La stagione di “Top-Teatri off Padova” tra Boris Vian e il mito di Narciso

0
313
Condividi TeatriOnline sui Social Network

logo TopSabato 28 marzo doppio appuntamento con la stagione teatrale di Top. Alle 21.00 al Teatro San Clemente omaggio a Boris Vian con lo spettacolo “Amo l’amore che fa Boom”, produzione Amistad Teatro, con Loris Contarini e Paolo Valentini (chitarra). Alle 21.30 ai Carichi Sospesi è di scena “Narciso. Racconto tragicomico di un mito”, produzione C.P.E.M. Teatro, per la regia di Monica Bonetto, di e con Stefano Dell’Accio, e musiche dal vivo eseguite da Davide Sgorlon.

Sabato 28 marzo proseguono a Padova gli spettacoli della prima stagione di “Top-Teatri off Padova” con un doppio appuntamento al Teatro San Clemente e al Teatro dei Carichi Sospesi.

Amo l'amore che fa boom 3
Loris Contarini

L’attore e regista Loris Contarini, accompagnato da Paolo Valentini alla chitarra saranno protagonisti, alle 21.00 al Teatro San Clemente, di “Amo l’amore che fa boom!”, spettacolo di teatro-canzone, diretto da Loris Contarini, che intreccia prosa, poesia e canzoni, tutte firmate Boris Vian, a cui gli autori vogliono rendere omaggio. Morto nel 1959 a Parigi a soli 39 anni, Boris Vian, malato di cuore, sapeva che non sarebbe vissuto a lungo e dunque visse a una velocità e un’intensità che tolgono il fiato. Di lui, l’amico Raimond Quenau scrisse che tutta la mole di lavoro e di energia non era che la punta dell’iceberg: “Boris Vian si prepara ancora a diventare Boris Vian”. Tutta la sua opera è un “inno alla vita”, una mistura di elementi opposti, un’alchimia magica fra leggerezza e “gravità”. “Amo l’amore che fa boom!” è un omaggio non solo alla sua creatività così poliedrica ma anche alla capacità di Vian di voler vivere fino in fondo, senza risparmio, una vita che è diventata un’antologia straordinaria di creatività.

Al Teatro dei Carichi Sospesi, a partire dalle 21.30, è di scena il monologo, con accompagnamento musicale dal vivo, “Narciso. Racconto tragicomico di un mito”, produzione della Compagnia Comunque Polonio Era Malato Teatro (C.P.E.M.), di e con Stefano Dell’Accio e musiche dal vivo eseguite da Davide Sgorlon. Collaborazione drammaturgica e regia di Monica Bonetto. Un moderno aedo racconta, con scanzonata immedesimazione, il mito di Narciso e le vicende dei personaggi che ne fanno parte: le paure, le insicurezze, la gioia, l’imbarazzo, la passione travolgente di un adolescente eccezionale, eppure così simile agli adolescenti di ogni tempo, che annega nel dolore di un rifiuto. Un io narrante assume di volta in volta l’identità dei personaggi citati facendoli interagire tra loro in una narrazione suddivisa in quattro momenti principali: un prologo introduttivo che spiega la figura dell’aedo e la sua funzione; l’antefatto che presenta i personaggi della storia e le loro caratteristiche; il racconto della vita di Narciso sino all’adolescenza; l’epilogo struggente di Narciso alla fonte. Ad accompagnare le parole, al posto di una cetra, l’impeto ribelle di una Fender Telecaster.

Biglietti: Intero: 10 €
Adulti e bambini superiori ai 12 anni; Ridotto: 8 €
Studenti con “Studiare a Padova Card”, corsisti TOP, fino ai 12 anni; Gratuito: Bambini fino a 3 anni

Carnet TOP 5: 40€. Acquistando il Carnet TOP 5 al prezzo di 40€ puoi vedere 5 spettacoli delle Rassegne TOP al prezzo di 4.

La rassegna di “Top-Teatri Off Padova” è realizzata con il Patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia e del Comune di Padova.

Per informazioni
info@teatrioffpadova.com
www.teatrioffpadova.com

Previous articleAntonio Cornacchione e Lucia Vasini inaugurano la quarta stagione di Musikè
Next article“La belle joyeuse” di Gianfranco Fiore
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY