Solo chi sogna

0
264
Condividi TeatriOnline sui Social Network

solochisogna_cartolinaDebutta il 20 marzo al Teatro Colosseo di Torino il musical SOLO CHI SOGNA.
Lo spettacolo porta in scena la storia di don Bosco in occasione del Bicentenario dalla nascita 1815-2015.

L’opera completamente originale scritta e diretta da Mario Restagno con musiche di Walter Orsanigo e Paolo Gambino, è promossa da Accademia dello Spettacolo e coprodotta con la società cooperativa Teatro dei Sogni. Le coreografie sono firmate dalla giovane Lucia Carnevale, la scenografia di Paolo Vallerga e Angelo Fernando Galeano cura la preparazione vocale.

Il cast

MICHELE CARFORA sarà Don Bosco ed a VALENTINA GULLACE, nel ruolo di Ravveduta, è affidato il compito di raccontare la sua storia. L’Antagonista, colui che rappresenta di volta in volta i poteri clericali e politici che si oppongono al cambiamento, sarà interpretato da LUCA MAGGIORE mentre FABIANA GARIGLIO vestirà i panni della Marchesa di Barolo. MANUELA TASCIOTTI sarà Mimì, l’avida amministratrice di Casa Bellezza. A UGO FIAMINGO il ruolo del teologo Giovanni Borel. Special guest, FRANCO TRAVAGLIO interpreterà il viscido Mello.

A completare il cast 20 giovani artisti.

Lo spettacolo

L’epoca vissuta da don Bosco non fu per Torino probabilmente migliore o peggiore di quella che i giovani vivono oggi. Nel 1845 il mondo stava cambiando: la rivoluzione industriale era in atto e non era facile capire quale futuro si stava preparando.

Oggi viviamo un tempo di cambiamenti sociali, tensioni internazionali e conflitti e la crisi dell’occupazione si ripercuote sui giovani demolendo certezze e speranze per il futuro.

Lo spettacolo riflette su un uomo che ha affrontato il suo tempo e le sue paure, vivendo la fame, il dolore, la perdita, ma che ha saputo trarre da esse la determinazione per proseguire la sua strada, nonostante le numerose difficoltà.

Tutt’altro che un’opera celebrativa ed encomiastica, “Solo chi Sogna” propone una rilettura della storia di uomo da un punto di vista non consueto, evidenziando inadeguatezze e irregolarità del sistema educativo del tempo.

Un’opportunità per i giovani di prendere consapevolezza delle loro possibilità e comprendere il loro valore all’interno della società.

Un’opportunità per gli adulti che deve portarli a riflettere sull’importante ruolo che rivestono come modello in grado di trasmettere ai giovani ideali corretti e speranza per il futuro.

Trama

Torino 1845. La Marchesa Giulia Colbert di Barolo assume don Bosco come cappellano e lo destina provvisoriamente a seguire le ragazze del Rifugio, “giovani donne ferite nel corpo e nell’anima”. La Marchesa concede nello stesso tempo alcuni spazi per le attività dell’oratorio. Un ecclesiastico in carriera raccoglie e alimenta l’avversione nei confronti dell’oratorio e stringe alleanza con la signora Mimì, padrona di casa Bellezza, per ottenere informazioni su don Bosco che possano danneggiarlo.

La Marchesa comincia a preoccuparsi per la salute di Don Bosco che lavora troppo: gli chiede di lasciare i giovani e dedicarsi solamente alle ragazze del Rifugio, ma lui non accetta. Sarà licenziato e l’oratorio dovrà spostarsi nella nuova sede a San Pietro in Vincoli ottenuta dal Comune: ma lo schiamazzo che fanno i giovani disturba la quiete del luogo e vengono subito scacciati con un ordinanza del Prefetto.

Giovanni Borel, amico di don Bosco, cercherà di farlo ragionare e per il suo bene gli chiede di ridimensionare i suoi sogni. Quando tutte le strade paiono chiuse e don Bosco, colpito da un’improvvisa malattia, sembra vicino alla morte, gli eventi volgono per un altro verso.

—————-

INFO E PREVENDITA

Accademia dello Spettacolo

Via Luserna 16, Torino

011.4347273

www.accademiadellospettacolo.it/solochisogna/

LEAVE A REPLY