italia alla “sudditanza” agli USA.

Moro sente che uomini di primo piano del suo stesso partito “assecondano” la sua morte trincerati dietro “la ragion di Stato” e lo scrive in una delle ultime lettere che fanno da leit motive dello spettacolo: “Il mio sangue ricadrà su di voi, sul partito, sul Paese. Chiedo che ai miei funerali non partecipino né Autorità dello Stato, né uomini di partito. Chiedo di essere seguito dai pochi che mi hanno voluto veramente bene e sono degni di accompagnarmi con la loro preghiera e con il loro amore”.

Il racconto scenico parte dai fatti del 16 marzo 1978 quando fu rapito Aldo Moro e furono uccisi gli uomini della scorta: Raffaele Iozzino, Francesco Zizzi, Domenico Ricci, Giulio Rivera e Oreste Leonardi. Raffaele Iozzino, unico membro della scorta che prima di morire riuscì a sparare due colpi di pistola contro i terroristi, era di Casola di Napoli e proveniva da una famiglia di contadini. Raffaele, alla Cresima, aveva avuto in regalo dal fratello Ciro un orologio con il cinturino in metallo. Ciro, quella mattina del 16 marzo era a casa e casualmente, grazie al vecchio televisore Mivar, vide l’immagine di un lenzuolo bianco che copriva un corpo morto. Spuntava da sotto al lenzuolo soltanto il braccio con l’orologio della Cresima. Questa è l’immagine emblematica che ricorre più volte nelle video proiezioni, questa immagine è la radice prima del dolore di Ciro, protagonista dello spettacolo. Questo dolore diventa rabbia, e questa rabbia lo spinge a rintracciare il giudice Imposimato titolare del processo al quale chiede di sapere la verità. Sarà il rapporto tra Ciro e il giudice, strutturato sul desiderio di verità, a rendere chiaro al pubblico che la morte di Moro e dei giovani membri della scorta, è stata “assecondata” dai più alti esponenti dello Stato italiano con la collaborazione dei Servizi segreti americani.

INFO TEATRO INDIA: Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma

Ufficio promozione Teatro di Roma: tel. 06.684.000.346 – www.teatrodiroma.net

Orari spettacolo: 25 | 30 novembre – tutte le sere ore 21.00 I domenica ore 18.00 I lunedì riposo

LEAVE A REPLY